Parliamo dell'elefante

Frammenti di un diario

Voto medio di 29
| 25 contributi totali di cui 9 recensioni , 16 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"Parliamo dell'elefante" (1947) prende in considerazione gli anni tra il 1938 e il 1946. Anni cruciali, che ritornano puntualmente in questi "frammenti di un diario" recuperati e riordinati ancora a caldo, in un tumultuoso dopoguerra. Appunti, rifles ...Continua
Ha scritto il 03/04/17
Un "carciofino sott'odio" contro tutti i conformismi
La definizione, icastica e memorabile, è dello stesso Leo Longanesi, penna mordace e quantomai poliedrica, del quale vengono presentate le osservazioni del "taccuino", una sorta di diario intellettuale "sui generis", dal 1937 al 1946. Un periodo den ...Continua
  • 4 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 14/12/15
Pensieri e appunti di un bastian contrari, a cavallo della guerra. Aforismi, spunti ancora attuali, personaggi noti e no, riflessioni molto borghesi, descrizioni precise.
  • 2 mi piace
Ha scritto il 25/04/15
"Uno stupido è uno stupido. Due stupidi sono due stupidi. Diecimila stupidi sono una forza storica". (p. 21) "Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste idee." (p. 173)
  • 1 mi piace
Ha scritto il 26/10/14
Di que(st)i tempi...
"Signori, parliamo dell'elefante (un giovane elefante di cinque anni che destava la curiosità dei parigini): è l'unica bestia di una certa importanza di cui si possa parlare,in questi tempi, senza pericolo". Grimm (Correspondance)
Queta è la cita
...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 19/03/12
Il pensiera finale del libro Longanesi lo dedica a se stesso in relazione all'Italia appena uscita dalla guerra: conservatore in un paese in cui non vi è nulla da conservare. Aggiungo conservatore sostenitore di un partito conservatore che non ha mai ...Continua
  • 2 mi piace
  • 1 commento

Ha scritto il Apr 04, 2017, 10:06
27 maggio Tutte le rivoluzioni cominciano per strada e finiscono a tavola.
Pag. 34
Ha scritto il Apr 04, 2017, 10:05
Fanfare, bandiere, parate. Uno stupido è uno stupido. Due stupidi sono due stupidi. Diecimila stupidi sono una forza storica.
Pag. 21
Ha scritto il Nov 29, 2012, 20:36
Parigi. Città fluviale e bottegaia. Tutto grigio, fradicio, straordinario. Qui si amano le donne vecchie, la cera e l'oleografia. Si sente la presenza di un verme colossale, un verme storico, che gode di una pensione governativa.
Pag. 9
Ha scritto il Nov 29, 2012, 20:34
Quelli giunti dall'America o dall'Inghilterra, dopo anni di esilio, per lo più volontario, sono ritornati con la stessa mentalità con cui partirono gli stessi princìpi giù invecchiati, gli stessi ordini del giorno in saccoccia, e persino lo stesso ca ...Continua
Pag. 133
Ha scritto il Nov 29, 2012, 20:29
Il Comitato antifascista che abita nel piano sopra il nostro ha una buona biblioteca, requisita al padrone di casa. Chiediamo di prendere qualche volume, per leggerlo. G. e gli altri mostrano una certa ostilità a questa richiesta, non per timore che ...Continua
Pag. 133

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi