Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Permutation City

By

Publisher: Orion Publishing Co

4.1
(132)

Language:English | Number of Pages: 304 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , French , Italian

Isbn-10: 185798174X | Isbn-13: 9781857981742 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Paperback , eBook

Category: Computer & Technology , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Permutation City ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The story of a man with a vision - immortality : for those who can afford it is found in cyberspace. Permutation city is the tale of a man with a vision - how to create immortality - and how that vision becomes something way beyond his control. Encompassing the lives and struggles of an artificial life junkie desperate to save her dying mother, a billionaire banker scarred by a terrible crime, the lovers for whom, in their timeless virtual world, love is not enough - and much more - Permutation city is filled with the sense of wonder.
Sorting by
  • 4

    Por momentos los detalles técnicos en partes de la obra se vuelven incomprensibles pero acaso eso forme parte adrede de una ambientación que sugiere complejidad, misma que se apodera de toda la trama, lo cual hace realmente interesante a esta novela.

    said on 

  • 3

    L'idea di fondo è geniale. Lo sviluppo della trama un pò meno. Mi sembra che la carne al fuoco sia troppa, gli argomenti trattati moltissimi ed anche interessanti, ma la storia non prende il volo.

    said on 

  • 4

    La fantascienza, volendo, può essere un genere letterario di primissimo ordine, e costringerebbe i critici letterari ad un feroce ripasso di nozioni scientifiche per formulare una critica legittima e sensata. Ma sono stati spesso graziati da una produzione a volte anche eccellente dal punto di vi ...continue

    La fantascienza, volendo, può essere un genere letterario di primissimo ordine, e costringerebbe i critici letterari ad un feroce ripasso di nozioni scientifiche per formulare una critica legittima e sensata. Ma sono stati spesso graziati da una produzione a volte anche eccellente dal punto di vista contenutistico ( vedi le visioni di Dick) ma non particolarmente "cattiva" sul piano nozionistico.
    Già affrontare Pynchon, per esempio, è un'altra storia. E Pynchon, secondo me, è ANCHE uno scrittore di fantascienza. Che costringe a frenetici studi di matematica e fisica per comprenderlo.
    Questo Egan non ha la capacità narrativa di Pynchon, nè certi picchi stilistici, ma quanto a visionarietà, implicazioni filosofiche e sociali e fondamenti scientifici, beh, si tratta di un autore sorprendente, scoperto grazie ad un lettore di Anobii. Ho dovuto prendere in mano un libro di biologia, ripassare qualche rudimento di programmazione, e, come si suol dire, darci dentro. Ricompensato da una trama che fa riflettere su parecchi temi scottanti, per un romanzo interessantissimo. Lo consiglio a tutti i lettori che abbiano voglia di concentrarsi anche su quello che non si sa.

    said on 

  • 5

    Mind-body relationship, the nature of reality, the nature of truth, the nature of creation, the laws of the universe... all this is to be found in this brilliant book, which is one of the best sci-fi works I ever read. Go on like this, Greg, and don't listen to those who ask you to write 'standar ...continue

    Mind-body relationship, the nature of reality, the nature of truth, the nature of creation, the laws of the universe... all this is to be found in this brilliant book, which is one of the best sci-fi works I ever read. Go on like this, Greg, and don't listen to those who ask you to write 'standard' stuff.

    said on 

  • 4

    Cosa sono io? I dati? Il processo che li genera? Il rapporto tra i numeri?
    Tutto questo messo insieme?

    Esattamente dieci anni dopo Neuromante e cinque anni prima di Matrix, si impone questo ricco e visionario romanzo, con una rilettura della realtà virtuale fors ...continue

    Cosa sono io? I dati? Il processo che li genera? Il rapporto tra i numeri?
    Tutto questo messo insieme?

    Esattamente dieci anni dopo Neuromante e cinque anni prima di Matrix, si impone questo ricco e visionario romanzo, con una rilettura della realtà virtuale forse troppo complessa, ma che davvero è capace di aprire la mente.
    Scenari cyber degni di Gibson e soci, scenografie e paesaggi mastodontici che ricordano un po' Ian M. Banks (Criptosfera è il più simile, ed è proprio dello stesso anno - le migliori invenzioni viaggiano sempre insieme), conflitti metafisici tra sogno e veglia, realtà e finzione a la Dick (Ubik in testa), una spruzzata di elementi hard sci-fi e tanta matematica ed informatica: questi gli ingredienti esatti di questo romanzo. In realtà una tale presentazione sarebbe fuorviante, perché l'essenza di questo romanzo va ben oltre la mera summa di cui sopra.
    Forse troppo complesso, troppo matematico, soprattutto: è questo il principale elemento che mi ha reso la lettura piuttosto difficile e discontinua. Egan, del resto, ha una formazione da programmatore, che incide molto sul romanzo. Affascinante, certo, estremamente visionario, e anticipatorio (soprattutto questo: anticipa con lucidità suggestioni che più tardi affiorano), ma per apprezzarlo al massimo è richiesta una certa preparazione. Che personalmente non possiedo del tutto.
    In ogni caso, una pietra miliare, senza dubbio.

    said on 

  • 5

    Un trip che lascia il segno

    Basare un romanzo sull'assunto che la coscienza umana sia Turing-computabile, che l'universo sia un automa cellulare e che le infinite possibili permutazioni della sua configurazione definiscano altrettanto infinite realtà parallele e compenetrate è già di per sé geniale. Se si aggiunge il fatto ...continue

    Basare un romanzo sull'assunto che la coscienza umana sia Turing-computabile, che l'universo sia un automa cellulare e che le infinite possibili permutazioni della sua configurazione definiscano altrettanto infinite realtà parallele e compenetrate è già di per sé geniale. Se si aggiunge il fatto che non sono vaneggiamenti da romanziere ma hanno tutte una base scientifica (c'è gente che ci ha speso una vita, vedi Wolfram), rende questo libro un trip incredibile che lascia il segno.

    said on 

Sorting by