Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Paese d'ombre

By Giuseppe Dessì

(96)

| Others | 9788886109673

Like Paese d'ombre ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

39 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bello da togliere il fiato

    Il libro per eccellenza della letteratura sarda. Regge il confronto con la Deledde e, se possibile, ne viene fuori vincitore. Con uno stile e un gergo da poeta estinto, Giuseppe Dessì ripercorre il periodo di grande splendore minerario isolano. Ma qu ...(continue)

    Il libro per eccellenza della letteratura sarda. Regge il confronto con la Deledde e, se possibile, ne viene fuori vincitore. Con uno stile e un gergo da poeta estinto, Giuseppe Dessì ripercorre il periodo di grande splendore minerario isolano. Ma questa è solo la cornice della vicenda di Angelo Uras, che nato povero diventa benestante per eredità, salvo poi impiegarsi per la salvaguardia dei suoi boschi, della sua terra, fino a trovare un amore maledetto che lo accompagnerà tristemente fino alla vecchiaia. Tra i primi tre romanzi più belli della mia personale classifica.

    Is this helpful?

    Re Leone said on May 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Paese d'ombre

    Un capolavoro della letteratura Sarda, uno dei più bei romanzi della letteratura Italiana. Il libro offre uno spaccato storico della Sardegna che aiuta a capire molto della nostra situazione attuale. Sconvolgenti le similitudini tra la storia di ieri ...(continue)

    Un capolavoro della letteratura Sarda, uno dei più bei romanzi della letteratura Italiana. Il libro offre uno spaccato storico della Sardegna che aiuta a capire molto della nostra situazione attuale. Sconvolgenti le similitudini tra la storia di ieri e quella odierna: la stessa malagestione da parte della politica, la stessa bieca miopia della "classe borghese", la stessa ignoranza della gente che nasce da una totale assenza del concetto di stato e, con esso, di società civile.

    "Paese d'ombre" è un romanzo solido, robusto e compatto che, ambientato nell'Ottocento, racconta la storia di Angelo Uras in un paesino non lontano da Cagliari, in Sardegna. La storia si snoda partendo dalla gioventù fino alla vecchiaia del protagonista, che si staglia in tutta la narrazione come una figura tenace, paziente, saggia e giusta. La sua vicenda umana e politica offre lo spunto all'Autore per affrontare i più importanti temi della vita, dall'amore alla morte, dai rapporti famigliari all'attaccamento alla propria terra e le grandi questioni politiche del suo tempo (ma che si ripropongono in tutte le epoche storiche!), dall'ecologia all'impegno diretto nella vita amministrativa, dal senso della giustizia alla polemica delusione per gli esiti risorgimentali. Una prosa quasi musicale ed una accurata, ma mai ridondante, ricercatezza lessicale ne rendono ancora più deliziosa la lettura.

    Is this helpful?

    Silvja said on Jan 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Vincitore del Premio Strega del 1972, è un libro che merita ampiamente un così prestigioso riconoscimento letterario. Un romanzo solido, robusto e compatto che, ambientato nell'Ottocento, racconta la storia di Angelo Uras in un paesino non lontano da ...(continue)

    Vincitore del Premio Strega del 1972, è un libro che merita ampiamente un così prestigioso riconoscimento letterario. Un romanzo solido, robusto e compatto che, ambientato nell'Ottocento, racconta la storia di Angelo Uras in un paesino non lontano da Cagliari, in Sardegna. La storia si snoda partendo dalla gioventù fino alla vecchiaia del protagonista, che si staglia in tutta la narrazione come una figura tenace, paziente, saggia e giusta. La sua vicenda umana e politica offre lo spunto all'Autore per affrontare i più importanti temi della vita, dall'amore alla morte, dai rapporti famigliari all'attaccamento alla propria terra e le grandi questioni politiche del suo tempo (che si ripropongono in tutte le epoche storiche!), dall'ecologia all'impegno diretto nella vita amministrativa, dal senso della giustizia alla polemica delusione per gli esiti risorgimentali. Una prosa quasi musicale ed una accurata, ma mai ridondante, ricercatezza lessicale (subsunnare, apoftegma, scrimolo, prillare, stearica, sbreccata ecc.), ne rendono ancora più deliziosa la lettura.

    Is this helpful?

    Salvatore Palma said on Oct 26, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Brusio nella memoria

    Ho riletto alcune pagine che avevo evidenziate e ho "snidato" frasi di pura poesia che mi hanno turbato profondamente e provocato allo stesso tempo malinconia e conforto, meraviglia e sgomento, in un turbinio di sensazioni forti e coinvolgenti. E all ...(continue)

    Ho riletto alcune pagine che avevo evidenziate e ho "snidato" frasi di pura poesia che mi hanno turbato profondamente e provocato allo stesso tempo malinconia e conforto, meraviglia e sgomento, in un turbinio di sensazioni forti e coinvolgenti. E allora non ho potuto che assegnare un'altra stellina, l'ultima!

