Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Suchen Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Palomar

By

4.0
(1939)

Language:Deutsch | Number of Seiten: 182 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , French , Chi traditional , Italian , Spanish , Portuguese , Dutch , Catalan , Greek

Isbn-10: 3150197953 | Isbn-13: 9783150197950 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Travel

Do you like Palomar ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 2

    Adoro Calvino, davvero. Tuttavia non sono proprio riuscito ad apprezzare Palomar. Prometto a me stesso di riprovarci prima o poi, ma so già che continuerò a non apprezzarlo. Sia ben chiaro, la ...weiter

    Adoro Calvino, davvero. Tuttavia non sono proprio riuscito ad apprezzare Palomar. Prometto a me stesso di riprovarci prima o poi, ma so già che continuerò a non apprezzarlo. Sia ben chiaro, la colpa è mia: preferisco una scrittura lineare, dei racconti privi di riflessioni che si contorcono su se stesse, insomma ciò che ho già visto con tutte le opere di Calvino che ho letto fino ad oggi. La profondità nella semplicità. Questo è quello che chiedo in un libro e che ho sempre trovato in lui, eccetto con Palomar. Ho apprezzato diversi racconti (in particolare "La spada del sole", "Gli amori delle tartarughe") non lo stile. Ma ripeto, la colpa è mia, non lasciatevi influenzare.

    gesagt am 

  • 0

    Il Movimento del pensiero

    Calvino era un autore che avevo messo un po' da parte. Qualche anno fa, quando facevo il liceo, mi ingozzavo proprio di Calvino. In relativamente poco tempo avevo letto un sacco dei suoi libri. Poi, ...weiter

    Calvino era un autore che avevo messo un po' da parte. Qualche anno fa, quando facevo il liceo, mi ingozzavo proprio di Calvino. In relativamente poco tempo avevo letto un sacco dei suoi libri. Poi, come dicevo, lo misi da parte: forse perché mi ero un po' stufato, o forse, più semplicemente, altre letture mi avevano trascinato altrove e ho finito per dimenticarlo un po' come tante altre cose di quegli anni. Qualche mese fa mi imbatto in Palomar, libro che ai tempi non avevo letto, su un bancarella per pochi euro. Senza pensarci troppo lo prendo e, lasciato passare ancora un po' di tempo, lo leggo. Ebbene, è stato come ritrovare un amico che non si vedeva da troppo tempo. Quel che mi ha lasciato ora è la voglia di andarmi a recuperare tutti i libri di Calvino che non ho ancora letto, e magari pure a riprendere in mano quelli già letti.

    Palomar è un po' poeta, un po' filosofo e un po' scienziato, però non appesantito da nessuna conoscenza specifica precedente. Egli tenta costantemente di dare un ordine al mondo partendo, libero come è da schemi precostituiti da applicare alla realtà, dalla semplice osservazione o riflessione. Questo sforzò è costantemente frustrato, costantemente il mondo eccede dai modelli razionali che l'uomo può costruire per lui, ne fuoriesce da ogni parte e poco servono le correzioni e gli aggiustamenti che si possono fare, nessuna lettura del mondo riesce a catturarlo. Nel cammino verso la saggezza ogni passo è un'impresa, poiché esso può dilatarsi all'infinito come l'insuperabile distanza che Achille deve percorrere per superare la tartaruga. E però Palomar non rinuncia mai ai suoi tentativi. Mai rinuncia a chiamare in causa tutti gli strumenti della sua inteligenza per capire il mondo, anche sapendo che non può farcela. Insomma non rinuncia mai al pensiero. E credo proprio che il tema centrale del libro sia il movimento del pensiero: movimento che in Palomar va dal particolare all'universale, dal concreto all'astratto, che spesso va a sbattere o si trova davanti bivi in cui è impossibile scegliere eppure non si ferma; movimento che forse non arriverà mai alla sua metà finale, eppure non si arresta. Il pensiero: attività forse inutile e inconcludente, ma mi pare sia ancora la migliore alla quale l'uomo possa dedicarsi.

    gesagt am 

  • 0

    Il signor Palomar, pur seguendo le spiegazioni dell'amico che lo guida, finisce sempre per incrociare la scolaresca e per cogliere le parole del maestro. E' affascinato dalla ricchezza dei ...weiter

    Il signor Palomar, pur seguendo le spiegazioni dell'amico che lo guida, finisce sempre per incrociare la scolaresca e per cogliere le parole del maestro. E' affascinato dalla ricchezza dei riferimenti mitologici dell'amico: il gioco dell'interpretare, la lettura allegorica gli sono sempre sembrati un sovrano esercizio della mente. Ma si sente attratto anche dall'atteggiamento opposto del maestro di scuola: quella che gli era parsa dapprincipio solo una sbrigativa mancanza d'interesse, gli si va rivelando come un'impostazione scientifica e pedagogica, una scelta di metodo di questo giovane grave e coscienzioso, una regola a cui non vuole derogare. Una pietra, una figura, un segno, una parola che ci arrivano isolati dal loro contesto sono solo quella pietra, quella figura, quel segno o parola: possiamo tentare di definirli, di descriverli in quanto tali, e basta; se oltre la faccia che presentano a noi essi anche hanno una faccia nascosta, a noi non è dato di saperlo. Il rifiuto di comprendere più di quello che queste pietre ci mostrano è forse il solo modo possibile per dimostrare rispetto del loro segreto; tentare d'indovinare è presunzione, tradimento di quel vero significato perduto.

    gesagt am 

  • 4

    "Le persone di cui egli ammira la giustezza e naturalezza d’ogni parola e d’ogni gesto sono, prima ancora che in pace con l’universo, in pace con se stessi. Palomar, non amandosi, ha sempre ...weiter

    "Le persone di cui egli ammira la giustezza e naturalezza d’ogni parola e d’ogni gesto sono, prima ancora che in pace con l’universo, in pace con se stessi. Palomar, non amandosi, ha sempre fatto in modo di non incontrarsi con se stesso faccia a faccia; è per questo che ha preferito rifugiarsi tra le galassie; ora capisce che è col trovare una pace interiore che doveva cominciare. L’universo, forse può andar tranquillo per i fatti suoi; lui certamente no."

    gesagt am 

Sorting by