Due famiglie legate a doppio filo, quelle di Joxian e del Txato, cresciuti entrambi nello stesso paesino alle porte di San Sebastián, vicini di casa, inseparabili nelle serate all’osteria e nelle domeniche in bicicletta. E anche le loro mogli, Miren ...Continua
Sabrina
Ha scritto il 11/01/19
Una storia che, sin dalle prime pagine, ti rapisce, un po' come se una "mano" uscisse dal libro e ti portasse lì dentro. Credo che, qualunque altro autore, sarebbe risultato pesante e noiso perchè, in fin dei conti, la maggior parte della narrazione...Continua
Francesco58
Ha scritto il 05/01/19
Patria
Un capolavoro. Un bellissimo romanzo con al centro tante tematiche, tutte affrontate con sensibilità e maestria sullo sfondo delle terribili vicende della lotta terroristica dell'Eta e dei drammi causati, come già durante il fascismo e la guerra di l...Continua
Gianni Bestagno
Ha scritto il 04/01/19
la vita che passa, sulla storia sulle persone e le travolge a loro insaputa. e ne fà cose. poi all'interno di ogni microcosmo ci si sente più o meno importanti ecco. e siamo quello che pensiamo di essere. ma solo per noi. comunque ne vale la pena. an...Continua
Y.
Ha scritto il 02/01/19
Ma dove vai con quelle scarpette?
E’ facile leggere un libro che tratteggia un percorso limpido e sicuro e che ti indica la direzione da prendere in ogni momento del cammino. Un libro paragonabile ad una scampagnata domenicale in una mattinata di sole, da fare con le scarpe da ginnas...Continua
sandra
Ha scritto il 02/01/19
Un romanzo contemporaneo che è riuscito a coinvolgermi in pieno, che mi ha fatto pensare, riflettere, entrare nelle vicende e partecipare. Nelle mie letture capita raramente, e dunque ne sono soddisfatta. La prima cosa che colpisce del romanzo è lo s...Continua

Aidit
Ha scritto il Jul 24, 2018, 07:55
- Yo los veo fuera de lugar. Serán amables, educados y lo que tú queras. pero se nota que no son de aquí. Esa manera de hablar, esos gestos. Hasta me parece que mastican distinto. Ve preparándote para tener un nieto que se apellide Harnández. Sólo de...Continua
Pag. 344
Giulia Macchi
Ha scritto il Jun 03, 2018, 07:37
I miei figli sono spagnoli e io sono spagnolo.» «Ti sentiranno.» «Che mi sentano pure. Cos’è, non si può essere spagnoli in Spagna?»
Giulia Macchi
Ha scritto il Jun 03, 2018, 07:37
Però un uomo può essere una nave. Un uomo può essere una nave con lo scafo d’acciaio. Poi passano gli anni e si formano delle incrinature. Di lì passa l’acqua della nostalgia, contaminata di solitudine, e l’acqua della consapevolezza di essersi sbagl...Continua
Giulia Macchi
Ha scritto il Jun 03, 2018, 07:36
Mi sono detta: a quest’uomo, lo devo mettere in piedi. Pesa tanto. In due o in tre ce la facciamo, ma non è arrivato nessuno. Così mi sono messa a parlargli. E pensa com’ero sconvolta che gli ho detto: ti amo. Non ce lo siamo mai detti. Neanche quand...Continua
Giulia Macchi
Ha scritto il Jun 03, 2018, 07:36
L’ETA deve agire senza fermarsi mai. Non ha altra scelta. È da tempo che è caduta nell’automatismo dell’attività cieca. Se non fa danni, non è, non esiste, non svolge nessuna funzione. Questo modo di funzionare mafioso è al di sopra della volontà dei...Continua

Colella Enzo
Ha scritto il Jan 13, 2018, 20:02

josef
Ha scritto il Jan 07, 2018, 20:51

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi