Padri e figli

Di

Editore: Garzanti Libri

4.1
(1866)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 214 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Russo , Tedesco , Spagnolo , Finlandese

Isbn-10: 8811580196 | Isbn-13: 9788811580195 | Data di pubblicazione:  | Edizione 8

Traduttore: M. Crepax

Disponibile anche come: Paperback , Cofanetto , Tascabile economico , Copertina rigida , Rilegato in pelle , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Padri e figli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Quando nella casa di campagna di Nikolaj Kirsanov arriva il figlio Arkadij conl'amico Evgenij Bazarov, si delinea subito il conflitto tra vecchie e nuovegenerazioni. Evgenij è un giovane medico, fiducioso solo nelle scienze sperimentali, un nichilista, lo definisce l'autore, con un termine che avrebbe poiavuto grande fortuna. Le sue idee turbano Kirsanov e irritano suo fratello,lo scettico Pavel. In una città vicina i due incontrano la bella vedova AnnaOdincova di cui Bazarov si innamora, ma da cui è rifiutato. Dopo un duellocon Pavel, Evgenij contrae, durante un'autopsia, un'infezione che non vuolecurare e muore assistito da Anna, con pietà, ma senza amore.
Ordina per
  • 3

    Russia,1859,Nicolaj Petrovic Kirsanov è nato nella russia meridionale,ha 44 anni,ed è un possidente agricolo,è zoppo e sgraziato,esattamente il contrario del fratello Pavel che è elegante e aristocrat ...continua

    Russia,1859,Nicolaj Petrovic Kirsanov è nato nella russia meridionale,ha 44 anni,ed è un possidente agricolo,è zoppo e sgraziato,esattamente il contrario del fratello Pavel che è elegante e aristocratico nei modi ed ha un passato da militare.
    Nicolaj ha un figlio,Arcadij che manda a studiare all'università di Pietroburgo,dove il ragazzo conoscerà Evgenij Vasil'ev Bazarov,un giovane figlio di un ex medico militare.
    Barzov è un nichilista,irremovibile sulle sue idee,sbruffone e a volte poco educato non si fa remore nell'attaccare le persone che la pensano diversamente da lui.
    I due ragazzi si innamoreranno però della stessa donna,Anna Sergeevna Odincova,un affascinante vedova di 28 anni,ma la superficialità di Barzov andrà anche oltre,arrivando fino ad un duello con la pistola che avviene con lo zio di Arcadij e inevitabilmente la strada dei due ragazzi prenderà direzione diverse.
    In una cornice dipinta magistralmente,tra contadini poveri e aristocratici annoiati l'autore ci mostra il conflitto generazionale tra due generazioni,padri e figli e tra due opposte correnti di pensiero.
    Nonostante la brevità di questo romanzo si tratta di un vero e proprio classicone russo,i personaggi sono ben delineati,facilmente riconoscibili,i dialoghi tra loro sono molto diretti,chiari,al contrario di molti altri autori connazionali Turgenev non da vita a molti personaggi,ma quelli presenti sono davvero di spicco.Le descrizioni dei passaggi sono evocative e lo stile di scrittura è decisamente piu snello rispetto ad altri "colleghi russi".
    La trama è un lento scorrere della vita di questi ragazzi,che nonostante gli agi si annoiano,uno scorcio sulla vita dell'epoca.
    Personalmente mi è piaciuto ma non mi ha fatta innamorare,è un libro lento,anche se verso la parte fiinale riprende ritmo e lascia un po con l'amaro in bocca.

    ha scritto il 

  • 5

    Che belli i nichilisti russi!!!

    Che belli i nichilisti russi!!! Al giorno d’oggi, con il linguaggio dell’attualità che ci fagocita e che fa decadere l’argomentazione a mero slogan li potremmo accostare a dei “rottamatori” o al cosid ...continua

    Che belli i nichilisti russi!!! Al giorno d’oggi, con il linguaggio dell’attualità che ci fagocita e che fa decadere l’argomentazione a mero slogan li potremmo accostare a dei “rottamatori” o al cosiddetto elettorato di riferimento di qualche pseudo-partito politico che professa il nuovo che avanza, il giovanilismo a tutti i costi, senza avere nemmeno il pudore di domandarsi quanto di conservatore vi sia in tutto ciò.
    Forse ci sbaglieremmo: aldilà delle dovute proporzioni date dal contesto storico incommensurabile, Bazarov il protagonista indiscusso di questo capolavoro senza tempo ed incarnazione di quel nichilismo, troppo spesso frainteso, fatta la tara al suo cinismo ed al suo sardonico disincanto rappresenta un “tipo” umano, certo di oltre 150 anni fa, ma che ancora ci parla e ci interroga.
    E allora perché ci parla ancora un romanzo come questo? Certo, la scrittura, i dialoghi, la pletora di personaggi come tutti gli affollatissimi romanzi russi dove ricordarsi i nomi dei protagonisti è già un’ impresa. Un caleidoscopio di personaggi dai quali basterebbe musicalmente lasciarsi trascinare senza domandarsi delle istanze di cui si fanno portatori: i padri e i figli, didascalicamente direbbero alcuni i rottamati e i rottamatori. La figura di Bazarov naturalmente svetta su tutte le altre:

    “considerava un dovere nascondere e i suoi sentimenti, non per niente era un nichilista”

    Quando in fondo più che un nichilista Bazarov incarna vizi pregi e difetti dei giovani (tutti conservatori), un giovane della nobiltà russa che faceva esperimenti con le rane, è uno scienziato.
    C’è il romanzo “classico” che è anche la saga di una famiglia, i Kirsanov, lo spiritualismo russo contrapposto al materialismo tecnico europeo, la diversità russa, c’è l’amore che lo pervade o la sua ricerca che aleggia ovunque, molti vi girano intorno ma non lo trovano, alcuni invece lo trovano (Arkadij con Katja, Pavel Petrovic con Fenecka), altri lo sognano soltanto, ad altri è sfuggito (Bazarov) ed è quasi taciuto con pudore, con la somma maestria della sua rappresentazione che può dare solo un grande narratore, perché dicendola con il protagonista-autore stesso:

    “ e poi davvero un uomo può sempre dire ad alta voce quello che avviene dentro di lui?”

    Ci sono scene indimenticabili come quella del duello, ma appunto ci sono i personaggi che fuggono da qualsiasi considerazione ed esegesi sul romanzo stesso e ne assumono il comando, anche quelli minori ed indimenticabili: la principessina, figura bellissima di anziana matriarca avvizzita a cui tutti mostrano una qual forma di devozione indifferente, la Kuksina, la studiosa di scienze naturali, incarnazione di quel positivismo così lontano dal tradizionale spiritualismo russo ed emblema del nuovo mondo che avanza ed al quale l’aristocrazia russa guarda con diffidenza, sospetto ed orrore, questo che è poi il territorio di scontro generazionale, fra i padri e i figli, altre figure indimenticabili come quell’ Arina Vlasevna, prototipo di una donna di campagna superstiziosa che credeva che un fungo smettesse di crescere se un occhio umano lo guardava o che non mangiava cocomeri perché ricordavano la testa di Giovanni battista, e così via, insomma una donna russa e di campagna di 150 anni fa, ma che possiamo trovare ancora oggi in qualche paese sperduto fra le nostre montagne o campagne.
    Forse non serve a niente quindi domandarsi cosa sia questo nichilismo di cui i giovani si fanno profeti, nichilismo che peraltro ha avuto una connotazione storica e politica ben precisa nella Russia zarista della seconda metà dell’ottocento, quali siano le sue basi psicologiche ed esistenziali:
    “quella tristezza immotivata che conoscono solo gli uomini molto giovani”.. cosa di più attuale in tanti giovani di oggi alle nostre latitudini occidentali”
    ma appunto basta solo lasciarsi trasportare dalla voce di un grande narratore.
    Ultima annotazione: Paolo Nori, traduttore, curatore e scrittore è insuperabile (chissà se anche lui è partito per Baden Baden).

    ha scritto il 

  • 5

    A Dostoevskij Turgenev non era simpatico, tanto che nel romanzo I Demoni lo ritrasse in maniera poco lusinghiera adombrandone la figura nel personaggio dello scrittore filoccidentale Karmazinov. Una q ...continua

