Paddy Clarke ah ah ah!

di | Editore: Guanda
Voto medio di 1673
| 157 contributi totali di cui 151 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Se solo mamma e papà la smettessero di litigare... Sincero, allegro, tremendamente triste e spesso tutte queste cose insieme, Paddy Clarke ah ah ah! descrive il mondo con gli occhi e il linguaggio inventivo e illuminante di un bambino.
Pucci58
Ha scritto il 09/06/17
Mi è piaciuto? Non mi è piaciuto? Sono confusa, non ho ancora ben chiaro se dare un giudizio positivo o no. Posso dire che si, mi è piaciuto lo stile narrativo, la descrizione di un mondo visto e raccontato da un ragazzino irlandese di 10 anni, Paddy...Continua
Alberto
Ha scritto il 18/11/15
Un naufrago in Irlanda (... e non c'è molto da ridere)
Essere bambini e guardarsi dentro. ci sono i lembi sporchi di una coscienza ritmata dalle ramanzine dei grandi e dai miti dell'ignoto. c'è l'esigenza di sentirsi accettato la rabbia tenace nei confronti di tutto e tutti. l'esigenza salvifica di devas...Continua
Serena
Ha scritto il 10/10/15

Niente a che vedere con Due pinte di birra per fortuna, ma proprio non scatta il feeling tra me e Doyle, troppo "di palo in frasca" per i miei gusti. Tranne le parti molto toccanti in cui Paddy spia le litigate dei genitori.

Slowsloth
Ha scritto il 20/09/15

La realtà vista dagli occhi di un bambino. a volte toccante, a volte banale. Un viaggio in un'epoca ormai lontana in cui i bambini giocavano all'aperto e rischiavano la vita con leggerezza.

Fliky Farseer
Ha scritto il 26/07/15
Questa è l'infanzia che ricordo io
Questo libro vorrei farlo leggere (assieme al Signore delle Mosche) a tutti quelli che idealizzano l'infanzia come un periodo di gioia e innocenza e i bambini come dolci angioletti ingenui. Roddy Doyle è bravissimo a evocare un periodo della vita in...Continua

Manuel1781
Ha scritto il Sep 29, 2015, 09:59
"Sapevo un sacco di cose perché non facevo che leggere. Spesso mi mettevo a leggere sotto le coperte, con la pila accesa, e non solo la sera quando andavo a letto; mi sembrava che così la lettura fosse più eccitante, mi sentivo come una spia, col cuo...Continua
The Lizard
Ha scritto il Jan 04, 2010, 18:06
No, la signora Quigley non ci faceva paura. "A noi non può mica farci mangiare nulla." Era questo l'unico modo in cui avrebbe potuto farci fuori: avvelenamento. Non ce ne aveva altri. E non era nemmeno tanto piccola e rugosa da spaventarci. Era più...Continua
Pag. 85
The Lizard
Ha scritto il Jan 04, 2010, 18:01
I nostri banchi, a scuola, ci avevano un odore di chiesa. Quando Henno ci diceva di dormire, incrociavamo le braccia e poggiavamo la testa sul banco e sentivo lo stesso odore che si sente nei banchi di chiesa. Mi piaceva da pazzi. Era un odore forte...Continua
Pag. 69
The Lizard
Ha scritto il Jan 04, 2010, 17:57
Ecco com'era fatto, papà. Ogni tanto si arrabbiava e diventava cattivo, veramente cattivo, per delle robe da niente. Certe volte, prima ti impediva di accendere la tele, poi, magari dopo qualche minuto, si sedeva per terra con noi a guardarla, mai tr...Continua
Pag. 44
The Lizard
Ha scritto il Jan 04, 2010, 17:44
Se mentre facevi una boccaccia, o fingevi di essere balbuziente, cambiava il vento, oppure qualcuno ti dava una pacca sulla schiena, ci restavi. Per esempio Declan Fanning - aveva quattordici anni e i suoi genitori volevano mandarlo in collegio perch...Continua
Pag. 18

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Apr 15, 2016, 15:50
823-914 DOY 11224 Letteratura Inglese

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi