Perdida

By

Publisher: Mondadori

3.8
(2078)

Language: Español | Number of Pages: 567 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Italian , English , Greek , French , Portuguese , Catalan , Chi traditional , German , Chi simplified

Isbn-10: 8439727542 | Isbn-13: 9788439727545 | Publish date: 

Translator: Óscar Palmer

Also available as: Paperback , Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Perdida ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
En un caluroso día de verano, Amy y Nick se disponen a celebrar su quinto aniversario de bodas en North Carthage, a orillas del río Mississippi. Pero Amy desaparece esa misma mañana sin dejar rastro. A medida que la investigación policial avanza las sospechas recaen sobre Nick. Sin embargo, Nick insiste en su inocencia. Es cierto que se muestra extrañamente evasivo y frío, pero ¿es un asesino?
Sorting by
  • 5

    Thriller geniale e coinvolgente. Ho apprezzato tutti i personaggi, nessuno è totalmente positivo o totalmente negativo. L'unica cosa per cui ho storto il naso è stato il finale. Da principio ho girato ...continue

    Thriller geniale e coinvolgente. Ho apprezzato tutti i personaggi, nessuno è totalmente positivo o totalmente negativo. L'unica cosa per cui ho storto il naso è stato il finale. Da principio ho girato la pagina e ho esclamato: "I ringraziamenti? Come, ma è finito cosi?". Ma poi ho capito il motivo di quel finale. Lo consiglio a tutti.

    said on 

  • 4

    «Mia madre ha sempre detto ai suoi figli: se state per fare una cosa, e volete sapere se è una cattiva idea, immaginate di vederla stampata sul giornale, sotto gli occhi di tutti»

    Eh, la saggezza dell ...continue

    «Mia madre ha sempre detto ai suoi figli: se state per fare una cosa, e volete sapere se è una cattiva idea, immaginate di vederla stampata sul giornale, sotto gli occhi di tutti»

    Eh, la saggezza delle mamme, come faremmo senza di loro.
    Io a volte ci penso a quelle persone che, loro malgrado, si ritrovano catapultate nel bel mezzo della tempesta mediatica in un caso di cronaca nera. Una spietata asta a chi offre di più, a chi riesce a scovare il retroscena più biasimevole e servire in prima pagina lo scoop del giorno.
    Senza pudore, senza scrupoli. Senza alcun rispetto della sfera privata dell'individuo. Senza un minimo di riguardo per colui che potrebbe essere colpevole, ma anche no.
    E dall'altra parte tutti pronti a puntare il dito, ad ergersi a paladini della giustizia e detentori del vero. Passando dagli osanna ai crucifige senza un barlume di onestà intellettuale.
    Del resto... ormai i processi si fanno sul divano di casa, al bar, nel salotto di qualche squallido talk show di metà pomeriggio. Che aspettarsi, dunque?

    Questo romanzo non racconta niente di nuovo.. relazioni sentimentali conflittuali, liti domestiche, tradimenti.. donne che spariscono. Sospetti.
    Ciò che vi è di davvero interessante è come l'autrice ha saputo trattare il tema della crescente ingerenza dei media nei casi di cronaca nera, il peso che rivestono nel corso delle indagini e la devastante influenza sull'opinione pubblica.
    Una storia attuale, un misto tra giallo, noir e thriller, che si legge volentieri, che riesce a tenere il lettore in fibrillazione fino alla fine, e che riserva anche delle sorprese inaspettate.
    Molto carino anche il film... ma da guardare rigorosamente dopo aver letto il libro!! ;)

    said on 

  • 5

    L' amore come patologia

    E' un libro straordinario, la narrazione "a due voci" contribuisce a dare una caratterizzazione realistica e verosimile dei personaggi sino alla lucida e controllata follia della protagonista...
    Il le ...continue

    E' un libro straordinario, la narrazione "a due voci" contribuisce a dare una caratterizzazione realistica e verosimile dei personaggi sino alla lucida e controllata follia della protagonista...
    Il lettore è coinvolto nella ordinaria quotidianità di una coppia in crisi (come tante), è veramente ammirevole la sensibilità nel cogliere le sottili violenze psicologiche che si sviluppano in una coppia vicina alla rottura.....le pressioni socioculturali esterne potenziate da mass media affamati di notizie e scoop....Romanzo da leggere e rileggere!

    said on 

  • 4

    Come dicevo è una brava ragazza (per essere una troia) - cit.

    Con questo libro mi è successa una cosa strana: arrivata a metà, ho guardato il film e il film mi è piaciuto tanto da voler finire il libro e il libro, ovviamente, mi è piaciuto più del film.

    Una nota ...continue

    Con questo libro mi è successa una cosa strana: arrivata a metà, ho guardato il film e il film mi è piaciuto tanto da voler finire il libro e il libro, ovviamente, mi è piaciuto più del film.

    Una nota:
    Ben Affleck, la cui recitazione per me è sempre stata un gradino sotto a quella del mio cane quando si fingeva sfinito per essere preso in braccio, aveva il ruolo tagliato su misura per lui, quello del coglione.