    Is this helpful?

    Nimorelli said on Oct 25, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Connazionale

    Il mio connazionale ha di sicuro meritato lo Strega. Non tanto per l'opera prodotta quanto, piuttosto, perché è stata sicuramente prodotta con cura, estrema capacità, e notevole stile. Il libro segue le vicende che si sviluppano attorno alla vita di ...(continue)

    Il mio connazionale ha di sicuro meritato lo Strega. Non tanto per l'opera prodotta quanto, piuttosto, perché è stata sicuramente prodotta con cura, estrema capacità, e notevole stile. Il libro segue le vicende che si sviluppano attorno alla vita di un personaggio, Antonio Uras, mano a mano che questo affronta i vari stadi della vita, dalla fanciullezza alla morte. Lo segue in tutte le sue vicende e passioni, offrendoci un ritratto splendido di una terra e di un epoca non esageratamente sondati dalla letteratura del nostro tempo. Se dovessi dare una breve definizione del libro, direi che si tratta di un quadro del Fattori prodotto utilizzando le parole anziché i colori. Stupendo, per quelli cui piace il genere.

    Is this helpful?

    Nerebiglie said on Oct 24, 2013 | Add your feedback

  • 15 people find this helpful

    Senza parole

    “Pensò che la vita è regolata da leggi irreversibili, alle quali gli uomini sono soggetti come i fili di paglia; ma non era questo il suo modo di sentire; non si era mai abbandonato sul filo della corrente, aveva sempre lottato contro il destino.” ...(continue)

    “Pensò che la vita è regolata da leggi irreversibili, alle quali gli uomini sono soggetti come i fili di paglia; ma non era questo il suo modo di sentire; non si era mai abbandonato sul filo della corrente, aveva sempre lottato contro il destino.”

    E’ la Sardegna di fine Ottocento e inizi Novecento che Dessì raffigura. Un affresco che sembra ricordare Canne al vento della Deledda.

    Un romanzo corale, come è stato detto, perché, accanto alla storia di Angelo Uras, si affiancano le storie di molti abitanti di Norbio.
    Non mi è dispiaciuta questa carrellata di personaggi introdotti poco alla volta nella storia, che sembrerebbe rendere l’opera frammentaria. M’è sembrato rispecchiasse il dispiegarsi della vita stessa: le persone entrano a far parte della nostra esistenza in momenti diversi.

    Eppure non è solo la storia di un uomo o di un paese, a ben vedere è la storia di tutto un popolo.
    Un popolo abituato all’ombra, al silenzio, il silenzio di persone che stanno zitte e pensano. Un popolo di anime oneste e testarde, eccessivamente orgogliose e discrete, di gente che non sente il bisogno di manifestazioni esteriori di affetto, di gente abituata a parole non dette e a quelle dette al momento giusto, perché spesso bastano i gesti a contenere il senso delle cose.

    C’è tutta la vita di Angelo Uras in queste pagine, dalla sua infanzia, quando viene in possesso dei beni ereditati dall’avvocato Don Francesco Fulgheri, fino agli anni della sua vecchiaia quando, ormai affaticato, ripercorre le tappe della sua esistenza, fatta di “tante cose in apparenza insignificanti che però fanno felice un uomo”.
    Ci sono immagini di storia politica e sociale della Sardegna di quegli anni: lo sfruttamento delle miniere del Sulcis-Iglesiente, lo scempio delle foreste per ottenere carbone e legna per le regie fonderie, la condizione di sudditaggio e vassallaggio del popolo sardo, “gente che era diventata italiana senza nemmeno sospettarlo e senza migliorare minimamente la propria condizione di eterni ‘vassalli’, in un’isola considerata colonia d’oltremare o terra di confino”. Ci sono immagini di “rivolte” soffocate nel sangue, come lo sciopero nella miniera di Buggerru del settembre 1904 (perché, stranamente, tutte le cose nuove iniziano a cabidanni).

    E, al tempo stesso, c’è odore di boschi, di carbone, di fiumi. C’è odore di verbena, come quello di Valentina, che lascia una traccia indelebile, quella di un amore puro, tenero, forte (tipico delle figure femminili della Sardegna).

    C’è tanto in questo libro, eppure, per me, sarà sempre e soprattutto il ricordo di questa frase …

    "Che cos'è l'amore, si chiedeva, se poi quando si soffre non si trovano neppure le parole giuste per consolarsi. Concluse che l'amore è muto, e che per questo si possono amare anche le bestie, che non parlano. Lei e Angelo non si erano mai detti molte parole. Si erano amati, si amavano in silenzio."

    Is this helpful?

    Aria Saracena said on Jan 20, 2013 | 12 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book