Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Perfume

The Story of a Murderer

Publisher: Penguin Books Ltd

4.1
(20671)

Language:English | Number of Pages: 272 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Chi traditional , Chi simplified , Portuguese , German , Catalan , French , Japanese , Russian , Italian , Dutch , Polish , Swedish , Turkish , Romanian , Greek , Indonesian , Basque , Hungarian , Czech

Isbn-10: 0141041153 | Isbn-13: 9780141041155 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Others , Audio CD

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Perfume ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Survivor, genius, perfumer, killer: this is Jean-Baptiste Grenouille. He is abandoned on the filthy streets of Paris as a child, but grows up to discover he has an extraordinary gift: a sense of smell more powerful than any other human's. Soon, he is creating the most sublime fragrances in all the city. Yet there is one odour he cannot capture. It is exquisite, magical: the scent of a young virgin. And to get it he must kill. And kill. And kill...
Sorting by
  • 2

    Dalla quarta di copertina: Così straordinario, così fiabesco a al tempo stesso così angosciante, pieno di fantasia e di estro linguistico.

    Corretto. Ma io aggiungo:
    Questa capacità letteraria è posta al servizio di un fumettone fantasy, pieno, come tale, di assurdità e banalità. Probabilmente le nozioni di profumeria sono esatte. In ques ...continue

    Corretto. Ma io aggiungo:
    Questa capacità letteraria è posta al servizio di un fumettone fantasy, pieno, come tale, di assurdità e banalità. Probabilmente le nozioni di profumeria sono esatte. In questo caso può essere utilizzato come: Manuale teologico del profumiere.
    Le ultime pagine sono esaltanti: Mi sono piaciute più del kolossal '10.000 vergini per Godzilla.' Mia moglie mi ha detto: sporcaccione.
    Tuttavia, onestamente, occorre dire che si legge tutto in un fiato.

    said on 

  • 4

    Una nera nerissima favola, non ho mai voluto vedere il film: l'inizio era troppo violento, la folla di Parigi non ha mai destato le mie simpatie, proprio come nel romanzo risulta cattiva sporca e puzz ...continue

    Una nera nerissima favola, non ho mai voluto vedere il film: l'inizio era troppo violento, la folla di Parigi non ha mai destato le mie simpatie, proprio come nel romanzo risulta cattiva sporca e puzzolente.
    Ma dopo aver letto il libro credo che sopporterò la prima parte per godermi questo Forrest Gamp cattivissimo che al contrario di quello americano porta il male ovunque vada.
    Tutto questo circondato da un'aurea del mondo dei profumi che è descritta in modo fantasioso (sorvolo sul truculento) tutto sommato un libro divertente.......

    said on 

  • 4

    Il profumo

    È un libro scritto talmente bene che sembra di sentire gli odori e i profumi che vi sono descritti. Davvero bella la storia di questo assurdo personaggio, capace di distinguere tutti gli pdori del mon ...continue

    È un libro scritto talmente bene che sembra di sentire gli odori e i profumi che vi sono descritti. Davvero bella la storia di questo assurdo personaggio, capace di distinguere tutti gli pdori del mondo ma ossessionato dal non averne uno suo.

    said on 

  • 4

    Libro di grande particolarità . Ho sempre avuto la curiosità di leggerlo dopo aver visto il film, e non mi ha deluso affatto. Grenouille è praticamente una specie di "genio" il cui unico scopo,dopo av ...continue

    Libro di grande particolarità . Ho sempre avuto la curiosità di leggerlo dopo aver visto il film, e non mi ha deluso affatto. Grenouille è praticamente una specie di "genio" il cui unico scopo,dopo aver realizzato di essere capace a sentire tutti gli odori del mondo, è quello di dar vita ad un profumo mai stato creato prima, qualcosa che lo possa far apparire quasi un Dio anche agli occhi della società in cui vive (dato che si considera già un Dio lui stesso). Man mano che la storia prosegue si scopre che Grenouille tenta disperatamente di raggiungere questo obiettivo perchè ,in fondo, pur essendo un ragazzo privo di qualsiasi sentimento o di qualsiasi sensazione,che siano positive o negative, vuole essere in qualche modo amato dalla gente che lo circonda, e quindi non passare inosservato come è invece accaduto per gran parte della sua vita. Riesce così a raggiungere più o meno il suo obiettivo con la creazione di un profumo che nessun altro ha mai sentito prima e che ha la capacità di inebriare e mandare in estasi chiunque lo senta. Infatti, appena lo prova su di sè, la gente inizia a guardarlo affascinata e a provare per lui un'irresistibile attrazione ed interesse di cui mai era stato oggetto. Ad un tratto,però, pur avendo apparentemente raggiunto lo scopo iniziale, Grenouille si rende conto che alla fine tutto ciò è solo apparenza, perchè in realtà tutte quelle persone che lo adoravano, non adoravano lui in sè, ma solo il profumo che aveva creato. Quindi l'odio che aveva provato nei confronti della gente fino a quel momento non fa altro che acuirsi , fino a portarlo alla decisione finale : lasciarsi morire, per non essere riuscito a raggiungere ciò che più desiderava. Indubbiamente la storia è molto grottesca e a tratti inquietante (soprattutto nelle parti in cui Grenouille inizia a dare la caccia alle giovani fanciulle per poterne ricavare il profumo), ma la sua bellezza sta appunto tutta qui. Molto belle anche le descrizioni di tutti gli ambienti con i relativi profumi, in particolare quelle di Parigi : a tratti si ha la sensazione di essere lungo quelle strade e di sentire quegli stessi odori (sebbene non molto gradevoli alcuni! ). Il tutto contornato da un trionfo di megalomania relativa agli altri personaggi : il profumiere che fa da maestro a Grenouille, che ha l'ostinazione di diventare famoso (e di definirsi tale agli occhi dei clienti) quando in realtà quello che fa è copiare i profumi di qualcun altro ; il Marchese che non fa altro che sottolineare la grandiosità della sua teoria del "flusso letale" ...tutte persone che a lungo andare saranno più o meno distrutte dalla loro megalomania, come a sottolineare quanto in realtà siano diffuse la superbia e la stupidità umana e quanto possano portare alla propria distruzione o al proprio fallimento. In conclusione,gran bel libro davvero.