    A Dostoevskij Turgenev non era simpatico, tanto che nel romanzo I Demoni lo ritrasse in maniera poco lusinghiera adombrandone la figura nel personaggio dello scrittore filoccidentale Karmazinov. Una questione di vedute politiche, lui un pó sciovinista, panslavista al massimo. Disaccordo c'era anche sul nascente movimento nichilista russo. Io che idolatro dostoevskij ho nondimeno amato Padri e figli. Turgenev sta a Dostoevskij come l'apollineo sta al dionisiaco.

    ha scritto il 

  • 3

    Ingredienti: due figli nichilisti, contestatori e privi di ideali, dei padri aristocratici, conservatori e pieni di valori, uno scontro di idee e sentimenti tra generazioni senza vincitori, un mondo a ...continua

    Ingredienti: due figli nichilisti, contestatori e privi di ideali, dei padri aristocratici, conservatori e pieni di valori, uno scontro di idee e sentimenti tra generazioni senza vincitori, un mondo apparentemente statico ma in rapida trasformazione.
    Consigliato: a chi cerca un ritratto della società russa dell’ottocento, a chi oscilla inquieto tra conformismo e ribellione.

    ha scritto il 

  • 4

    - Mi piacciono le comodità della vita, - disse con importanza Sitnikov. - Questo non mi impedisce di essere un liberale.

    Un altro bel romanzo russo. Protagonisti sono due giovani studenti, Arkadij e Bazarov, che si definiscono nichilisti. In realtà Bazarov è quello che abbraccia questa corrente di pensiero con convinzio ...continua

    Un altro bel romanzo russo. Protagonisti sono due giovani studenti, Arkadij e Bazarov, che si definiscono nichilisti. In realtà Bazarov è quello che abbraccia questa corrente di pensiero con convinzione, Arkadij invece è affascinato dall'amico ma in fondo resta tradizionalista, come si vedrà poi nel corso del romanzo. Dapprima i due si recano a far visita alla famiglia di Arkadij composta dal padre, un piccolo proprietario terriero in difficoltà, lo zio, malinconico e dai modi aristocratici, la nuova compagna del padre che gli ha dato un altro figlio. In seguito si recheranno a casa di Bazarov dai suoi genitori, un'anziana coppia che stravede per il figlio ma che lui tratta con freddezza e distacco. Nel mezzo dei due viaggi fanno la conoscenza della ricca Anna Odincova, bella ed intelligente, che metterà in subbuglio il cuore di Bazarov, il quale ha sempre rifiutato l'amore romantico ritenendolo sciocco ed inutile come spiega lui stesso: "E che sarebbero questi misteriosi rapporti tra uomo e donna? Noi fisiologi sappiamo cosa sono. Studia un po' a fondo l'anatomia dell'occhio e vedi se riesci a trovare quello che tu chiami lo sguardo enigmatico. Tutto ciò è romanticismo, stupidaggini, marciume, immaginazione."

    ha scritto il 

  • 4

    “Padri e figli” lo conobbi, senza leggerlo, nelle interminabili discussioni letterarie-filosofiche-politiche dei vent’anni, l’età dei “figli” nel romanzo di Turgenev. Da chi lo aveva letto veniva desc ...continua

    “Padri e figli” lo conobbi, senza leggerlo, nelle interminabili discussioni letterarie-filosofiche-politiche dei vent’anni, l’età dei “figli” nel romanzo di Turgenev. Da chi lo aveva letto veniva descritto come un libro sul nichilismo, o meglio sulla caricatura del nichilismo. Nella Russia della metà del XIX secolo due amici che si proclamano nichilisti, non credono in niente e vogliono distruggere i valori dei padri («bisogna sgombrare lo spazio» dice il protagonista Bazarov, «le rovine non le temiamo» avremmo aggiunto noi citando Durruti citato in un noto disco) si scontrano con il genitore e lo zio di uno di loro, vanno in città e bastano due fascinose fanciulle a farli recedere dai loro bellicosi propositi: uno si sposa e va ad aiutare il padre, l’altro muore invocando la bella amata come un convertito il crocefisso.

