Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Patient Zero

By Jonathan Maberry

(31)

| Paperback | 9788879052009

Like Patient Zero ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Quando ti trovi a uccidere lo stesso terrorista due volte in una settimana, ci deve essere qualcosa di sbagliato o in te o nel tuo mondo... e non c'è niente di sbagliato in Joe Ledger. E questa è sia una buona che una cattiva cosa. È buona perché è u Continue

Quando ti trovi a uccidere lo stesso terrorista due volte in una settimana, ci deve essere qualcosa di sbagliato o in te o nel tuo mondo... e non c'è niente di sbagliato in Joe Ledger. E questa è sia una buona che una cattiva cosa. È buona perché è un detective di Baltimora che è stato appena segretamente reclutato dal governo per guidare una nuova squadra creata per occuparsi dei problemi che la Homeland Security non riesce a gestire. Questo gruppo a reazione immediata si chiama Dipartimento di Scienze Militari o, in breve, DSM. È cattiva perché la sua prima missione è aiutare a impedire che un gruppo di terroristi rilasci una terribile arma biologica che può trasformare le persone normali in zombie. Il destino del mondo è appeso a un filo...

10 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Mmmm

    Probabilmente, nell'edizione che ho acquistato io, sono state strappate tutte le pagine in cui fossero presenti degli zombie...

    Is this helpful?

    Ariock74 said on May 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Affrontando il quinto libro di Maberry, dopo aver apprezzato gli altri quattro, non credevo di poter incappare in un tale disastro. E invece sì. “Patient Zero” è degno di un classico: “Zombie? Dove, dove?”. Perché qui non ce ne sono. Questa non è una ...(continue)

    Affrontando il quinto libro di Maberry, dopo aver apprezzato gli altri quattro, non credevo di poter incappare in un tale disastro. E invece sì. “Patient Zero” è degno di un classico: “Zombie? Dove, dove?”. Perché qui non ce ne sono. Questa non è una zombie story come quella che ci si potrebbe aspettare dall’autore dalle Cronache di Benny Imura. Questa è l’evoluzione (o meglio l’involuzione) del personaggio spaccone e stereotipato già protagonista de “La notte degli zombie” (che nonostante questo, vista l’abbondanza di zombie, era stato un successo). La passione di Maberry per i B-movie emerge chiaramente da questa che più che un romanzo è una sceneggiatura bell’e pronta per il Van Damme di turno che indossi i panni di Joe Ledger, un personaggio così scontato (nelle battute, nell’atteggiamento, nel combattimento, perfino nell’abbigliamento) da essere fastidioso. Gli zombie, poi, sono un’arma in mano ai terroristi e ricoprono un ruolo di minaccia che avrebbe potuto essere ben più spaventoso di come risulta nel romanzo. Insomma: mi sono sciroppata 500 e rotte pagine in carta (per altro con dei “contenuti speciali” ai quali si dovrebbe accedere con un codice tramite il sito, peccato che il sito non funzioni. E ho provato molte volte, in giorni diversi) e ho ottenuto una storia noiosa, prevedibile e così zeppa di luoghi comuni culturali e narrativi da risultare irritante. Sconsigliatissimo. Leggete Benny Imura - perché quello sì che va letto - e fermatevi lì, se non volete che Maberry vi diventi indigesto.

    Is this helpful?

    Chiara said on Mar 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    secondo libro di Maberry che ho letteralmente divorato, entrando in perfetta simbiosi con i personaggi.
    per ora il mio autore rivelazione del 2013.

    Is this helpful?

    Torment&Pain said on May 1, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Beh, senza dilungarmi troppo, il libro a me è piaciuto, si lascia leggere e scorre via che è un piacere, ma detto fuori da i denti, è un'americanata dall'inizio alla fine, la sagra dello stereotipo, pieno di super machos tutti muscoli ma anche cervel ...(continue)

    Beh, senza dilungarmi troppo, il libro a me è piaciuto, si lascia leggere e scorre via che è un piacere, ma detto fuori da i denti, è un'americanata dall'inizio alla fine, la sagra dello stereotipo, pieno di super machos tutti muscoli ma anche cervello, tra cui il protagonista che non fa un'errore che sia uno, è figo è super intelligente e mena chiunque senza nessuna difficoltà....

    Is this helpful?