    Torniamo al libro. In una parola: illuminante.
    Oh sì, illuminante, cazzo.

    DA QUI NON LEGGETE: pericolo spoiler.

    1. Lui - scrittore, brillante e insieme coglione, licenziato, mediocre, empatico come un comodino, traditore;

    2. si capiva che il diario era una minchiata, ma anche quello era funzionale;

    3. il passaggio da "mitica Amy" a "strafica" è stato eccezionale:
    "Ma non amava proprio me-me: amava una che non esisteva. Io, come al solito, ho fatto finta di possedere un certo carattere. [...]
    impersonavo la tipa al passo coi tempi, l’ideale per uno come Nick: facevo la Strafica. Che per gli uomini è il massimo del complimento, no? È una strafica.
    Strafica vuol dire che sei gnocca, vivace, divertente; una che adora il football, il poker, le barzellette sporche e i rutti, gioca ai videogiochi, beve birra da due soldi, non disdegna orge e sesso anale, anzi, e trangugia hamburger e hot dog neanche fosse la madrina della più affollata gang bang gastronomica del mondo… riuscendo comunque a rimanere una taglia 38, perché le Strafiche sono soprattutto gnocche. Gnocche e comprensive. Le Strafiche non si arrabbiano mai; si limitano a sorridere, rammaricate e amorevoli, e lasciano fare al loro uomo quello che vuole. Vai, cagami pure in testa, nessun problema, sono una Strafica.

    4. se vuoi piacere a un uomo, sorridi, lascialo libero, dagli qualsiasi cosa chieda, fallo ridere;

    5. finchè non ti mette l'anello al dito;

    6. poi odialo, perchè è stato così coglione da credere alla recita. Castralo. Distruggigli la vita, spingilo a tradirti;

    7. odialo ancora di più perchè ha preferito un'altra a te;

    8. avete mai conosciuto un traditore che non dicesse: "Mia moglie era pazza. Avevo sposato una pazza. Ho sposato una stronza psicolabile."?

    9. le donne col quel cazzo di caschetto di merda sono davvero pazze;

    10. solo una bionda potrebbe pensare di essere irriconoscibile se si tinge di grigio topo;

    11. "Ecco, ora sta per usare la battuta di Daniel Day-Lewis nell’Ultimo dei Mohicani: «Devi vivere… io ti troverò». Non può resistere, deve sempre annacquare la sincerità con una citazione cinematografica. Lo sento, ce l’ha sulla punta della lingua." (no comment)

    12. «Mentre tu sei un uomo» intervengo. «Un noioso maschio medio, pigro e vigliacco, che ha paura delle donne. E senza di me saresti stato così per sempre, fino alla nausea. Ma io ti ho trasformato. Con me, tu sei stato l’uomo migliore che potrai mai essere. E lo sai. L’unica volta nella vita che ti sei piaciuto è stato quando fingevi di essere uno che poteva piacermi.»

    13. praticamente Follia di McGrath, ma trasportata nel Missuri con menti newyorkesi, non male;

    14. Sto raggiungendo il suo stesso livello di follia. Perché sento che mi sta cambiando di nuovo: ero un ragazzo immaturo e poi sono diventato un uomo, buono o cattivo che fossi. Adesso sono l’eroe. Sono quello per cui fare il tifo nella storia della nostra infinita guerra coniugale. È una storia con la quale posso convivere. Al diavolo, a questo punto non so immaginare nessuna storia senza Amy. Lei sarà per sempre la mia avversaria.
    Siamo un unico, lungo, terrificante crescendo.

    15. appunto;

    16. aspetta, chi mi ricorda?

    17. Sta imparando ad amarmi di un amore incondizionato, che sta alle mie condizioni. Abbiamo finalmente imboccato la strada per la felicità.

    18. e meno male che volevo leggere un libro che non mi ricordasse altro...

    19. fossi il marito della Flynn, non dormirei tanto tranquillo. No. Riesci a scrivere una cosa del genere solo se un odio purissimo e accecante l'hai provato davvero, altrimenti non ce la fai. Quindi occhio, marito della Flynn.

    20. libro consigliato a mariti fedifraghi, mogli tradite, amanti fregate, donne psicolabili, uomini che hanno perso il lavoro... insomma, libro consigliato a tutti.

    Illuminante, davvero.
    Perchè solo calcando la mano, solo esagerando, solo fondendo Hitchcock con Woody Allen riesci a togliere il velo dalle cose che ti stanno sotto al naso: esiste UNA verità, ma ognuno racconta la propria versione della storia. Ognuno SI racconta tutte le stronzate a cui vuole credere e vive fingendo che vada bene così. Ah, Pirandello e le sue maschere...

    Moderno, inquietanate, cerebrale, spiazzante... illuminante anzichenò.

    said on 

  • 5

    毫無條件的愛情不可能存在,如果不是因為外貌、內在、物質或是血緣(以上條件也包含不好的面向)你還有可能繼續愛我嗎?人之間的關係說不定只是一場一場的搏鬥,設法控制對方滿足自我的美好想像。

    said on 

  • 4

    L’amore Bugiardo è un thriller scritto da Gillian Flynn dove tutto è quello che non è.
    La storia è un autentico delirio e racconta del matrimonio alla deriva della bellissima Amy e di suo marito Nick ...continue

    L’amore Bugiardo è un thriller scritto da Gillian Flynn dove tutto è quello che non è.
    La storia è un autentico delirio e racconta del matrimonio alla deriva della bellissima Amy e di suo marito Nick.
    All’inizio la loro relazione è caratterizzata da una forte passione che pian piano, a causa della perdita del lavoro di entrambi e del trasferimento nel paese Natale di Nick, si affievolirà. Inizieranno le prime incomprensioni seguite da forti litigi, fin quando, il giorno del loro anniversario, Amy scomparirà nel nulla. Dopo le prime indagini, le tracce trovate, faranno valutare l’ipotesi che Nick abbia ucciso la moglie.

    Ma, come dicevo all’inzio, tutto è quello che non è.

    Il libro viene diviso in tre parti, tutte volte ad analizzare la vicenda di Amy: scomparsa, ricerca e ritrovamento. Personalmente dividerei l’intera storia in due macro-capitoli:

    1. Nick è un pessimo marito, violento e fedifrago. Amy è la vittima di un narcisista. Questa prima parte alterna un capitolo che narra la vicenda dal punto di vista di Nick ad uno che riprende le pagine del diario di Amy. Leggendo si ha l’impressione di avere davanti una moglie consapevole della fine del proprio matrimonio e che cerca di rimetterlo in sesto nonostante abbia paura del marito. Nick, bello e affascinante, lo si odia sin dalla prima pagina. Viene descritto come un marito violento, si scopre che intrattiene una relazione extraconiugale con una sua studentessa e si comporta con freddezza alla notizia della scomparsa della moglie.
    ...continua a leggere su https://ilsalottoirriverente.wordpress.com/2017/03/06/recensione-lamore-bugiardo-di-gillian-flynn/

    said on 

  • 4

    "Mi hanno sempre detto che l'amore dovrebbe essere incondizionato, così è la regola. Ma se l'amore non ha confini, né limiti, né condizioni, perché uno dovrebbe sforzarsi di comportarsi bene?"

    Pag. 45 ...continue

    "Mi hanno sempre detto che l'amore dovrebbe essere incondizionato, così è la regola. Ma se l'amore non ha confini, né limiti, né condizioni, perché uno dovrebbe sforzarsi di comportarsi bene?"

    Pag. 458

    said on 

  • 4

    Il confine tra verità e menzogna.

    Ricordo che era dicembre. Ricordo una serata al cinema con gli amici. Ricordo di essermi innamorato della trasposizione cinematografica de L’amore bugiardo a tal punto che, alla scoperta dell’esistenz ...continue

    Ricordo che era dicembre. Ricordo una serata al cinema con gli amici. Ricordo di essermi innamorato della trasposizione cinematografica de L’amore bugiardo a tal punto che, alla scoperta dell’esistenza di una versione romanzata, non ho saputo resistere: dovevo necessariamente tuffarmi all’interno della storia che aveva generato un simile capolavoro. Ecco, il romanzo non è da meno - niente affatto da meno.

    Le vicende di Nick Dunne ed Amy Elliott Dunne - marito e moglie, americani, splendidamente innamorati - vengono presentati a noi lettori tramite i rispettivi punti di vista (scelta vincente, a mio avviso, è stata senz’altro quella di avvalersi di due differenti traduttori, per donare una diversa sfumatura alle voci “italianizzate” dei protagonisti). Il racconto degli albori della frequentazione tra Amy e Nick e i successivi cinque anni di matrimonio è preceduto dalla sconcertante notizia della scomparsa di Amy - avvenuta proprio il giorno del quinto anniversario di nozze. Misteriosa appare la scena che i poliziotti si trovano di fronte, insensati sembrano i gesti compiuti da Nick nelle ore e nei giorni immediatamente successivi al fatto, determinanti appaiono alcuni bizzarri indizi (caccie al tesoro, oggetti, transazioni di pagamenti on-line, alibi inesistenti) che conducono, dapprima l’opinione pubblica e successivamente le autorità, a ritenere Nick il solo responsabile della scomparsa della moglie.

    A metà del romanzo le carte vengono definitivamente rimischiate, sorprendendoci come pochi romanzi di questo genere - oggigiorno - sanno fare. Sfido chiunque non conosca già la trama di Gone Girl a non restare completamente a bocca spalancata di fronte allo svelamento delle verità.

    Un romanzo strutturalmente perfetto, che conduce il lettore all’interno delle menti dei due protagonisti in un climax ascendente, confondendo le supposizioni, non lasciando spazio alla prevedibilità, portandoci anche a riflettere sull’effettivo valore dei rapporti sentimentali, sulla necessità di coltivarli con onestà - giorno per giorno - sulla labilità che, talvolta, accarezza il confine tra verità e menzogna.

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by