    A leggerlo oggi, raggiunta ormai l’età dei “padri” e messe da parte certe velleità demolitrici, direi che non è tanto un libro sul nichilismo quanto sull’eterno scontro generazionale. Il nichilismo sono le “idee nuove” con cui i figli sentono di portare dentro di sé un mondo nuovo finalmente libero dall’inutile “metafisica” con cui l’hanno imbrigliato i vecchi. Lo scontro è sul nichilismo ma avrebbe potuto essere sull’esistenzialismo, sulla musica pop o sui capelli lunghi.

    Le disillusioni e le amarezze dei padri e l’aggressiva volontà dei figli ti tengono incollato al libro dall’inizio alla fine. Turgenev però in questo scontro generazionale non è arbitro imparziale. Sarà stata l’età, aveva quarantaquattro anni quando lo scrisse, ma si schiera dalla parte dei padri, con il nichilista Bazarov che alla fine sembra voler distruggere i valori tradizionali, innanzitutto l’amore, solo perché non riesce a coglierli e se ne sente respinto.

    Ora, mi verrebbe voglia di mettere un paio di stelle in meno solo perché i quarantenni vengono dipinti come vecchietti in aperto declino (coi capelli grigi, invecchiati, grassi e curvi…), ma su questo vabbè, chiudiamo un occhio. Una stella in meno invece gliela do per il deludente finale, da “e vissero tutti felici e contenti”, tutti tranne ovviamente Bazarov, il brutto-e-cattivo-nichilista-che-muore-facendo-tanto-soffrire-i-suoi-poveri-genitori-così-bravi-e-così-rispettosi-delle-tradizioni.

    ha scritto il 

  • 5

    “Un figlio è come una fetta di pane tagliata via. È come un falco, viene quando vuole e quando vuole se ne va via; noi invece siamo come due funghi nel cavo di una quercia, ce ne stiamo qui, uno vicino all’altro, e non ci muoviamo”

    Breve romanzo (e, per inciso, di facile lettura, sia riguardo alla diffusa difficoltà nel memorizzare i nomi dei personaggi russi sia per assenza di contorti dialoghi filosofici) pubblicato nel 1862.
    ...continua

    Breve romanzo (e, per inciso, di facile lettura, sia riguardo alla diffusa difficoltà nel memorizzare i nomi dei personaggi russi sia per assenza di contorti dialoghi filosofici) pubblicato nel 1862.
    La fama che ebbe e si trascina dietro ad oggi, è tutta da far risalire alla situazione russa degli anni ’60: grandi fermenti politici in cui si mettono in atto riforme sociali di portata epocale. Prima fra tutte: l’emancipazione della servitù della gleba firmata da Alessandro II.
    “Padri e figli” rispecchia nella finzione narrativa questa fase di trasformazione sociale, con le sue speranze e le sue debolezze, interpretando lo spirito del nuovo mondo che sta avanzando.

    E’ il 20 maggio 1859 quando il giovane Arkadij, appena laureatosi, torna alla casa paterna portando con sé il compagno Bazarov.
    Saranno accolti dal padre Nicolaj e dallo zio Pavel. Proprio quest’ultimo animerà un conflitto -che è il fulcro del romanzo- con il giovane Bazarov.
    Le ostilità cominciano da subito in quanto i due ragazzi si presentano come «nichilisti».
    Mentre il padre Arkadij non prende posizione, lo zio Pavel è dichiaratamente filo-occidentale e sostenitore dei valori aristocratici.
    In un crescendo di tensione, i due giovani decidono di anticipare la partenza e dopo una breve tappa in città si recheranno a casa della giovane vedova Anna e di sua sorella Katija. La convivenza con le due donne mette alla prova sia l’amicizia tra i due ragazzi sia il cinismo di Bazarov che vacilla innamorandosi di Anna.
    Ancora una volta, sarà una partenza a spezzare la tensione ma questa volta dividendo strade e destini. Bazarov tornerà alla casa paterna. Dove troverà ad attenderlo l’amore morboso dei genitori e il suo destino…

    Questa a grandi linee la trama.
    Per saperne di più consiglio questo piacevole video riassunto di Davide Riondino (“Per un pugno di libri”):
    http://www.youtube.com/watch?v=ct6cKOtZ-rY

    Alcune riflessioni .

