Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Sök Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Parfymen

By

Förlag: Wahlström & Widstrand

4.1
(20624)

Language:Svenska | Number of Pages: 244 | Format: Others | På andra språk: (andra språk) English , Spanish , Chi traditional , Chi simplified , Portuguese , German , Catalan , French , Japanese , Russian , Italian , Dutch , Polish , Turkish , Romanian , Greek , Indonesian , Basque , Hungarian , Czech

Isbn-10: 9146158413 | Isbn-13: 9789146158417 | Publish date: 

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Parfymen ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Bokbeskrivning
Grenouille kommer till världen under en grov träbänk där hans mor rensar fisk. Platsen är Paris Hallar, tiden 1700-tal. En vanlig människa skulle snabbt gå under i den stinkande och grymma värld som Paris fattigkvarter utgör. Men Grenouille är ingen vanlig människa. Han saknar helt kroppslukt och människor blir, utan att förstå varför, illa till mods i hans närvaro. Han lever i en obruten isolering. Desto lättare för honom att bevara sin hemlighet - han är född med ett luktsinne så fint att han i mörkret kan följa en enskild människa rakt genom stinkande människomassor, på flera kilometers avstånd. Han glömmer aldrig en lukt. Dofter blir hans besatthet, hans passion, hans livsinnehåll och också hans yrke - parfymörens. Den doft som ger honom den mest utsökta njutningen finner han hos unga oskuldsfulla kvinnor kvinnorna intresserar honom inte - men Doften! Den måste utvinnas och förädlas efter konstens alla regler. Som världens mest framstående parfymör kan hankonsten. Men utövandet är bundet till ett fruktansvärt villkor...
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    "...Il potere invincibile di suscitare l'amore negli uomini."

    Un altro di quei libri che io leggo per averne “cognizione”, a forza di sentirlo citare mi impongo di leggerlo e se mi va bene mi piace pure…
    Ma veniamo, appunto, al libro, che io definirei senz’altro ...fortsätt

    Un altro di quei libri che io leggo per averne “cognizione”, a forza di sentirlo citare mi impongo di leggerlo e se mi va bene mi piace pure…
    Ma veniamo, appunto, al libro, che io definirei senz’altro un libro “strano”, ma non perché scritto male; anzi, è un buon testo: scritto bene, con molta enfasi, c’è poetica, c’è letteratura, c’è tensione narrativa. La stranezza semmai è data dall’apparente impossibilità di cogliere il vero bersaglio di Patrick Süskind, che è molto difficile da individuare ed afferrare.
    In molte parti questo libro, narrato secondo la mia opinione in uno stile che ricorda molto il fantasy, mi ha ricordato “I viaggi di Gulliver” dove Jonathan Swift – più o meno con lo stesso stile – ne menava di tutti i colori all’umanità, con la copertura di storie apparentemente senza senso. Nel Caso de “Il profumo” è il finale ad essere rivelatore di quella che è tutta la parabola di Grenouille, ma già qualche altro indizio porta alla fine a scoprire che, immancabilmente, il bersaglio di tutto questo romanzo è la stupidità umana che a quanto pare non cessa mai di essere in attività da quando l’uomo è stato creato con tutto il suo bagaglio di: meschinità, superbia, egoismo, creduloneria e altre carinerie del genere. Sintomatici gli episodi, in tal senso, del delirio di onnipotenza da creazione che prende Grenouille durante il suo eremitaggio in montagna e la sparizione, sempre in montagna, del marchese Taillade per provare la sua teoria del “Fluido letale” ed il cui non ritorno provoca la nascita di una setta con tanto di proseliti e affiliazioni annuali, manco a dirlo…
    Ma, come detto sopra, è il finale ad essere rivelatore - e mi dispiace anche spoilerarlo - quando Grenouille, dedicandosi alle sue meditazioni si rende conto che con il suo profumo, ottenuto distillando l’essenza di giovani fanciulle da lui uccise, pur se potentissimo e capace di soggiogare migliaia di uomini non gli darà quello che a lui interessa di più!
    E per questo il suo odio verso il genere umano sarà eterno e smisurato, potrà dominare migliaia di uomini, ma non avrà mai la considerazione dei suoi simili perché lui è senza odore…
    Ho voluto riportare questa conclusione – ma, attenzione, il libro non è ancora finito! – perché in queste elucubrazioni di Grenouille io ci ho visto la metafora della nascita, dello sviluppo e della fine di Adolf Hitler e del suo Terzo Reich: dominare migliaia di uomini, ma odiarli tutti…
    Alla fine, secondo me, questo romanzo oltre che riassumere il solito miserrimo bagaglio dell’umanità in genere, è anche un severo monito agli uomini, mal inteso come al solito, a non ricadere sempre negli stessi sbagli e al non credere troppo a chi millanta cose incredibili, come per esempio, profumi potentissimi capaci di ammaliare chiunque…

    sagt den 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Avevo acquistato questo ebook qualche anno fa, per poi quasi dimenticarlo, in attesa che arrivasse il momento giusto per immergermi in un romanzo simile. Momento che mi è sembrato giungere in un perio ...fortsätt

    Avevo acquistato questo ebook qualche anno fa, per poi quasi dimenticarlo, in attesa che arrivasse il momento giusto per immergermi in un romanzo simile. Momento che mi è sembrato giungere in un periodo di forte stress, quando sentivo di aver bisogno di un romanzo non troppo impegnativo, in grado di distrarmi e intrattenermi senza richiedermi troppi sforzi. Se aggiungiamo anche che ultimamente ho sviluppato un forte interesse nell'ambito profumiero, e che mi sono data a qualche piccolo esperimento nasale anche io (no, non spaventatevi, nulla alla Grenouille), be', non ho saputo resistere, e mi sono gettata in mezzo ad aromi ed effluvi della Francia del diciottesimo secolo.
    Devo dire che le aspettative sono state rispettate in pieno: non cercavo un capolavoro della letteratura contemporanea, ma ho trovato un romanzo interessante e originale, in grado di coinvolgermi e di intrattenermi in maniera molto piacevole. La scrittura di Süskind è scorrevole ed accattivante, molto evocativa e precisa per quanto riguarda la descrizione degli odori (e se qualcuno si interessa un pochino di composizioni profumiere, sa quanto sia complicato descrivere note olfattive e armonie di boquet), pur senza apparire mai pesante o monotematica.
    Credo che per apprezzare questo romanzo ci si debba calare nell'ottica che questo non è un romanzo storico, non vuole essere realistico o narrare una vicenda fittizia ma credibile, perché in questo caso si resterebbe delusi. Credo che questo romanzo sia sospeso fra un'atmosfera fiabesca (ma se per fiaba intendiamo racconti fantastici e crudi, non certo principesse e vero amore e lieto fine) e una comicità da pantomima, esasperata e tremendamente cinica. Ecco, se si è pronti ad accettare tutto questo, ad accettare forzature ed elementi irrealistici, esagerazioni e caricature grottesche, allora il romanzo potrebbe risultare molto piacevole.
    "Il profumo" racconta la storia di Grenouille, una creatura che di umano sembrerebbe avere solo l'aspetto fisico, un essere anaffettivo, incapace di creare qualsiasi tipo di rapporto umano, che sembra non aver mai provato un sentimento. L'unica cosa che per lui sembra avere importanza è il profumo: il naso di Grenouille è infatti estremamente sviluppato, sviluppato in maniera quasi sovraumana: riesce a fiutate una scia odorosa anche a forte distanza, conosce e ricorda ogni odore che abbia mai sentito, intuitivamente è capace di accostare le note olfattive per ricreare qualsiasi odore o per creare profumi totalmente nuovi, sublimi. E al tempo stesso, non possiede nessun odore. Non può essere riconosciuto, non ha nulla che lo caratterizzi, che gli dia un connotato: è neutrale, invisibile agli occhi del mondo, un essere trasparente, e forse proprio per questo incapace di inserirsi in un contesto di rapporti umani e di accettazione di principi come quello di bene e di male. Grenouille vive infatti per gli odori, tutto quello che fa è finalizzato a permettergli di conoscere quanti più odori possibili prima, e a permettergli di possedere questi odori poi (interessanti e anche molto accurate a questo proposito sono infatti le descrizioni delle tecniche profumiere come quelle della distillazione e dell'enflourage).
    Questa sua brama di conoscere e possedere ogni profumo, ogni essenza, lo porterà a compiere le azioni più ignobili, ma per Grenouille non esistono concetti di bene e male, non esiste la giustizia, non esistono i rimorsi. Esistono solo gli odori.
    Ed è interessante vedere come questa insensibilità del protagonista sembra quasi riflettersi nella scrittura: una scrittura che è piuttosto scarna, quasi cronachistica quando si tratta di descrivere le vicende più turpi e scellerate (le morti dei vari personaggi che hanno contribuito alla crescita di Grenouille prima, i suoi omicidi poi sono descritti in poche parole, senza pathos, semplicemente come una successione di fatti); una scrittura che invece si anima di descrizioni particolareggiate e ricercate quando si tratta di parlare degli aromi.
    Se c'è una cosa che ho trovato fin troppo esagerata ed esasperata, anche rispetto al registro vagamente grottesco e surreale che comunque pervade tutto il romanzo, è proprio il finale. Questo l'ho trovato fin troppo sensazionale ed assurdo, anche se posso capire le motivazioni che hanno spinto Süskind. Ciò che accade è coerente con il resto del romanzo, ma sono forse le modalità ad essermi apparse un pochino esagerate.
    Nonostante questo neo, devo dire che ho trovato questo romanzo estremamente godibile ed originale, senza dubbio lo consiglierei a chi cercasse qualcosa di coinvolgente ed originale pur senza essere troppo impegnativo.