    Aletro79 said on Dec 1, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    E’ troppo affrettato iniziare dal voto?
    VOTO 10+ per Patient Zero che è il primo romanzo che leggo di Jonathan Maberry. Vi assicuro che il mio giudizio non è dettato solo dal fatto che è un periodo in cui gli zombie sono di moda un po’ dappertutto. S ...(continue)

    E’ troppo affrettato iniziare dal voto?
    VOTO 10+ per Patient Zero che è il primo romanzo che leggo di Jonathan Maberry. Vi assicuro che il mio giudizio non è dettato solo dal fatto che è un periodo in cui gli zombie sono di moda un po’ dappertutto. Se conoscete bene la vostra Pupottina, saprete che, dai tempi di George Romero, gli zombie con il loro virus e la loro famelica ricerca di sangue hanno sempre occupato un posto centrale nel suo immaginario horror.
    Pupottina di questo romanzo adrenalinico, come uno dei migliori action mai visti, vi parla in maniera entusiasta perché vi tiene svegli, vi scarica delle vostre tensioni esistenziali e vi fa pensare ad un ipotetico attacco del bioterrorismo in cui per sopravvivere dove combattere. È tutta una lotta per la sopravvivenza.
    Il protagonista, il Detective Ledger, un poliziotto di Baltimora, non è un uomo qualunque: parla varie lingue, è esperto di arti marziali come Judo e Jujutsu; è intelligente e ha spirito d’iniziativa; è super addestrato ed ha a disposizione armi supertecnologiche. Vi renderete conto che anche nel corpo a corpo è micidiale.
    Ha un passato doloroso, da cui sfugge, ostentando un carattere da duro e un’ironia sarcastica verso tutto è tutti. È anche molto impacciato con le donne, ma è anche un perfetto cavaliere.
    Quando viene reclutato da una squadra speciale e segretissima dell’antiterrorismo, si trova in ferie e in spiaggia ad ammirare bikini e forme femminile che prendono il sole. La licenza gli è stata concessa dopo un scontro a fuoco in cui ha perso un collega. Ledger non immagina minimamente che nel giro di poche settimane, per dimostrare il suo valore, dovrà uccidere due volte lo stesso uomo che, dopo la prima apparente morte, si è trasformato in uno zombie.
    Ledger non sa niente di ricerche scientifiche e bioterrorismo. Preferirebbe continuare ad ignorare tutto e far finta che gli zombie non stanno conquistando la città ma, per far leva su di lui, le squadre super segrete rapiscono il suo migliore amico e per lui Ledger deciderà di combattere contro il male.
    Mi direte che sembra un action movie. È vero e mi stupisco che nessuno ci abbia ancora pensato a realizzarlo. Però, dovrebbe essere fedele in tutto e per tutto al romanzo di Maberry. Solo così potrebbe essere un film stupendamente riuscito. E a interpretare Joe Ledger non ci metterei banalmente l’ormai attempato Bruce Willis, ma Sullivan Stapleton o Til Schweiger.
    Come uomo dotato di un super coraggio e di una super capacità di far fronte al pericolo, Joe Ledger lo possiamo paragonare a Jason Bourne o a Jack Bauer della serie tv 24. È l’uomo giusto, al momento giusto e nel posto giusto. E’ un romanzo action-thiller che vi consiglio di leggere se vi piacciono gli zombie, i combattimenti, le sparatorie con armi letali di ultima tecnologia che sembrano non arrivare mai all’ultimo colpo.
    A sorprendere è anche l'originale copertina double face, nel caso la prima vi avesse inquietati poco.
    Mi raccomando, quando interrompete per un motivo o per l’altro, non andate a controllare dietro le tende della finestra e non cercate di procurarvi armi illegali per difendervi. ^___^
    E’ un libro di cui si è impossessato mio marito Kevin che lo sta già leggendo entusiasticamente. Forse è un genere più per uomini, ma se le donne non si spaventano a vedere film d’azione, non si troveranno scontente di lasciarsi coinvolgere in un’avventura senza paragoni.
    Il romanzo, come tutti i libri Casini, non ha i numeri di pagina e si legge senza sapere quando si arriva alla fine. Non ci si accorge nemmeno di aver letto 600 pagine, tanto le scene sono collegate fra loro e sono composte da capitoli brevi, indicati non con un banale numero progressivo, ma con il luogo, la data e l’ora, minuti compresi, in cui si svolge l’azione. Incredibile, ma come tecnica narrativa funziona.
    I capitoli alternano le vicende dove agiscono i buoni, cioè coloro che lottano contro gli zombie, e quelle dove agiscono i cattivi, cioè coloro che hanno creato gli zombie. In quest’ultimo gruppo negativo, il fronte comune arriva a spaccarsi perché ognuno vuole fare i propri interessi prevaricando gli altri.
    Legder entra a far parte della Echo, la task force militare e segreta, con il compito di individuare i terroristi che stanno diffondendo un agente patogeno che trasforma gli uomini in zombie.
    Legder scoprirà che si tratta di fondamentalisti islamici decisi a colpire gli Stati Uniti.
    Le donne in questo libro hanno di due tipi di personalità, ma sono tutte ugualmente bellissime, proprio come piace immaginarle agli uomini. Grace, il Maggiore Grace Courtland, è una donna entrata nell’ambiente militare per dimenticare un passato doloroso in cui ha perso il suo bambino malato, e da subito odia Ledger, ma i sentimenti sono destinati a mutare. Lui è un perfetto gentiluomo e lei è una donna che non cede. Grace è la donna buona.
    Amirah, invece, è una scienziata a capo di un gruppo di ricercatori. È una donna subdola che usa il suo corpo per corrompere gli altri. È una donna ambiziosa, una fondamentalista islamica, un essere umano povero di nobili qualità che sceglie di affidarsi totalmente alla ricerca.
    La creazione di zombie è più complicata ed elaborata di quella che la Echo immagina. Col passare delle ore, sapientemente annotate come incipit di ogni capitolo, ci si accorge che anche gli zombie tendono a perfezionarsi, arrivando a ragionare e parlare. Varie versioni di zombie vengono create con l’intendo di dominare il mondo.
    Anche le informazioni che arrivano alla Echo e quelle che sfuggono dalla task force sono pilotate. C’è una talpa tra di loro. Ledger lo intuisce ed ha dei sospetti. Tutto appare rovinosamente destinato a fallire nonostante i combattimenti terminati con successo e gli zombie eliminati, di nuovi, più pericolosi e feroci, arrivano ad assalirli. Si è sempre circondati e sempre con il loro fiato putrido e le loro zanne sul collo. Mr Church, l’uomo misterioso, il capo di Ledger, gli carta bianca in questa lotta contro il tempo. Un libro, scritto per essere la trama di un film, stile Mission Impossible!
    Una curiosità: gli zombie vengono chiamati anche “Walker” e “Cervelli-molli”.
    La trama è convincente e ben articolata. Lo stile e la lunghezza dei capitoli ti invogliano a continuare la lettura. L’avventura è alleggerita dall’ironia del protagonista anche nei momenti di forte tensione. Una lettura che scorre con entusiasmo sino al finale aperto. Patient Zero, infatti, è il primo di una serie di libri su Joe Ledger ed è un inizio grandioso.

