Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Permette un ballo, signorina?

Di

Editore: Mondadori

3.5
(12)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 346 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804564164 | Isbn-13: 9788804564164 | Data di pubblicazione: 

Genere: Biography , Musica

Ti piace Permette un ballo, signorina??
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questa è una storia vera, autobiografica, piena di swing, blues e rock'n'roll,rullate, strofe in inglese maccheronico urlate nei microfoni, balere piene dituriste tedesche, balli scatenati ben oltre la mezzanotte. Attraverso le sueavventure musicali, Andrea Mingardi racconta la storia di un'Italia chericomincia a vivere. Bologna, all'inizio degli anni Sessanta, era come tuttele altre città italiane nel dopoguerra: ancora piena di ferite, con un lieveaccenno di boom economico. La cultura americana offriva già le sueirresistibili lusinghe attraverso il cinema e, soprattutto, la musica.Ammaliati dalla voce di Frank Sinatra o dal portamento di Ava Gardner, tutti iragazzi di Bologna giravano per i portici della città sperando di esserenotati da qualche talent scout dello spettacolo. Fra loro c'era anche unAndrea Mingardi ragazzino. Calciatore in erba del Bologna, scarsissimostudente di liceo, capì cosa avrebbe fatto nella vita ascoltando la radio e lastraordinaria ventata di novità che arrivava con la musica americana. Aiutatodalla fortuna e dal suo talento, Mingardi diventò il cantante dei Golden RockBoys e si tuffò completamente nella rivoluzione del rock'n'roll, rivoluzionedi gusti e di costumi. In queste pagine, dense di vibrazioni e goliardiabolognese, si incontrano i debuttanti Gianni Morandi, Mina, l'Equipe 84, iNomadi, grandi professionisti della musica italiana che si fecero le ossa concentinaia di esecuzioni live fino all'avvento della tecnologia.
Ordina per
  • 4

    Mi è piaciuto, perchè mi ha fatto respirare il clima della mia infanzia e giovinezza. Soprattutto la Rimini-Riccione degli anni '60, che, dato che ero un bambino, avevo visto al più in transito da dietro i vetri posteriori di un'automobile, o nei discorsi dei "grandi". Evocativo.

    ha scritto il