Papillon

Di

Editore: A. Mondadori (Bestsellers ; 387)

4.3
(853)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 631 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Danese , Olandese , Ceco , Svedese , Finlandese

Isbn-10: 8804381949 | Isbn-13: 9788804381945 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Danilo Montaldi

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Papillon?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    bellissimo!!

    Il libro racconterà dei 30 anni passati nelle peggiori carceri del mondo e di tutti i tentativi fatti per ritrovare la libertà. Ci parlerà delle mille persone incontrate, delle amicizie, dei rapporti ...continua

    Il libro racconterà dei 30 anni passati nelle peggiori carceri del mondo e di tutti i tentativi fatti per ritrovare la libertà. Ci parlerà delle mille persone incontrate, delle amicizie, dei rapporti con i suoi aguzzini, di torture al limite dell’umano, dell’amore trovato e perduto. L’incrollabile fiducia nelle sue capacità, la sua caparbietà e l’intelligenza che lo porteranno a realizzare piani arditi. Nemmeno l’isola del diavolo, la più temuta delle prigioni, riuscirà a piegarlo al suo volere e a spegnere quella fiamma che gli brucia dentro: la sua voglia di evasione. Un giorno come la farfalla tatuata sul suo petto prenderà il volo e troverà la libertà

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro di viaggi, coraggio e della voglia di non arrendersi mai. Un racconto avvincente, stupendo e commovente.
    Leggetelo e lasciatevi trasportare da Papillon nei sui 11 anni di reclusione, ricchi d ...continua

    Un libro di viaggi, coraggio e della voglia di non arrendersi mai. Un racconto avvincente, stupendo e commovente.
    Leggetelo e lasciatevi trasportare da Papillon nei sui 11 anni di reclusione, ricchi di avventure, fughe, amicizie, amori fino ad arrivare alla fine della sua "strada della putretudine"

    ha scritto il 

  • 5

    Libro veramente eccezionale, non paragonabile al Film che a confronto mi ha fatto pena e non ha saputo in nessuna maniera trasportare la passione dell'avventura nella "scarsa" pellicola uscita fuori. ...continua

    Libro veramente eccezionale, non paragonabile al Film che a confronto mi ha fatto pena e non ha saputo in nessuna maniera trasportare la passione dell'avventura nella "scarsa" pellicola uscita fuori. Le avventure e disavventure protagonista non solo sono eccezionali ma mi hanno insegnato a "insistere" nella vita !! Uno dei migliori libri mai letti.

    ha scritto il 

  • 5

    Libro famosissimo,anche grazie allo splendido film con hoffman e mcqueen.Il testo è ancora più affascinante e crudo rispetto al film,per me,il che lo rende davvero un'esperienza unica di lettura,per s ...continua

    Libro famosissimo,anche grazie allo splendido film con hoffman e mcqueen.Il testo è ancora più affascinante e crudo rispetto al film,per me,il che lo rende davvero un'esperienza unica di lettura,per scoprire un mondo,quello della detenzione,ininfluente il posto e l'epoca,con i suoi meccanismi,le sue regole,le sue violenze,che sono uguali ad ogni latitudine e in ogni tempo.

    ha scritto il 

  • 5

    STRAORDINARIO

    Leggere questo libro è stato fondamentale per la mia crescita spirituale....mi identifico in Papillon...intrappolato..ma desideroso di evadere da un qualcosa di terribile....

    Grazie Henri!!! ...continua

    Leggere questo libro è stato fondamentale per la mia crescita spirituale....mi identifico in Papillon...intrappolato..ma desideroso di evadere da un qualcosa di terribile....

    Grazie Henri!!!

    ha scritto il 

  • 5

    Giustizia e/o Libertà?

    qualche giorno fa sono passato da un libri usati e cercavo questo e cent'anni di solitudine, nell'edizione che avevo nel 1977. il secondo, non c'era ma il primo si!
    ed è stata davvero un'esperienza in ...continua

    qualche giorno fa sono passato da un libri usati e cercavo questo e cent'anni di solitudine, nell'edizione che avevo nel 1977. il secondo, non c'era ma il primo si!
    ed è stata davvero un'esperienza interessante leggerlo. a parte il fatto che non aver commesso un omicidio e farsi comunque 12/13 anni di lavori forzati, non deve essere bello ma, Charriére lo ha fatto con dignità e forza di volontà, con un'unica idea in testa: scappare. a volte, nel libro viene da pensare se non si stia meglio in carcere, a livello di persone che danno molto agli altri, mentre all'esterno hanno ricevuto solo angheruie e soprusi.
    la vendetta alla fine è dimenticata, polo nord per quasi tutto il libro, ed è assai differente dal film, ma non vi dico altro solo questo: leggetelo!!!

    ha scritto il 

  • 2

    Finto come i soldi del monopoli

    Il problema di questo libro è che è troppo finto per essere vero e troppo vero per essere finto. Racconta di 13 evasioni, ma, secondo la ricostruzione più indulgente (Vincent Didier, Papillon libéré, ...continua

    Il problema di questo libro è che è troppo finto per essere vero e troppo vero per essere finto. Racconta di 13 evasioni, ma, secondo la ricostruzione più indulgente (Vincent Didier, Papillon libéré, 2006), solo 4 sarebbero veraci. Le restanti sarebbero delle invenzioni o delle appropriazioni indebite, cioè apparterrebbero al vissuto di altri bagnard. Chi, come me, avesse letto Ghigliottina secca di René Belbenoit, avrà notato che l'ultima evasione narrata in questo libro del 1938 è uguale alla prima raccontata da Charrière (nel 1968). Ho avuto la costante sensazione di leggere qualcosa di artefatto. Troppe e poco credibili sono le captationes benevolentiae; l'Autore non avrebbe mai commesso nessun crimine – vi ricorda qualcuno? – e sempre si comporta in maniera onesta, integerrima, leale e generosa in un contesto come quello di un degradatissimo bagno penale. E poi non è possibile ricordare tutti quei dettagli: pure le sigarette fumate! Però è anche vero che in colonia c'è stato, quindi misto alla finzione deve esserci un che di reale. Come distinguerlo? Impossibile. Tutto ciò è frustrante. In ultimo lo stile col quale è scritto è più romanzesco che realistico, confermando la sensazione già suggerita dai contenuti.

    ha scritto il 

Ordina per