Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Paura

By Stefan Zweig

(599)

| Paperback | 9788845926341

Like Paura ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Irene Wagner, bella viennese della migliore borghesia e moglie di un noto penalista, sta scendendo rapida le scale di una casa non sua dopo aver fatto visita all'amante, un giovane pianista. Ma lì, su un pianerottolo, il fato la attende sotto le spog Continue

Irene Wagner, bella viennese della migliore borghesia e moglie di un noto penalista, sta scendendo rapida le scale di una casa non sua dopo aver fatto visita all'amante, un giovane pianista. Ma lì, su un pianerottolo, il fato la attende sotto le spoglie di una sordida ricattatrice. Quella donna sa tutto di lei. E Irene cede, e paga. Ma da quel momento comincia l'incubo: le richieste di denaro aumentano vertiginosamente, e lo sguardo indagatore del marito, l'avvocato Wagner, ormai la atterrisce - certo sospetta qualcosa, forse ha subodorato l'inganno. E quello che le ha fatto notare un giorno, en passant, raccontandole delle sue esperienze professionali è terribilmente vero: spesso il colpevole soffre più per la paura di essere scoperto, per l'ansia di dover nascondere il delitto, che non per il terrore del castigo; la pena, anzi, è catartica. Che fosse un tacito invito alla confessione? Maestro della suspense, Zweig pedina l'adultera, tormentata dalla ricattatrice non meno che da se stessa e divisa fra angoscia e rimorso; ne mette a nudo la psicologia, ne dipinge gli incubi, ne svela le riflessioni, tra passi falsi, decisioni sempre rinviate e scene isteriche all'amante, a torto ritenuto complice della ricattatrice: sino al coup de théâtre finale...

139 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    «Irene,» disse, e nella sua voce risuonò una strana tenerezza «per quanto tempo ancora dobbiamo tormentarci?».

    Una trama molto semplice, una storia molto breve, uno stile impeccabile. Zweig sa vedere dentro le persone, sa comprendere il meglio e il peggio, sa parlare con classe delle beghe di tutti i giorni.

    Is this helpful?

    Thalita said on Oct 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Zweig continua a stupirmi. Dopo la mezza delusione di Mendel dei libri alcuni anni fa, non avevo più letto nulla di suo: che grave errore!
    Questo racconto, ancor più di Novella degli scacchi, è un gioiello di perfezione narrativa: a partire dal tito ...(continue)

    Zweig continua a stupirmi. Dopo la mezza delusione di Mendel dei libri alcuni anni fa, non avevo più letto nulla di suo: che grave errore!
    Questo racconto, ancor più di Novella degli scacchi, è un gioiello di perfezione narrativa: a partire dal titolo, rarissima sintesi esatta del contenuto. La paura della donna borghese che tradisce il marito e viene ricattata da una donna che ha scoperto tutto è infatti la vera protagonista, e grazie alla maestria di Zweig mentre si legge sembra quasi di sentirla anche sulla propria pelle. Si sussulta, ci si impaurisce e si sprofonda sempre più insieme alla protagonista, che da donna viziata e annoiata dalla vita compie, attraverso la paura, un vero e proprio percorso di purificazione. Da leggere!

    Is this helpful?

    Angiemela said on Sep 30, 2014 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    In assoluto uno dei più bei romanzi brevi che abbia mai letto. Un ritmo frenetico di riflessioni sulla condizione umana e sociale che accompagna il lettore verso un finale sconvolgente e di grandissimo spessore emotivo. Credo che Zweig tratteggi nel ...(continue)

    In assoluto uno dei più bei romanzi brevi che abbia mai letto. Un ritmo frenetico di riflessioni sulla condizione umana e sociale che accompagna il lettore verso un finale sconvolgente e di grandissimo spessore emotivo. Credo che Zweig tratteggi nel personaggio del racconto, Irina Wagner, una delle figure memorabili della letteratura, una persona che "provava disgusto per la vacua operosità della gente inoperosa".

    Is this helpful?

    Luciano said on Aug 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La descrizione della paura di essere scoperti che attanaglia chiunque in vita sua abbia mai detto una bugia...per cui: la paura che tutti hanno provato almeno una volta nella vita!
    L'unica pecca è il finale: Zweig lo lascia appeso...come sempre...

    Is this helpful?

    Aua said on Aug 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dalle prime pagine ho provato una sorta di avversione nei confronti della protagonista, come già in Lettera di una Sconosciuta: donne appartenute ad altri tempi, che ho sbrigativamente giudicato deboli e prive di amor proprio.
    Fino a che non mi sono ...(continue)

    Dalle prime pagine ho provato una sorta di avversione nei confronti della protagonista, come già in Lettera di una Sconosciuta: donne appartenute ad altri tempi, che ho sbrigativamente giudicato deboli e prive di amor proprio.
    Fino a che non mi sono rispecchiata in loro atteggiamenti, psicosi, reazioni.
    Cantava Gaber "Non temo Berlusconi in sè, temo Berlusconi in me".

    Certe descrizioni sono veramente belle.

    Is this helpful?

    Silvia said on Aug 7, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Niente paura.

    Non so ma questo racconto non mi ha convinta. Qualcosa non ha funzionato fra noi. Ho faticato a finirlo, mi è sembrato ripetitivo e paroloso, una tempestina in un bicchier d'acqua. I personaggi e i loro borghesissimi tormentoni mi hanno lasciato fred ...(continue)

    Non so ma questo racconto non mi ha convinta. Qualcosa non ha funzionato fra noi. Ho faticato a finirlo, mi è sembrato ripetitivo e paroloso, una tempestina in un bicchier d'acqua. I personaggi e i loro borghesissimi tormentoni mi hanno lasciato fredda e sfastidiata, pagina dopo pagina sentivo il sopracciglio che si alzava, alla fine era diventato un accento circonflesso. Al momento, intimidita dall'alone mitteleuropeo e dai molti elogi di anobiani di tutto rispetto gli ho dato le tre stelle sindacali, ma ora ripensandoci a freddo mi scaldo e gli tolgo una stella, ecco che faccio!

    Is this helpful?

    Olenska said on Aug 3, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (599)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 113 Pages
  • ISBN-10: 8845926346
  • ISBN-13: 9788845926341
  • Publisher: Adelphi (Piccola Biblioteca, 622)
  • Publish date: 2011-10-01
  • Also available as: eBook
Improve_data of this book