    ( http://dellecigliailfremitorespiri.blogspot.it/2015/05/il-profumo-di-p-suskind.html )

    sagt den 

  • 0

    estratto dal libro..

    il profumo vive nel tempo, ha la sua giovinezza, la sua maturità e la sua vecchiaia. E soltanto se emana un aroma ugualmente gradevole in tutte e tre queste età della vita, si può definire riuscito. ...fortsätt

    il profumo vive nel tempo, ha la sua giovinezza, la sua maturità e la sua vecchiaia. E soltanto se emana un aroma ugualmente gradevole in tutte e tre queste età della vita, si può definire riuscito.

    sagt den 

  • 4

    L'anti-eroe degli odori

    Il profumo di Patrick Suskind mi ha colpito sin dalle primissime righe per la presentazione di un personaggio singolare come Grenuille. Ho adorato la storia di questo anti-eroe, questo essere umano pr ...fortsätt

    Il profumo di Patrick Suskind mi ha colpito sin dalle primissime righe per la presentazione di un personaggio singolare come Grenuille. Ho adorato la storia di questo anti-eroe, questo essere umano privo di umanità, un abbietto, un eremita emotivo. Proprio per questo, e per la dote straordinaria dello scrittore di descrivere eventi, persone e luoghi tramite gli odori, questo libro eccelle in originalità ed è stato una lettura senz'altro molto piacevole, anche se con parti meno brillanti di altre.

    sagt den 

  • 0

    Il protagonista del romanzo Das Parfum (il Profumo) di Patrick Süskind, anzi l’unico e apparentemente solitario protagonista (come molti l’hanno definito) è Grenouille, un personaggio la cui vita è do ...fortsätt

    Il protagonista del romanzo Das Parfum (il Profumo) di Patrick Süskind, anzi l’unico e apparentemente solitario protagonista (come molti l’hanno definito) è Grenouille, un personaggio la cui vita è dominata dalla stupefacente facoltà di percepire odori anche là dove nessuno di noi riuscirebbe a immaginare di percepirli. Tale è questa sua facoltà, che ciascun lettore si chiederà, già fin dalle prime pagine, se Grenouille e il suo olfatto appartengono al genere umano o a quello animale.
    Ma tentare di far rientrare il personaggio in una di queste due categorie, raffigurandolo come un uomo con sentimenti animaleschi o come un animale con atteggiamenti umani, è un errore che deforma il senso del romanzo, ne svia la godibilità, fa da ostacolo alla percezione di quell’ironia fredda e lucida con cui Patrick Süskind descrive i difetti dell’animo umano, che vanno dall’individualismo cieco alla crudeltà spesso incosciente e quindi incolpevole.
    ( recensione di marcello da amazon.it )

    sagt den 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Fino ad un certo punto, più precisamente fino a quando Grenouille viene scoperto, arrestato e condannato, è da 5 stelle piene.
    Nel finale, invece, perde qualcosina, pur rimanendo un romanzo molto buon ...fortsätt

    Fino ad un certo punto, più precisamente fino a quando Grenouille viene scoperto, arrestato e condannato, è da 5 stelle piene.
    Nel finale, invece, perde qualcosina, pur rimanendo un romanzo molto buono e, aspetto importante, decisamente originale.

    sagt den 

Sorting by
Sorting by