Perché essere felice quando puoi essere normale?

Voto medio di 404
| 171 contributi totali di cui 67 recensioni , 103 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
EPUB con Adobe DRM

Jeanette Winterson è uscita di casa a 16 anni perché si era innamorata di un'altra donna, e perché voleva essere felice. Quando tentò di spiegarlo a sua madre, la signora Winterson rispose: "Perché essere felice quando puo
...Continua
Cento_book
Ha scritto il 08/03/18
«Ecco cosa ci offre la letteratura: una lingua che ha il potere di dire le cose come stanno. Non è un luogo dove nascondersi. È un luogo dove ritrovarsi»
Nell'autunno del 1975 la sedicenne Jeanette Winterson deve prendere una decisione: rimanere al 200 di Water Street assieme ai genitori adottivi o continuare a vedere la ragazza di cui è innamorata e vivere in una Mini presa in prestito. Sceglie la se...Continua
Alegna
Ha scritto il 21/10/17
tre e mezzo
Autobiografia di Jeanette Winterson. Interessante. Descrive con arguzia e profondità la sua difficile infanzia con i suoi genitori adottivi, l’amore per i libri, le sue scelte sessuali. All’inizio senza piangersi troppo addosso. Questa parte descritt...Continua
Nikla88
Ha scritto il 21/01/17
I loved this book, it is an autobiography but a fiction at the same time. It flows very well but it's slightly difficult because it goes back to the past and then it jumps to the future suddenly. It makes you angry, sad, it makes you cry, even smile...Continua
Mickdemaria
Ha scritto il 01/11/16
E' il primo libro che leggo di questa autrice, le impressioni a caldo sono un po' contrastanti. Premetto che l'ho letto volentieri, molto scorrevole, la Winterson ha facilità di scrittura, orecchio per il ritmo, gusto per il racconto. Ciò detto... è...Continua
Melog
Ha scritto il 29/06/16

Un lungo racconto autobiografico a tratti interessante nei contenuti ma scritto in un linguaggio troppo colloquiale. Il titolo è meraviglioso (l'episodio di vita in cui nasce è invece amaro)


danimaz
Ha scritto il Jan 07, 2017, 13:23
[Mia madre] detestava essere una nullità e io, come tutti i bambini, adottati o no, ho dovuto vivere un po' dell sua vita non vissuta. E' quello che facciamo per i nostri genitori: in realtà non abbiamo altra scelta
TaLula
Ha scritto il Jan 31, 2013, 23:46
I told her not to be frightened. I said there would be a time when we would never be frightened again.
Pag. 109
TaLula
Ha scritto il Jan 31, 2013, 23:34
Love is vivid. I never wanted the pale version. Love is full strength. I never wanted the diluted version. I never shield away from love's hugeness but I had no idea that love could be as reliable as the sun. The daily rising of love.
Pag. 77
TaLula
Ha scritto il Jan 31, 2013, 23:31
Nothing could be simpler, nothing could be harder, than love.
Pag. 75
TaLula
Ha scritto il Jan 31, 2013, 21:44
Sometimes you have to live in precarious and temporary places. Unsuitable places. Wrong places. Sometimes the safe place won't help you.
Pag. 63

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

danimaz
Ha scritto il Jan 07, 2017, 13:33
Il bambino adottato non può scegliere.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi