Perché ci odiano

Se vogliamo sconfiggere il terrorismo dobbiamo smettere di essere terroristi. E fermare Stati Uniti, Israele, Gran Bretagna, Russia. Le prove, le storie e i documenti. Con un contributo [...]

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

4.3
(167)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 346 | Formato: Altri

Isbn-10: 8817010642 | Isbn-13: 9788817010641 | Data di pubblicazione:  | Edizione Prima edizione

Genere: Storia , Non-narrativa , Politica

Ti piace Perché ci odiano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Le menzogne uccidono. Ci sono le prove, le testimonianze, i documenti. Bastaprovare a cercare, basta avere voglia di sapere. È quello che ha fatto in annidi ricerca e di viaggi l'autore di questo libro utilizzando fonti "nonsospette", cioè quelle ufficiali americane, inglesi, israeliane che dimostranocome il terrorismo sia stata l'arma principale di questi paesi per imporreloro un ordine mondiale. Da decenni. Da quando gli israeliani si reseroprotagonisti di una vera pulizia etnica contro i palestinesi, e gli americani(con gli inglesi) sostennero le controrivoluzioni in Indonesia, in Guatemala,in America Latina. Con l'aggiunta dei russi in Cecenia: una lunga lista diesempi riguardo i quali non si può restare indifferenti.
Ordina per
  • 5

    Conflitto arabo-israeliano: un'altra storia

    Questo libro vi racconterà una storia completamente diversa da quella che si può desumere dai telegiornali e dai quotidiani italiani.
    Innanzitutto in queste pagine potrete trovare una ricostruzione st ...continua

    Questo libro vi racconterà una storia completamente diversa da quella che si può desumere dai telegiornali e dai quotidiani italiani.
    Innanzitutto in queste pagine potrete trovare una ricostruzione storica dei fatti antecedenti all'insorgere del conflitto arabo-israeliano a partire dai tempi della colonizzazione inglese della Palestina.
    Barnard ci racconta quale popolo occupava dalla notte dei tempi i territori di quest'area e chi è sopraggiunto in seguito alla cosidetta diaspora reclamando il diritto 'divino' di occuparla.
    Barnard ci spiega quale popolo si è messo sotto le scarpe le risoluzioni ONU ed ha creato dal nulla uno stato originato non dal diritto, ma dalla violenza della sopraffazione.
    Una sopraffazione armata, incoraggiata e finanziata da un alleato oltreoceano.
    Ebbene i sopraffattori sono spacciati per democratici, mentre i sopraffatti sono spacciati per terroristi estremisti.
    E questo è reso possibile proprio perchè quella ricostruzione dei fatti storici, che viene ben illustrata in questo libro, rimane accuratamente occultata ed ignorata dalla cronaca quotidiana propinataci dai nostri notiziari.
    Questa vicenda è il nucleo da cui trae origine la domanda del titolo del libro: perchè ci odiano?, una domanda tragicamente attuale che si ripropone nel tempo dopo i fatti delittuosi di Londra, Madrid e Parigi.
    Questi episodi così tremendi ed inaccettabili non possono avere alcuna attenuante e tanto meno una giustificazione, ma noi cittadini democratici, che possiamo scegliere i nostri governi, promuovere o bocciare certe scelte politiche, dopo aver letto questo libro non potremo più sentirci così candidamente innocenti.

    ha scritto il 

  • 4

    Una documentatissima disamina (con fonti quasi sempre di massima autorevolezza) sui motivi che spingono una parte dell'Islam ad agire con atti terroristici. Questo libro, con i documenti che esso cita ...continua

    Una documentatissima disamina (con fonti quasi sempre di massima autorevolezza) sui motivi che spingono una parte dell'Islam ad agire con atti terroristici. Questo libro, con i documenti che esso cita, mi ha rafforzato il sospetto che l'Occidente "buono e puro" ha agito (agisce?) esso stesso da terrorista, ha protetto terroristi quando conveniva, ed ha perpetrato rapine sistematiche ai poveri del mondo. La lettura va diluita nel tempo, non è da leggere come un romanzo. Però credo sia un libro che va letto e meditato, anche se non è più attualissimo (pubblicato nel 2006), se non altro per prendere atto della metodica distorsione con cui le notizie ci sono (state) propinate dai media,

    ha scritto il 

  • 3

    troppo è poco

    interessanti tutte le fonti cui attinge eppure alla lunga pare che la controinformazione cui attinge renda stucchevole il tutto. La tesi di fondo viene ribadita sentendo le campane opposte al comune s ...continua

    interessanti tutte le fonti cui attinge eppure alla lunga pare che la controinformazione cui attinge renda stucchevole il tutto. La tesi di fondo viene ribadita sentendo le campane opposte al comune sentire occidentale. L'antico monito: ciò che semini raccogli è quantomai vero!

    ha scritto il 

  • 5

    Attenzione: recensione fortemente di parte e filo-palestinese.. Se sensibili all'argomento, non leggete!

    SONO ARRABBIATA. DISGUSTATA. IMPOTENTE. Avrei voglia di mettere a ferro e fuoco tutto e tutti p ...continua

    Attenzione: recensione fortemente di parte e filo-palestinese.. Se sensibili all'argomento, non leggete!

    SONO ARRABBIATA. DISGUSTATA. IMPOTENTE. Avrei voglia di mettere a ferro e fuoco tutto e tutti perché nonostante le prove nero su bianco degli orrori TERRORISTICI perpetrati da America, Inghilterra e Israele, faccio fatica a credere a tanta inumanità.
    Mi dà poi così fastidio che quando si dica "terrorista" si pensi esclusivamente ai musulmani, quando le grandi potenze mondiali hanno compiuto e compiono tutt'ora PORCHERIE indicibili.. Vi prego, leggete questo libro come punto di partenza per comprendere innanzi tutto quanto i media siano di parte, quanto esistano due pesi e due misure (III capitolo del libro, l'autore riporta i fatti in modo puntuale e preciso con documenti e prove) e quanto soprattutto ignoriamo la gran parte delle ingiustizie che ci circondano..

    Ho iniziato la mia recensione con l'appoggio incondizionato alla causa palestinese visti i miei studi e il mio orientamento, ma ci torno.. Perché in realtà pur coprendo la maggior parte del libro, non è l'unico terrorismo di cui Barnard si occupa: ampio spazio viene infatti dato agli orrori avvenuti in America Latina e in Oriente da parte soprattutto degli USA.. Rimarrete allibiti e schifati, garantito!

    Tornando alla questione israelo-palestinese, credo che il SIONISMO (e non religione ebraica, attenzione! Sionismo come movimento meramente politico, che nemmeno i rabbini riconoscono) sia una delle cose più disgustose che abbia mai visto; l'ipocrisia, la malvagità e la scorrettezza sono disarmanti, la pulizia etnica della Palestina ingiustificabile.. Purtroppo c'è così tanta ignoranza al riguardo che sembra di essere Don Chisciotte contro i mulini a vento :(
    Leggete il libro di Bernard che offre spunti di riflessione, prove del terrorismo di Israele - per lo più documenti ONU e ripercorre l'intera vicenda dalla nascita di Israele nel 1948 (vi è anche in appendice una sintesi storica del conflitto per chi ne fosse un po' digiuno) e poi leggete La pulizia etnica della Palestina il cui autore, Ilan Pappé è un intellettuale ebreo.. Se poi voleste un romanzo, c'è il grande Kanafani con Ritorno a Haifa

    Il mio pensiero in un'immagine:

    http://www.channer.tv/monday189.jpg

    ha scritto il 

  • 3

    Barnard ci è o ci fa?

    Mi è dificile dare un giudizio a questo libro, per un semplice motivo. Le analisi fatte da Barnard sul terrorismo sono sicuramente approfondite, soprattutto quelle sul terrorismo israeliano, ma.... po ...continua

    Mi è dificile dare un giudizio a questo libro, per un semplice motivo. Le analisi fatte da Barnard sul terrorismo sono sicuramente approfondite, soprattutto quelle sul terrorismo israeliano, ma.... possibile che Barnard creda ancora alla favoletta che gli attentati alle Torri Gemelle e alle metro di Londra e Madrid le abbiano fatte i "terroristi islamici" che ci odiano? Sveglia! Nemmeno gli americani ci credono più alla storiella dei terroristi islamici comandati da Bin Laden da detro una grotta nel deserto! Non ci credo che un giornalista attento come lui non abbia mai sentito parlare di false flag, per cui la mia domanda è: Barnard sa la verità ma non la vuole dire? Preferisce dire delle mezze verità così da non inimicarsi troppo i media italiani? Se dicesse che le Torri Gemelle è stato un inside job americano, lo inviterebbero ancora Report? Qui gli unici che ci odiano sono i nostri stessi governi, non dei fantomatici "terroristi" nascosti chissà dove nel deserto.

    ha scritto il 

  • 4

    molto documentato e con fonti inoppugnabili. il limite consiste nell'essere troppo centrato sulla questione palestinese, quindi su fatti arcinoti. ottime le parti sul salvador e sull'america latina i ...continua

    molto documentato e con fonti inoppugnabili. il limite consiste nell'essere troppo centrato sulla questione palestinese, quindi su fatti arcinoti. ottime le parti sul salvador e sull'america latina in genere.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro che ci fa vedere l'altra faccia della medaglia, quella che tengono ben nascosta e che nessuno di noi occidentali vorrebbe sapere(almeno credo). I fatti denunciati vengono ben documentati da f ...continua

    Un libro che ci fa vedere l'altra faccia della medaglia, quella che tengono ben nascosta e che nessuno di noi occidentali vorrebbe sapere(almeno credo). I fatti denunciati vengono ben documentati da fonti attendibili e non di parte. Molto interessante e da leggere assolutamente per vederci un pò più chiaro.

    ha scritto il