Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Pensare con i piedi

By Osvaldo Soriano

(390)

| Paperback | 9788806143916

Like Pensare con i piedi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nei racconti di questo volume Soriano si aggira in tre mondi dall'apparenzaassai distanti tra loro. Nel gruppo di racconti dedicati al calcio come artedell'intelligenza sono in primo piano la passione dell'autore, alcunipersonaggi memorabili, come il Continue

Nei racconti di questo volume Soriano si aggira in tre mondi dall'apparenzaassai distanti tra loro. Nel gruppo di racconti dedicati al calcio come artedell'intelligenza sono in primo piano la passione dell'autore, alcunipersonaggi memorabili, come il figlio di un cow-boy fuorilegge appassionatolettore di Hegel che fa da arbitro in una leggendaria partita tra socialisti ecomunisti nella Terra del Fuoco. La sezione intitolata "Nel nome del padre"introduce il lettore alla realtà quotidiana dell'epoca peronista, amara edesilarante insieme, così come la vede un bambino che, all'ombradell'orgogliosa figura paterna, si rifugia ogni tanto nel proprio mondofantastico.

13 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Rilettura in occasione dei mondiali (se dice la verità il biglietto del bus che ho trovato dentro, prima lettura nel 1997); strazianti i racconti sul padre, leggendari quelli sul calcio,confesso di aver saltato quelli sulla storia dell'Argentina, che ...(continue)

    Rilettura in occasione dei mondiali (se dice la verità il biglietto del bus che ho trovato dentro, prima lettura nel 1997); strazianti i racconti sul padre, leggendari quelli sul calcio,confesso di aver saltato quelli sulla storia dell'Argentina, che non ci ho capito niente

    Is this helpful?

    Raffaella said on Jul 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    particolari da cui si giudica un giocatore

    Avvertenza: nelle prossime righe si parlerà di calcio. Per cui sarò dannatamente serio

    Il rigore, chi ne ha tirato almeno uno mi può capire; il rigore è mettere se stessi davanti all’impossibilità di fallire. Un incubo.
    Doveva saperlo Osvaldo Sor ...(continue)

    Avvertenza: nelle prossime righe si parlerà di calcio. Per cui sarò dannatamente serio

    Il rigore, chi ne ha tirato almeno uno mi può capire; il rigore è mettere se stessi davanti all’impossibilità di fallire. Un incubo.
    Doveva saperlo Osvaldo Soriano, un po’ perché era stato un promettente calciatore, un po’ perché se nasci in Argentina certe cose ce le hai dentro e mica è così facile scordarle. Doveva sapere molte cose Soriano e ancora di più deve averne viste in giro per l’Argentina polverosa dei suoi anni, e quel rigore diventa il pretesto per dire qualcosa di più, su di lui, sul suo paese e sul quel Gato Diaz, che ne è protagonista non voluto. Che si ritrova ad essere una versione bislacca dell’Atlante mitologico (quello del mondo sulle spalle) e che Soriano muove magistralmente nel racconto. Il paese, infatti, lo interroga ossessivamente, lo consiglia appassionatamente e tutto gli concede nella speranza di riceverne in cambio un attimo di gloria. C’è quindi qualcosa di più sul calcio come ragione di vita: il tifo come sostegno ad un esistenza di miseria e rabbia. Tutto sulle spalle indolenzite da indio del Gato. Del tiratore, l’antagonista di questa storia, Soriano ci dice poco o nulla: magro, muscoloso e che quel rigore, nella sua testa, l’aveva calciato tante volte – sveglio o addormentato – e tante altre l’avrebbe calciato in ogni momento della sua vita... (CONTINUA SUL BLOG)

    LINK BOOKSKYWALKER http://bookskywalker.wordpress.com/2012/04/02/bsw-sul-d…

    LINK DUDEMAGAZINE
    http://www.dudemag.it/?p=5731

    Is this helpful?

    BOOK SKYWALKER said on Apr 2, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pensare con i piedi

    Questo è un libro strano, non tanto perché è diviso in tre parti, ma perché ogni parte non solo è indipendente dalle altre, ma è anche molto diversa, sia nei contenuti che nello stile.
    La prima parte è fenomenale. Di Soriano avevo letto Fùtbol, sape ...(continue)

    Questo è un libro strano, non tanto perché è diviso in tre parti, ma perché ogni parte non solo è indipendente dalle altre, ma è anche molto diversa, sia nei contenuti che nello stile.
    La prima parte è fenomenale. Di Soriano avevo letto Fùtbol, sapevo che nei racconti di calcio ci metteva il cuore, ma per me è stata una piacevole sorpresa leggere questi altri racconti che mischiavano il calcio (poco) all’infanzia. Suscitano emozioni miste di commozione, divertimento e malinconia. “Vetri rotti” è un capolavoro.
    La seconda parte è indubbiamente meno emozionante. Pare un lavoro preliminare di uno storico che si accinge a scrivere un saggio. Interessante per chi studia la storia dell’Argentina, mentre per gli ignoranti (come me) è difficile districarsi fra i moltissimi nomi che ricorrono in continuazione. Roberspierre è il racconto più accessibile fra questi.
    La terza parte è costituita da racconti calcistici che avevo letto su Fùtbol, e rimando a quella recensione, dal titolo “Il calcio come poesia”. Li ho riletti volentieri, soprattutto Il rigore più lungo del mondo.
    In conclusione un libro strutturato male, che prende 5 stelle (o anche 10, o 47) nella prima parte, 2 stelle nella seconda, 4 stelle nella terza (perché li avevo già letti, se no 5). Quindi 4 stelle su 5.

    Is this helpful?

    Skop's said on Feb 20, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Strutturato come a me non piace neanche nelle serie tv (a singoli racconti, episodi, senza un filo conduttore comune) ho trovato piuttosto noioso questo libro che salvo solo per un racconto: quello relativo al rigore più lungo del mondo!

    Voto: 5/10

    Is this helpful?

    Fabrizio said on Jan 23, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    mi è piaciuta poco la parte "storico-politica", abbastanza quella sul padre, molto la sezione sul calcio.

    Is this helpful?

    Luca Calisi said on Jun 6, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ri-nascere alla poesia perduta...

    Ci sono mille modi per affrontare la persecuzione politica che ti costringe all'esilio.
    Ci sono mille modi per dire dell'amore per la tua terra alla quale non puoi tornare. I greci, i mille modi li racchiudevano in una sola parola: "nostos" che, più ...(continue)

    Ci sono mille modi per affrontare la persecuzione politica che ti costringe all'esilio.
    Ci sono mille modi per dire dell'amore per la tua terra alla quale non puoi tornare. I greci, i mille modi li racchiudevano in una sola parola: "nostos" che, più che nostalgia per la propria patria era qualcosa di molto più fluido, ai confini del sentire l'infinito.
    "Nostos" è la nostalgia del viaggio (di ritorno) che, tanto più t'allarga il cuore, quanto più la distanza fra te e la meta s'accorcia. Poi, il giungere alla tua terra, non è più "nostos" è tutta un'altra cosa: alcuni eroi ritornando da Troia vi trovarono la morte ed Ulisse stesso, dopo le carneficine rituali, se ne ripartirà da Itaca (così Tiresia nell'XI dell'Odissea) per una terra che non conosce il remo.
    In Soriano è vivere il "nostos" narrando la sua vita. In questo insieme di racconti, che è "Pensare con i piedi", Soriano ti trasmette la sua nostalgia per l'Argentina di Peron ed Evita, mitici ed insieme metafora del mito della sua infanzia; l'Argentina che non rinuncerà mai alle Malvinas; l'Argentina del calcio che Soriano ci rappresenta nel posto più improbabile e, per questo stesso, più magico del mondo: la Patagonia.
    Il reale ed il surreale, nella stupefacente scrittura di Soriano, non hanno dimensioni stilistiche: sono, semplicemente, vita reale. La sua.
    E, dopo la lettura di questi racconti, un po', anche, la nostra.
    Se non conoscete l'Argentina, leggere Soriano vi porterà a desiderare di andarci; se ci siamo già stati, capiremo ancor meglio cosa si agitava nel cuore dell'autore scrivendo questi racconti.
    Ma l'Argentina di oggi non è più l'Argentina di Soriano: la globalizzazione, com'è noto per le ferite che ci portiamo dentro, incurabili, ha ucciso la poesia.

    Is this helpful?

    Atrideo said on Oct 5, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (390)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 216 Pages
  • ISBN-10: 8806143913
  • ISBN-13: 9788806143916
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 1997-02-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book