Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Paula

Di

Editore: Feltrinelli

4.0
(5907)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 326 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Francese , Tedesco , Polacco , Olandese , Portoghese , Danese

Isbn-10: A000029381 | Data di pubblicazione:  | Edizione 13

Traduttore: Gianni Guadalupi

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Biography , Fiction & Literature , History

Ti piace Paula?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    la vita che continua attraverso gli occhi della madre, la scrittura come unico modo per avere accanto Paula. Letto molti anni fa, una storia meravigliosa e delicata, nella sua tragicità.

    ha scritto il 

  • 4

    Isabel Allende fa sempre pensare alla vita e in questo caso alla morte. Grande emozione e commozione nel mezzo del racconto autobiografico della sua vita e del suo Cile. Anche le ripetizioni inevitabi ...continua

    Isabel Allende fa sempre pensare alla vita e in questo caso alla morte. Grande emozione e commozione nel mezzo del racconto autobiografico della sua vita e del suo Cile. Anche le ripetizioni inevitabili del racconto di sé stessa, non annoiano mai. 4 stelle perché ci sono suoi libri che ho amato di più, ma 5 stelle per come racconta la sua tragedia.

    ha scritto il 

  • 5

    commovente

    è la storia della scomparsa di sua figlia, estremamente commovente e toccante. sotto tanti aspetti ricorda molto la casa degli spiriti il suo capolavoro!

    ha scritto il 

  • 4

    Quando ho iniziato a leggere questo libro ero troppo piccola per non sentire la pesantezza del racconto biografico dell' Allende e delle sue origini.
    Poi dopo un paio di anni ho deciso di concedergli ...continua

    Quando ho iniziato a leggere questo libro ero troppo piccola per non sentire la pesantezza del racconto biografico dell' Allende e delle sue origini.
    Poi dopo un paio di anni ho deciso di concedergli una seconda opportunità, rendendomi conto che questo libro toglie totalmente il respiro nella parte finale.
    Non gli do 5 stelline perchè certi momenti era inevitabile non perdere la concentrazione, ma questo è stato uno dei rari libri capace di farmi piangere.

    ha scritto il 

  • 5

    La vita, sopra ogni dolore

    Letto per la prima volta qualche tempo dopo la sua pubblicazione, nei primi anni novanta. Riletto nel tempo altre due volte; con interesse ed intensità immutati. Lo consiglio a tutti e lo regalo spes ...continua

    Letto per la prima volta qualche tempo dopo la sua pubblicazione, nei primi anni novanta. Riletto nel tempo altre due volte; con interesse ed intensità immutati. Lo consiglio a tutti e lo regalo spesso. Una vicenda sempre in bilico tra dolore e felicità, tra l'angosciante attesa della fine e la continua esplosione della vita, col suo amore, la sua inesauribile energia.

    ha scritto il 

  • 5

    Addio, Mina, donna. Benvenuta, Mina, spirito.

    Girovagavo nella Feltrinelli, posando lo sguardo su centinaia di libri, che prendevo in mano per poi lasciarli, perché sentivo che non erano ciò che cercavo. Tra tante copertine è spiccata quella di P ...continua

    Girovagavo nella Feltrinelli, posando lo sguardo su centinaia di libri, che prendevo in mano per poi lasciarli, perché sentivo che non erano ciò che cercavo. Tra tante copertine è spiccata quella di Paula e ho avvertito l'urgenza di leggerlo lì per lì, nella libreria. Mi stavi conducendo tu verso quel libro che avevi tanto apprezzato e del quale mi avevi parlato, forse profeticamente? Volevi instillarmi il coraggio di lasciarti andare a quasi due anni dalla tua partenza da questa terra? Mi avevi descritto la grazia del dolore, il processo catartico della scrittura che aveva accompagnato la Allende durante la malattia di Paula e la sua morte, un modo di intendere diversamente il passaggio ad altre dimensioni. Ho viaggiato emotivamente tra le pagine di questa eccezionale narrazione che non mostra l'autocompatimento del lutto, ho proceduto piano nei meandri del dolore e dell'angoscia da separazione, ricordando distintamente il momento in cui ti ho salutata l'ultima volta e in cui mi chiedesti se stavo osservando un fantasma. Ti ho amata come una sorella, come il mio emisfero destro che mi riconduceva alla realtà. Sembra che tu e Paula vi somigliaste moltissimo anche nei tratti caratteriali.
    L'altro giorno ho parlato con tua madre, dice che sentendo me le sembra di conversare con te, di non dimenticarti mai. Non potrei mai dimenticarti, sei in ogni mio gesto e pensiero. La tua presenza su questa terra ha inciso fortemente nella mia vita, lasciandomi in un profondo senso di solitudine quando te ne sei andata. Vorrei sollevare tua madre dalla sua prostrazione continua, vorrei aiutarla ad accettare il tuo passaggio fisico ad un'altra dimensione. Ne abbiamo parlato innumerevoli volte, ma non è ancora in grado di fare questo salto. Pensi che leggere Paula possa aiutarla a non impazzire? Indicami tu un modo per arginare la sua disperazione. La tua malattia ha consumato chi ti amava nell'impotenza di non poter far nulla, vagando come disperati tra un rimedio e l'altro, esattamente come i congiunti di Paula.
    Io devo lasciarti andare, sorella mia, per consentire al tuo spirito di librarsi nella pace. Sarai sempre con me. Parafrasando la chiusura di Paula, ti accolgo così: "Addio, Mina, donna. Benvenuta, Mina, spirito."

    ha scritto il 

  • 5

    Spoiler

    A differenza di altri lavori, qui Allende parla in prima persona di sé, del suo grande amore per i figli, della sua famiglia e della sua storia per accompagnare la figlia nel suo ultimo viaggio. C'è t ...continua

    A differenza di altri lavori, qui Allende parla in prima persona di sé, del suo grande amore per i figli, della sua famiglia e della sua storia per accompagnare la figlia nel suo ultimo viaggio. C'è tutta la Storia e tutto il dolore e la disperazione che una donna, una mamma, sia costretta a sopportare. E solo Allende poteva trovare un modo di rendere un terribile dramma un momento di comunicazione e riflessione. Che fosse una grande persona l'avevo già capito, ma così ha reso la sua grandezza indelebile per sempre.
    Duro e triste, ma veramente una grande lettura

    ha scritto il 

Ordina per