Sasha, un passato da perdonare, una grande voglia di vivere, un amore impossibile, la tentazione di farla finita, il desiderio di perdersi per la prima volta. Nicole, una rivoluzione lontana, un marito troppo premuroso, una bara di vetro in cui vive ... Continua
Ha scritto il 22/08/17
Non mi piace lo stile (e probabilmente nemmeno i contenuti): tutto è molto confuso e la scrittura troppo da "diario personale". Questo voler essere moderni e giovanili, sui romanzi, non paga...
Ha scritto il 09/05/17
Trama banale, ma scritto bene
La trama è piuttosto banale e scontata, tuttavia risulta estremamente ben scritto, molto scorrevole e piacevole da leggere e, per questo motivo, si aggiudica ben 4 stelle.
Ha scritto il 10/04/17
"E la mia vita per i tuoi occhi lentamente si avvelena"
Sasha e', come si dice dalle mie parti e da quelle di Muccino, un "poro fijo".Un passato da tossicodipendente, una famiglia inesistente e dedita anch'essa alla droga piu' pesante e altri problemucci vari.E' innamorato alla follia di Benedetta, una ...Continua
  • 8 mi piace
  • 4 commenti
Ha scritto il 16/09/14
in scambio/vendita
Ha scritto il 02/07/14
Vabbè!!! Muccino è meglio come attore e regista che come scrittore...Sivio, torna dietro la macchina da presa, o davanti...che è meglio!!!

Ha scritto il Aug 17, 2012, 10:42
E' vero, sono brava a far parlare gli altri. E' il mio alibi per restare in silenzio.
Pag. 353
Ha scritto il Aug 17, 2012, 10:41
- L'amore parte da qui, vero? Perchè ogni volta che vedo Beatrice sento qualcosa che si muove, qui. E che si riscalda. - Forse hai un pò di gastrite. Il suo sorriso storto. - Fai la dura o sei gelosa?
Pag. 341
Ha scritto il Aug 16, 2012, 21:50
La debolezza del carnefice è quella di non poter fare a meno della sua vittima.
Ha scritto il Aug 16, 2012, 21:50
Non si passa mai indenni attraverso l'ammissione del proprio dolore. Non si passa mai indenni attraverso i corridoi del proprio passato, delle scelte forzate, delle strade sbagliate, delle canzoni mai cantate, o – peggio – interrotte proprio ...Continua
Pag. 243
Ha scritto il Aug 16, 2012, 21:49
- E' un segno di follia quando si incomincia a parlare di se stessi in terza persona? [..] - E' il segnale che vogliamo prendere le distanze da quello che stiamo facendo, perchè ci fa paura.
Pag. 248

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 21, 2016, 10:44
853.914 MUC 14891 Letteratura Italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi