Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pastoralia

Di

Editore: Einaudi

4.0
(198)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 159 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 880615656X | Isbn-13: 9788806156565 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: C. Mennella

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Humor , Social Science

Ti piace Pastoralia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Da un autore considerato dal "New Yorker" uno dei dieci migliori scrittoriamericani "under 40", una raccolta di racconti per cogliere le contraddizionidell'America contemporanea. In una indefinita provincia del mondo, dove ognicosa è vincolata alle decisioni di un insindacabile "Ente Supremo", Saundersallestisce una galleria di personaggi: dai finti cavernicoli di un "parco" perturisti, divisi tra presunte cacce alle cimici e la compilazione quotidiana diquestionari sul proprio rendimento e su quello altrui, al bambino inbicicletta che sogna terribili vendette nei confronti dei vicini di casa efinisce ammazzato sotto un'auto, al predicatore invasato, che risolve icontrasti fra i discepoli attribuendoli a una cattiva alimentazione.
Ordina per
  • 4

    Il grottesco parco divertimenti della vita

    http://www.roarmagazine.it/libri/pastoralia-saunders-recensione.html


    Di libri sulla critica alla società ne siamo pieni, è vero, ma Pastoralia va letto per un dettaglio piccolo e non trascurabile: tra le righe piene di sconforto, satira e tragicomicità, è sempre presente la speranza in e d ...continua

    http://www.roarmagazine.it/libri/pastoralia-saunders-recensione.html

    Di libri sulla critica alla società ne siamo pieni, è vero, ma Pastoralia va letto per un dettaglio piccolo e non trascurabile: tra le righe piene di sconforto, satira e tragicomicità, è sempre presente la speranza in e di un mondo migliore, che porta chiunque legga questo libro a rivalutare un po' (si spera in meglio) le proprie priorità.

    ha scritto il 

  • 4

    Poco da dire: quest'uomo ha una voce e un'idea di letteratura terribilmente riconoscibili. E una grazia rarissima nel descrivere l'umanità. Forse Dieci dicembre è più compiuto, ma anche qui si vede tutta la sua grandezza.

    ha scritto il 

  • 4

    Questa è la terza raccolta che leggo di Saunders (dopo dieci dicembre e il declino delle guerre civili americane) e ribadisco il concetto: S. è geniale. Le storie che S. racconta, con stile personale e riconoscibile, mostrano il lato grottesco e alienante di un mondo aziendalistico, dominato dal ...continua

    Questa è la terza raccolta che leggo di Saunders (dopo dieci dicembre e il declino delle guerre civili americane) e ribadisco il concetto: S. è geniale. Le storie che S. racconta, con stile personale e riconoscibile, mostrano il lato grottesco e alienante di un mondo aziendalistico, dominato dall'estremizzazione della logica del rendimento e della competizione, in cui la sperequazione sociale è data per acquisita e immodificabile. Eppure i marginali a cui da voce Saunders, perdenti e perduti nell'universo kafkiano che ne divora dignità e speranza, sono ancora capaci, quasi loro malgrado, di mostrare umanità.

    ha scritto il 

  • 4

    Come in Dieci dicembre, i racconti di Saunders lasciano sempre spiazzati. Un mondo come il nostro, ma in cui qualsiasi cosa può succedere. Sei racconti stravaganti, con personaggi fuori del comune: c'è chi lavora come cavernicolo in un parco a tema, senza mai poter parlare; chi sogna di diventare ...continua

    Come in Dieci dicembre, i racconti di Saunders lasciano sempre spiazzati. Un mondo come il nostro, ma in cui qualsiasi cosa può succedere. Sei racconti stravaganti, con personaggi fuori del comune: c'è chi lavora come cavernicolo in un parco a tema, senza mai poter parlare; chi sogna di diventare un eroe e riscattarsi, chi di trovare l'amore, chi di liberarsi di una sorella ingombrante; ci sono morti che tornano in vita e bambini che vogliono farsi valere. Nei racconti di Saundersi troviamo una realtà grottesca, forse nemmeno troppo distante dalla nostra, ma in cui qualcosa è andato storto. Eppure c'è sempre un senso di rivalsa, un volersi migliorare, una speranza di poter cambiare le cose. Non sono stata molto chiara, lo so. Ma è difficile spiegare che cosa siano questi racconti. Non è difficile leggerli, né capirli, ma tutto quello che si può dire è già contenuto nelle parole di Saunders, inutile ricamarci sopra: leggeteli e basta.

    ha scritto il 

  • 4

    <p style="text-align: justify;">La vita nella squallida periferia americana, una società decadente e surreale popolata dagli antieroi di George Saunders.

    Pubblicato da Einaudi nel 2001, torna nelle librerie per i tipi di Minimum Fax Pastoralia, raccolta di sei short stories di George Saunders. Il racconto che dà il titolo al libro è ambientato in un parco tematico, popolato dai “Remoti”, uomini che impersonano abitanti delle varie epoche storiche. ...continua

    Pubblicato da Einaudi nel 2001, torna nelle librerie per i tipi di Minimum Fax Pastoralia, raccolta di sei short stories di George Saunders. Il racconto che dà il titolo al libro è ambientato in un parco tematico, popolato dai “Remoti”, uomini che impersonano abitanti delle varie epoche storiche. Il protagonista fa il cavernicolo, scuoia capre e finge di dipingere pittogrammi. Lui e la sua collega non possono esprimersi a parole in scena, ma hanno una zona separata in cui possono parlare. Il timore del licenziamento, le comunicazioni dei capi, l’assenza di visitatori, delineano un quadro surreale e desolante.

    la mia recensione continua qui: http://www.scenecontemporanee.it/libri/vetrina-pastoralia-1139

    ha scritto il