Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Persuasione

Di

Editore: Garzanti Libri

4.1
(4720)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 261 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Portoghese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Catalano , Chi semplificata , Svedese , Greco

Isbn-10: 881136390X | Isbn-13: 9788811363903 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook , Copertina morbida e spillati

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Persuasione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Bhe ce la giochiamo col 50 e 50

    Francamente non me la sento di dare a questo romanzo più di 5 come voto. Lo si può guardare da diversi punti di vista, ma semplicemente al lettore appassionato di letteratura a cui la Austen piace per ...continua

    Francamente non me la sento di dare a questo romanzo più di 5 come voto. Lo si può guardare da diversi punti di vista, ma semplicemente al lettore appassionato di letteratura a cui la Austen piace per freschezza ed ironia non lo consiglierei. Tutte le mie considerazioni qui https://morraroberto.wordpress.com/2015/02/24/ma-davvero-persuasione-e-uno-dei-romanzi-di-jane-austen/

    ha scritto il 

  • 5

    Il miglior libro della Austen

    Niente togliendo a Orgoglio e Pregiudizio, trovo che questa protagonista, Anne, riesca ad impersonare molte giovani donne anche dei nostri tempi. Una storia splendida, per niente stucchevole, in tipic ...continua

    Niente togliendo a Orgoglio e Pregiudizio, trovo che questa protagonista, Anne, riesca ad impersonare molte giovani donne anche dei nostri tempi. Una storia splendida, per niente stucchevole, in tipico stile Austen. Il mio libro è consumato dalle troppe letture! Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    "devo imparare a sopportare di essere più felice di quel che merito"

    anche se è l'ennesima rilettura,non cambiano la bellezza,l'emozione,la meraviglia e la commozione che ogni volta accompagnano la vicenda di Anne e Frederick. questa volta ho voluto seguire con occhio ...continua

    anche se è l'ennesima rilettura,non cambiano la bellezza,l'emozione,la meraviglia e la commozione che ogni volta accompagnano la vicenda di Anne e Frederick. questa volta ho voluto seguire con occhio particolare il cambiamento e la maturazione interiore di Anne che pagina dopo pagina acquista consapevolezza e coraggio in un contesto che da sempre l'ha relegata ai margini:un fil rouge che passando discreto nella campagna inglese,nella spiaggia di Lyme,nelle terme di Bath ricama un merletto preziosissimo.
    indimenticabile

    ha scritto il 

  • 5

    Eccellente Miss Austen!

    E' stato definito un romanzo crepuscolare ma è più che mai l'ironia con cui Jane Austen sbeffeggia il vanesio e sciocco baronetto sir Elliot o anche spezza una tenera scena d'amore con le vuote chiacc ...continua

    E' stato definito un romanzo crepuscolare ma è più che mai l'ironia con cui Jane Austen sbeffeggia il vanesio e sciocco baronetto sir Elliot o anche spezza una tenera scena d'amore con le vuote chiacchiere di Mrs Musgrove. Con Jane Austen non ti puoi distrarre nemmeno un momento perché ad ogni giro di frase c'è una stilettata, un commento anche solo un aggettivo che strappano un sorriso divertito. Il suo forte non erano gli intrecci? Con quel modo di scrivere incanta il lettore e lo tiene avvinto al libro e penso che sarebbe risultata piacevole anche nello scrivere un trattato sul punto croce.

    ha scritto il 

  • 3

    arsenico e vecchi merletti

    La maturità non portò nuovi talenti a Jane Austen.
    Nel suo romanzo ultimo ritroviamo il solito teatrino: le tre figlie femmine, di cui due oche vanesie e un angelo di bellezza e virtù; il padre fatuo ...continua

    La maturità non portò nuovi talenti a Jane Austen.
    Nel suo romanzo ultimo ritroviamo il solito teatrino: le tre figlie femmine, di cui due oche vanesie e un angelo di bellezza e virtù; il padre fatuo e sciocco. Amori vecchi e mai spenti, invidie e tante, tante chiacchiere.
    Non c'è arguzia, sottigliezza in Anne come in nessuno dei protagonisti; quello sguardo divertito col quale l'autrice propone i suoi modelli morali in Ragione e Sentimento è appannato, intristito, invecchiato.
    L'affettatezza è estenuante, così come i rossori e i quasi svenimenti.
    Insomma una minestra riscaldata dalla Austen, con parvenza di parodia.
    Da segnalare l'editing da galera dell'edizione Kindle, con le solite frasi tronche, parole mancanti o scritte male, virgole come se piovesse.

