Personaggi precari

Di

Editore: Unwired Media

4.0
(93)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 111 | Formato: Altri

Isbn-10: 886084049X | Isbn-13: 9788860840493 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Personaggi precari?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Mai come in quest'epoca di creatività spente e stereotipi c'è stato bisogno dipersonaggi disposti alla flessibilità. Solo così, dicono gli esperti, si avràuna ripresa nel livello della creatività media. I personaggi offerti da questolibro sono "personaggi precari", disposti ad apparire indifferentemente inromanzi, commedie, racconti, cortometraggi e lungometraggi, giochi di ruolo,serial tv, atti teatrali tradizionali e sperimentali, cartoni animati,fumetti, trasmissioni radio e telefilm. Pronti ad accettare ruoli sia primariche marginali, a tempo determinato o indeterminato. Cento personaggi precari,raccolti in un libro. Cento pagine di divertimento e poesia.
Ordina per
  • 0

    Precari, pronti all’uso, flessibili ma non tutti: alcuni racchiudono tutta una storia in una frase e (considerazione #1) si può pensare che alcuni scrittori ci mettano tre-quattrocento pagine per scri ...continua

    Precari, pronti all’uso, flessibili ma non tutti: alcuni racchiudono tutta una storia in una frase e (considerazione #1) si può pensare che alcuni scrittori ci mettano tre-quattrocento pagine per scrivere la stessa storia.
    Alcuni sono speciali, non umani, di un altro mondo, parlano una lingua incomprensibile, ma la maggior parte (considerazione #2) la conosciamo. Forse non siamo noi, ma qualcuno che abbiamo presente, un luogo comune, un tic, una fisima. Si tratta solo di prendere l’esistente, smontarlo, rimontarlo in modo leggermente diverso ed ecco il personaggio.
    E se poi sono precari (considerazione #3) come nella realtà, per lo meno a loro, un giorno, potrà capitare di trovare un posto fisso, in un romanzo, fumetto, saga, film.
    A meno che (considerazione #4) il loro posto fisso non lo abbiano già trovato e Vanni Santoni, con la scusa del provvisorio, ha scritto qualcosa di definitivo.
    Seguono alcuni di questi precari. Li riconoscete?

    GIANNA
    Ha comprato una casa in multiproprietà alle Baleari. Non ci andrà che una volta, da sola.

    MARGHERITA
    “A giudicare dai capelli queste son tutte più brave di me...”

    DUILIO
    Mesi di gioco della bottiglia e mai, mai un bacio sulla bocca.

    NANDO
    A tredici anni Nando era il più grosso della classe. A sedici un fortissimo giocatore di calcio balilla. A quarantadue, Nando è un autista d’autobus con due figlie bellissime.

    JANE
    Ha posto una notevole trincea di trecciole, anellini, accessori e tatuaggini tra sé stessa e la consapevolezza della propria assoluta banalità.

    ha scritto il 

  • 4

    A Santoni vanno riconosciuti acume e ironia oltre che l’originalità formale; ma soprattutto è da apprezzare la capacità di raccontare attraverso i frammenti narrativi la lacerazione del tessuto social ...continua

    A Santoni vanno riconosciuti acume e ironia oltre che l’originalità formale; ma soprattutto è da apprezzare la capacità di raccontare attraverso i frammenti narrativi la lacerazione del tessuto sociale e delle singole identità nel panorama umano contemporaneo, sempre più avvelenato e ipocrita. Recensione:
    http://giovannituri.wordpress.com/2014/04/09/personaggi-precari-di-vanni-santoni-about-short-stories/

    ha scritto il 

  • 3

    Il panorama umano, dal blog al libro

    http://www.roarmagazine.it/libri/personaggi-precari-vanni-santoni.html

    Il libro è sconsigliato a chi cerca la lettura col fine di affezionarsi a protagonisti dalle linee definite e alla sicurezza di u ...continua

    http://www.roarmagazine.it/libri/personaggi-precari-vanni-santoni.html

    Il libro è sconsigliato a chi cerca la lettura col fine di affezionarsi a protagonisti dalle linee definite e alla sicurezza di un autore dallo stile inconfondibile. La narrazione, al contrario, si presta a quella tipologia di lettore che vive bene le irregolarità, che si trova a suo agio col ritmo serrato di una scrittura trafelata e che ama anche leggere a testa in giù.

    ha scritto il 

  • 0

    23 marzo 2014: il Circolo incontra l'Autore.

    Se volete scoprire chi sono i "personaggi precari" di Vanni Santoni, scopritelo insieme al Circolo Letterario PPP il prossimo 23 marzo alle ore 17.30 presso la Libreria Feltrinelli di Prato (Via Garib ...continua

    Se volete scoprire chi sono i "personaggi precari" di Vanni Santoni, scopritelo insieme al Circolo Letterario PPP il prossimo 23 marzo alle ore 17.30 presso la Libreria Feltrinelli di Prato (Via Garibaldi). Vi aspettiamo con l'autore.

    Assaggino:

    Marlene
    Il ragazzo di Marlene si è comprato un basco giallo. E’ orrendo, e gli sta malissimo. Marlene glielo strappa via di testa mentre stanno su un ponte e glielo fa volare in Arno. Le arriva uno schiaffo, e finalmente – erano mesi! – Marlene torva un motivo valido a tutto tondo per lasciare questo stronzo. Qualche settimana dopo, Marlene incrocia in centro il suo ex, e vede che si è comprato un altro basco giallo preciso psutato al primo.

    ha scritto il 

  • 3

    Precarietà senza precariato.

    Un esperimento letterario di tutto rispetto; niente a che vedere con il romanzo: semplicemente una raccolta di "personaggi" delineati da una frase, un'aforisma ironico o assurdo, un identikit o una po ...continua

    Un esperimento letterario di tutto rispetto; niente a che vedere con il romanzo: semplicemente una raccolta di "personaggi" delineati da una frase, un'aforisma ironico o assurdo, un identikit o una poesia. Una raccolta potenzialmente infinita.

    Un'idea che parte da un blog dello stesso autore, e che porta lo stesso titolo del libro.

    La precarietà, in "Personaggi precari" non è dunque legata al classico racconto del giovane disoccupato o in cerca di lavoro. Tutt'altro: Vanni Santoni dà voce a più generazioni e fa parlare direttamente i personaggi, senza mai scendere nel socio - politico; ed è forse questo a rendere il libro qualcosa di unico nel suo genere.

    ha scritto il 

  • 3

    sabato. 26 maggio. 2012

    Ieri sono andato a vedere questo incontro tra i giovani scrittori fiorentini e il sindaco. Alle murate. Santoni non c'era, ma chi lo rappresentava. Io ero con cami e sartini e alla fine avevamo impres ...continua

    Ieri sono andato a vedere questo incontro tra i giovani scrittori fiorentini e il sindaco. Alle murate. Santoni non c'era, ma chi lo rappresentava. Io ero con cami e sartini e alla fine avevamo impressioni differenti.Cami era critica con Renzi, il che non è una novità, sartini c'aveva i pensieri, pensava a deleuze. Io pensavo che quella fosse una nomina, che stava mettendo la fica in mano, che li stava incoronando e c'era solo da capire se loro, i giovani scrittori fiorentini, la volessero questa investitura, se volessero saltare dalla parte del bene istituzionale alias il male. Me ne sono andato dai Chille pensando che c'era una cosa che i giovani scrittori non sapevano e cioè che avevano già scelto, che non c'era scelta, ma erano già entrati. Oggi ne sono meno sicuro e andrò alle oblate a prendere un altro santoni, perché è sabato e sto demmerda

    ha scritto il