Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Pensees

By Blaise Pascal

(40)

| Paperback | 9780785946502

Like Pensees ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

70 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    D'ispirazione la prima parte, evitabile la seconda

    Prima parte molto interessante. Pascal affronta la questione della Fede in Dio in maniera logica, lucida ed illuminata, come raramente capita di leggere. Ti riporta con i piedi per terra a porti domande su un tema difficile, come quello di credere in ...(continue)

    Prima parte molto interessante. Pascal affronta la questione della Fede in Dio in maniera logica, lucida ed illuminata, come raramente capita di leggere. Ti riporta con i piedi per terra a porti domande su un tema difficile, come quello di credere in Dio. Ci fa scrutare nella nostra coscienza. Tutte azioni che la nostra società tende progressivamente a debellare come “non utili”. Credenti o non credenti il suo modo di parlare fa centro. Forse proprio perché di base lui era uno scienziato, un matematico, quindi la sua origine è lontana dal mondo metafisico e spirituale. In questo modo invita ad essere veramente di mente aperta anche ai più strenui atei e razionalisti.

    Nella seconda parte tuttavia si sente che i “Pensieri” dovevano essere la base dell’Apologia al Cristianesimo, opera mai scritta. Questa sezione, che corrisponde alla seconda metà del libro, o giù di lì, risulta essere molto difficile da digerire perché colma di analisi e ragionamenti intorno ai capisaldi della religione Cristiana al fine da dimostrarne la veridicità e la presunta superiorità sulle altre.
    Tecnicismi e sofismi vari dove Pascal perde molto di efficacia.
    Confesso che ho faticato ad arrivare alla fine.

    Is this helpful?

    Alex-Noir said on Mar 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nemo deriva da ne-homo, "non un uomo"; nihil da ne-hilum, "non una pagliuzza", nullus da ne- ullus, "non alcuno".

    wikip. cit.

    Don't cry, don't cry baby
    Don't cry baby
    Dry your eyes, and let's be sweethearts again
    And oh, cuz you know
    You know I did ...(continue)

    Nemo deriva da ne-homo, "non un uomo"; nihil da ne-hilum, "non una pagliuzza", nullus da ne- ullus, "non alcuno".

    wikip. cit.

    Don't cry, don't cry baby
    Don't cry baby
    Dry your eyes, and let's be sweethearts again
    And oh, cuz you know
    You know I didn't mean
    To ever treat you so mean
    C'mon, c'mon sweetheart
    And let's try it over again

    Is this helpful?

    jonnybegood said on Nov 28, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Forse è un manuale per il catechismo?

    Li ho letti e riletti. Ci ho pensato. Ho studiato Pascal come matematico e filosofo, il giudizio del "divertissement" non si può contraddire. "L'ultimo passo della ragione sta nel riconoscere che vi è una infinità di cose che la sorpassano." Tutto st ...(continue)

    Li ho letti e riletti. Ci ho pensato. Ho studiato Pascal come matematico e filosofo, il giudizio del "divertissement" non si può contraddire. "L'ultimo passo della ragione sta nel riconoscere che vi è una infinità di cose che la sorpassano." Tutto sta qui! Non riesco proprio a vederci un sostenitore della FEDE RELIGIOSA, bensì un uomo di scienza divenuto consapevole dei limiti dell'uomo. Non ci trovo nulla di più che un postulato kantiano. Per quanto l'uomo riesca a progredire con la sua scienza, rimarrà sempre un'infinità di cose che ignorerà e come chiamerà l'ignoto se non "Dio"? Non possiamo immaginare il nulla!

    Is this helpful?

    Nexi said on Jul 17, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Del resto, in questo nobile giuoco d'azzardo, l'uomo non ha nulla da perdere"

    "...su sparsi foglietti poi amorosamente raccolti dalla sorella Gilberte, sua biografa affettuosa, e più tardi riordinati dal figlio di lei, sono più che un'opera di propaganda religiosa, la storia di un'anima, lo specchio di una mente sublime e di u ...(continue)

    "...su sparsi foglietti poi amorosamente raccolti dalla sorella Gilberte, sua biografa affettuosa, e più tardi riordinati dal figlio di lei, sono più che un'opera di propaganda religiosa, la storia di un'anima, lo specchio di una mente sublime e di un grande cuore."

    Is this helpful?

    Tisbe said on Apr 14, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    ateismo

    l'ho letto da agnostico e razionalista.
    le idee vanno confrontate, comunque e qualunque sia il proprio pensiero di partenza.
    un libro che aiuta a riflettere, non per forza a cambiare.
    piccoli brani, per nulla pesanti, di un grande pensatore lontano d ...(continue)

    l'ho letto da agnostico e razionalista.
    le idee vanno confrontate, comunque e qualunque sia il proprio pensiero di partenza.
    un libro che aiuta a riflettere, non per forza a cambiare.
    piccoli brani, per nulla pesanti, di un grande pensatore lontano dal nostro mondo.
    appunti necessari.

    Is this helpful?

    pk104 said on Feb 17, 2012 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    A mio avviso uno dei testi filosofici,insieme alle Confessioni di Sant'Agostino,che più abbracciano la filosofia con la Fede religiosa.Pascal attraverso moltissimi esempi ci indica una strada,percorribile da chi crede,ed è una strada fatta di osserva ...(continue)

    A mio avviso uno dei testi filosofici,insieme alle Confessioni di Sant'Agostino,che più abbracciano la filosofia con la Fede religiosa.Pascal attraverso moltissimi esempi ci indica una strada,percorribile da chi crede,ed è una strada fatta di osservazioni,critiche,note,pensieri,riflessioni,avulsa da qualunque dogmatismo o da qualunque forma di ascetismo o misticismo irrealizzabile.Al contrario siamo davanti ad un'opera concreta davanti alla quale qualunque uomo può e deve decidere riguardo i principi cui attenersi nella sua vita.Qui ce ne sono elencati tanti tratti dalla tradizione cristiana,ma ci si può riconoscere anche un ebreo o un buddista in tali principi.Lo rileggo spessissimo ed ogni volta è come avere una lanterna che illumina anche la strada più buia.

    Is this helpful?

    Monellaccio08 said on Jan 21, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book