    ha scritto il 

  • 3

    Gruppo di lettura

    L'ultimo romanzo di Jane Austen, quello più maturo, più crepuscolare, meno lieve e frivolo. Più sarcasmo che ironia, più riflessione che autentico romanticismo (siamo anni luce dal trillare di casa B ...continua

    L'ultimo romanzo di Jane Austen, quello più maturo, più crepuscolare, meno lieve e frivolo. Più sarcasmo che ironia, più riflessione che autentico romanticismo (siamo anni luce dal trillare di casa Bennet e da Darcy che borbotta cavalcando per la brughiera). Ho apprezzato moltissimo la scrittura, l'interessante personaggio di Anne (tiferò sempre per te, cara Anne), il sottile senso di minaccia che mi sembra pervada tutta la storia (la malattia, l'incidente a Lyme), le scene di gruppo.
    La chiusura non mi ha lasciata per niente soddisfatta, però... Trascinata, sofferta, la storia giunge al termine con una buona dose di approssimazione.

    ha scritto il 

  • 2

    Solo a me non ha convinto?

    Non sono riuscita ad apprezzarlo molto perché l'ho trovato prevedibilissimo fin dalle prime pagine. A parer mio è molto lontano da Orgoglio e Pregiudizio, anche la stessa coppia protagonista non è ap ...continua

    Non sono riuscita ad apprezzarlo molto perché l'ho trovato prevedibilissimo fin dalle prime pagine. A parer mio è molto lontano da Orgoglio e Pregiudizio, anche la stessa coppia protagonista non è approfondita quanto quelle degli altri libri di Austen ma solo accennata nella personalità.

    ha scritto il 

  • 4

    Ultima opera scritta dalla Austen, e pubblicata postuma. Non c'è l'en plein di stelline soltanto perchè il finale (sia nella sua stesura definitiva, sia in quella iniziale poi sostituita, ma riportata ...continua

    Ultima opera scritta dalla Austen, e pubblicata postuma. Non c'è l'en plein di stelline soltanto perchè il finale (sia nella sua stesura definitiva, sia in quella iniziale poi sostituita, ma riportata alla fine del testo) mi ha un po' delusa. Non so nemmeno io cosa mi aspettassi (forse, malignamente o sadicamente, una fine più dura): probabilmente mi ha deluso l'improvvisa scomparsa di molti personaggi in un'ottica di lieta “ricomposizione”. In realtà, sono ingiusta con la Austen, che è ben lontana dall'aver chiuso la narrazione in maniera ottimistica (la pochezza dei parenti di Anne è tutt'altro che mitigata, né sono cambiati i loro punti di vista rispetto alle divisioni sociali).
    L'autrice non adula i suoi personaggi, è schietta e sincera, fino ad essere spietata. E Anne è sì altruista, educata e gentile, ma non è un'eroina buonista. E' ignorata e sottovalutata, per non dire maltrattata, da tutta la famiglia (tranne forse dalla sorella Mary, che però la cerca soltanto perchè è la sola che ne tollera i lamenti) e non ha timore di farcelo sapere. Quanto a Mary, noiosa ed egocentrica fino all'inverosimile, è così in malafede e così insopportabile da far nascere nel lettore il desiderio di schiaffeggiarla, ma è anche talvolta un espediente umoristico per l'eccesso delle sue pretese. Mary non è l'unico personaggio secondario ad essere interessante: li ho amati quasi tutti, soprattutto nelle scene di gruppo, tratteggiate egregiamente, che evidenziano il meglio (e il peggio) di queste figure difficilmente dimenticabili.

    ha scritto il 

  • 4

    Wonderfully angsty with all my favourite cliches of miscommunication and jealousy.
    I was afraid Anne Elliot would be another Fanny Price and Captain Wentworth a Heathcliffe-like character-- I was luck ...continua

    Wonderfully angsty with all my favourite cliches of miscommunication and jealousy.
    I was afraid Anne Elliot would be another Fanny Price and Captain Wentworth a Heathcliffe-like character-- I was luckily proven wrong, I loved both of them.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per