Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Persiani - ­Sette contro Tebe - ­Supplici

By Aeschylus

(203)

| Paperback | 9788817166065

Like Persiani - ­Sette contro Tebe - ­Supplici ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

6 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Eschilo mette in scena la maledizione in queste tre tragedie, rispettivamente : avvertita come presentimento nel sogno di Atossa, più volte sottolineata nella conclusione della progenie di Edipo e infine vestita con sembianze di un'imposizione per le ...(continue)

    Eschilo mette in scena la maledizione in queste tre tragedie, rispettivamente : avvertita come presentimento nel sogno di Atossa, più volte sottolineata nella conclusione della progenie di Edipo e infine vestita con sembianze di un'imposizione per le Danaidi, costrette ad unirsi in matrimonio coi cugini.
    La presenza del coro è la parte più rilevante del dramma; voce della coscienza che sussurra presagi e preci agli sventurati protagonisti.

    Is this helpful?

    il molto accorto Experience said on Jul 26, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sono forse le tragedie meno amate, quelle che al liceo si trattano spesso in poche parole, leggendone qualche cosa, rubricandole sotto la categoria "opere primitive e imperfette". Peccato, perché l'inventiva nelle soluzioni drammaturgiche, la poesia ...(continue)

    Sono forse le tragedie meno amate, quelle che al liceo si trattano spesso in poche parole, leggendone qualche cosa, rubricandole sotto la categoria "opere primitive e imperfette". Peccato, perché l'inventiva nelle soluzioni drammaturgiche, la poesia terribile e luminosa di Eschilo sono da consigliare a chiunque ami il teatro, non solo greco. Pensate al precipizio rovinoso della sconfitta nei Persiani, alla descrizione piena di fervida immaginazione della guerra nei Sette a Tebe, a quel personaggio straordinario, quando minaccioso e torvo, quando generoso di lodi o indifeso, del coro delle Danaidi nelle Supplici. Non bisogna temere di leggere i classici dell'antichità, forse quelli a cui i lettori rivolgono lo sguardo nelle librerie con la maggior diffidenza: è possibile scoprirvi ricchezze inaspettate.

    Is this helpful?

    Stef1091 said on Feb 25, 2012 | 1 feedback

  • 2 people find this helpful

    il mondo di Eschilo è pieno di dei (tanto che basta volgere lo sguardo a destra per trovare un simulacro di Apollo, e a sinistra per trovare quello di Artemide)

    Is this helpful?

    William Di Pasquale said on Jul 26, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Alla fine il "piatto forte" della triade sono le prime due tragedie, nelle quali la hybris viene rappresentata in maniera sublime. Tutto procede teleologicamentee lo si evince facendo attenzione al modo in cui si esprimono i due protagonisti delle tr ...(continue)

    Alla fine il "piatto forte" della triade sono le prime due tragedie, nelle quali la hybris viene rappresentata in maniera sublime. Tutto procede teleologicamentee lo si evince facendo attenzione al modo in cui si esprimono i due protagonisti delle tragedie in questione: Eteocle in I sette contro Tebe e Serse ne i Persiani.

    Is this helpful?

    Recardo said on Mar 14, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il voto non si riferisce ovviamente alle tragedie di Eschilo, di fatto capolvari inestimabile con alcuna scala. Il voto va alla traduzione di Ferrari, che a volte potrebbe essere migliore. Ma è comunque una buona edizione economica.

    Is this helpful?

    Ipazia said on Sep 9, 2008 | Add your feedback

  • Bè, è veramente lontano dalla sensibilità moderna: i reali protagonisti delle tragedie di Eschilo sono gli dei, la cui volontà è imperscrutabile e la vendetta feroce. Non si riesce tuttavia relmente a capire in cosa risieda la colpa e, anche quando c ...(continue)

    Bè, è veramente lontano dalla sensibilità moderna: i reali protagonisti delle tragedie di Eschilo sono gli dei, la cui volontà è imperscrutabile e la vendetta feroce. Non si riesce tuttavia relmente a capire in cosa risieda la colpa e, anche quando ci si riconcilia con l'idea che questi poveri uomini hanno infranto il limite imposto dalla divinità, si fatica a considerarlo peccato...

    Is this helpful?

    sibilla said on Jun 1, 2008 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (203)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 320 Pages
  • ISBN-10: 8817166065
  • ISBN-13: 9788817166065
  • Publisher: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  • Publish date: 1987-01-01
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book