    Is this helpful?

    Pupottina said on Mar 8, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Generalmente gli action-thriller mi fanno dormire. Davvero, se ho problemi di insonnia, ne comincio uno... e via. Questo perché i personaggi sono di solito appena abbozzati, la trama scontata. Tanto rumore per nulla insomma. Patient Zero però, avendo ...(continue)

    Generalmente gli action-thriller mi fanno dormire. Davvero, se ho problemi di insonnia, ne comincio uno... e via. Questo perché i personaggi sono di solito appena abbozzati, la trama scontata. Tanto rumore per nulla insomma. Patient Zero però, avendo il fattore zombie, ed essendo di Maberry, l'ho provato. Mai rinunciare a un possibile buon romanzo sugli zombie.
    Ho fatto bene. Mi è piaciuto un sacco. E invece di addormentarmi sono rimasta attaccata alla sedia (anzi, alla poltrona) per tutte le 600 pagine. Maberry riesce a rendere accattivanti e sfaccettati anche gli stereotipi, grazie a una sapiente articolazione delle trama, a dialoghi brillanti e a quel non so che che distingue un romanzo di un grande scrittore, nel suo genere, da uno meno grande. Maberry è a mio avviso un grande.
    So che questa serie continua, speriamo anche in Italia... infondo, non ci sono solo gli zombi, no?

    Is this helpful?

    Bluefly said on Feb 18, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (31)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 608 Pages
  • ISBN-10: 8879052004
  • ISBN-13: 9788879052009
  • Publisher: Casini
  • Publish date: 2012-01-01
  • In other languages: other languages English Books
Improve_data of this book

Collection with this book