    said on 

  • 4

    Inebriante

    Un libro intenso, visionario, indimenticabile per la sua originalità. E' il trionfo dell'erotismo olfattivo, l'apoteosi degli odori, tutti gli odori, buoni o cattivi che siano. Nel contempo rappresent ...continue

    Un libro intenso, visionario, indimenticabile per la sua originalità. E' il trionfo dell'erotismo olfattivo, l'apoteosi degli odori, tutti gli odori, buoni o cattivi che siano. Nel contempo rappresenta una metafora della solitudine dell'uomo, "nato senza odore nel luogo più puzzolente del mondo, che proveniva dai rifiuti, dagli escrementi e dalla putrefazione, cresciuto senza amore, che viveva senza una calda anima umana, unicamente per ostinazione e con la forza del disgusto, piccolo, gobbo, zoppo, brutto, evitato da tutti, un mostro sia dentro che fuori…" e della sua affannosa ricerca di accettazione, di riconoscimento come essere speciale (il più grande profumiere del mondo) fino alla megalomania più folle ed autodistruttiva.
    "Era immerso nella propria esistenza, non più distratta da altre cose, e lo trovava splendido. Giaceva nella tomba di roccia come il cadavere di se stesso, respirando appena, quel tanto da far battere il suo cuore... e tuttavia viveva in modo così intenso e sfrenato, come mai un uomo di mondo aveva vissuto nel mondo."

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Romanzo tra mito e storia, Il profumo ci racconta la vita di Jean-Baptiste Grenouille: geniale e scellerato personaggio del Diciottesimo secolo. Nato da una madre deprecabile che lo abbandona sotto un ...continue

    Romanzo tra mito e storia, Il profumo ci racconta la vita di Jean-Baptiste Grenouille: geniale e scellerato personaggio del Diciottesimo secolo. Nato da una madre deprecabile che lo abbandona sotto un banco del pesce, dove ha partorito di nascosto. Il piccolo viene affidato ad una balia che lo ripudierà, a causa della sua enorme voracità e totale mancanza di odore, segni, secondo la donna, di possessione demoniaca.

    In contrasto con la mancanza di odore, il piccolo ha la straordinaria capacità di cogliere ogni più piccola sfumatura di fetore o fragranza del mondo e in poco tempo si costruirà una mappa mentale della città attraverso l’olfatto.

    Si ritroverà, dodicenne, a lavorare in condizioni disumane presso un conciatore di pelli. In una delle sue passeggiate alla ricerca di odori nuovi, ne percepirà uno che lo inebrierà. Seguendone la scia si rende conto che quell’emanazione appartiene a una giovane che, senza volerlo veramente, Grenouille ucciderà al fine di possederne l’esssenza.

    Fa di tutto per essere preso come aiutante nella profumeria del maestro Baldini, il migliore profumiere di Parigi, qui produrrà, come in una perenne ossessione, più di seicento profumi e imparerà le tecniche per l’estrazione delle fragranze. In quel momento si accorge di non possedere un odore personale e a causa di questo di non essere mai esistito per alcuno.

    Sempre più ossessionato dalla creazione del profumo ideale, cioè quello che può far innamorare gli uomini e quindi gestirne la volontà, diventa un serial killer e uccide ventiquattro ragazze per estrarne l’essenza, gliene manca solo una: la venticinquesima predestinata già due anni prima, quella dall’odore perfetto e sublime, la bellissima Laure che riesce ad uccidere e ad estrarne l’aroma.

    Alla fine un colpo di scena degno di un drammaturgo qual è Suskind.

    Se dovessi immaginare l’odore di questo romanzo, direi che più di tutto puzza di carne cruda, non importa quanti raffinati aromi, indizi, sentori vengano minuziosamente descritti, l’odore predominante è quello degli istinti bestiali di Grenouille.

    said on 

  • 4

    È il caso di dirlo: divorato.

    Che si può dire quando si cade tra le braccia di un libro così? Forse che assomiglia molto al turbamento dell'animo ansioso di conseguenza a certe situazioni. Indiscutibilmente bello, la prosa quasi e ...continue

    Che si può dire quando si cade tra le braccia di un libro così? Forse che assomiglia molto al turbamento dell'animo ansioso di conseguenza a certe situazioni. Indiscutibilmente bello, la prosa quasi erotica nella descrizione degli odori, il protagonista del tutto fuori da qualsiasi stereotipo.
    Ho passato minuti ad annusare le pagine del libro, l'incavo del mio braccio all'altezza del gomito, i miei polsi e le mie dita. Ho sentito i gelsomini esplodere nelle strade, arrivarmi in faccia sfacciati nel loro profumo ad ogni passo che compivo, ad ogni pedalata che facevo.

    Ringrazio chi me l'ha consigliato. Soprattutto l'amico ritrovato e poi perduto di nuovo.

    said on 

Sorting by
Sorting by