    Sembra evidente che i viaggi intrapresi dai due giovani siano simbolo di un percorso di conoscenza – di sé e del mondo circostante- di cui è protagonista tutta una generazione - ossia, quella dei «figli». Un cammino di crescita.

    Bazarov è uno di quei protagonisti della finzione letteraria che acquista una forza tale da uscire dalla pagina scritta e diventare il fulcro di un acceso dibattito che si riversa nel mondo reale.
    Contro la figura di Bazarov, da un lato, si oppongono i rivoluzionari che accusano Turgenev di aver enfatizzato solo i punti deboli e oscuri del nichilismo.
    Contemporaneamente, però, i reazionari accusano l’autore di aver dato fin troppo spazio alle nocive nuove idee e, pertanto, di essersi dichiarato loro seguace.

    Lo scontro Bazarov/Pavel rispecchia proprio lo scontro tra due generazioni che si stanno fronteggiano di fronte all’evolversi della Storia.
    L’epoca zarista, da un lato, che si arrocca sui valori della tradizione mentre i giovani rivoluzionari mordono il freno perché avanzi un nuovo mondo.

    Un assaggio:

    «Aristocrazia, liberalismo, progresso, principi», diceva, intanto Bazarov, «quante parole straniere e inutili! All’uomo russo non servono nemmeno se gliele regalano».
    «E che cosa gli serve, secondo la sua opinione? A sentir lei noi ci troviamo fuori dall’umanità, fuori dalle sue leggi. Ma, mi scusi, la logica della storia esige…».
    «E a che cosa ci serve la logica! Possiamo farne a meno».
    «Come?»
    «Così. Io spero che lei non abbia bisogno della logica per mettersi in bocca un pezzo di pane, quando ha fame. Siamo molto lontani da queste astrazioni!»
    Pavel Petrovič agitò le braccia.
    «Non la capisco più. Lei offende il popolo russo. Non capisco come sia possibile non riconoscere i principi, le regole! In forza di che cosa agite, allora?»
    «Le ho già detto, caro zio, che noi non riconosciamo l’autorità», intervenne Arkadij.
    «Noi agiamo in forza di ciò che riteniamo utile», disse Bazarov. «Adesso più utile di ogni altra cosa è la negazione, e noi neghiamo».
    «Tutto?»
    «Tutto».
    «Come? Non solo l’arte, la poesia… ma… fa paura dirlo…».
    «Tutto», ripeté Bazarov con una calma assoluta.
    Pavel Petrovič lo fissò, non si aspettava tanto, Arkadij quasi arrossì per la soddisfazione.
    «Ma, mi permetta», intervenne Nikolaj Petrovič, «voi negate tutto o, per usare una parola più esatta, distruggete tutto… Invece, bisogna anche costruire».
    «Non è compito nostro… Prima bisogna sgombrare lo spazio».

    Per concludere
    Turgenev mette in scena un conflitto che non trova soluzioni.
    In fin dei conti, se soppesato con la precarietà della vita, tutto questo filosofeggiare appare meschino.
    Quel niente, quel vuoto tanto declamato è degno di rappresentare un’esistenza?
    E’ degna di essere vissuta una vita senza alcun significato?
    Pare proprio di no...

    «ho riempito con del fieno lo spazio rimasto vuoto nella mia valigia, lo stesso si fa con la nostra vita, la si riempie di quello che capita purché non rimangano spazi vuoti.»

    ha scritto il 

  • 5

    Quando un libro come "Padri e figli" ci capita tra le mani si resta sgomenti, troppa bellezza. Dio, semmai dovesse esistere, dovrebbe mostrare maggiore saggezza ed elargire gioie e dolori in maniera p ...continua

    Quando un libro come "Padri e figli" ci capita tra le mani si resta sgomenti, troppa bellezza. Dio, semmai dovesse esistere, dovrebbe mostrare maggiore saggezza ed elargire gioie e dolori in maniera più equa e non tutte insieme, ché così si rischia di morire. Di dolore oppure di piacere.

    ha scritto il 

Ordina per