Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pesca con la mosca

Di

Editore: TEA (Narrativa Tea)

3.8
(100)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 307 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8850225946 | Isbn-13: 9788850225941 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Pesca con la mosca?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    "Aveva ripreso a fumare tranquillamente e vedeva con un certo ottimismo il futuro, per lo meno quel pezzo che ancora gli restava, ma sulla cui durata non si poneva problemi, preferendo non soffermarcisi."

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelline e mezzo

    Sarà perchè ambientato in luoghi che conosco bene, sarà perchè il magistrato in pensione che collabora all'inchiesta mi è simpatico e ha alcuni dei miei vizi(vezzi), sarà perchè mi piace il titolo.....insomma questo primo giallo di Simoni che ho letto mi è sembrato proprio ben fatto e mi è piaciu ...continua

    Sarà perchè ambientato in luoghi che conosco bene, sarà perchè il magistrato in pensione che collabora all'inchiesta mi è simpatico e ha alcuni dei miei vizi(vezzi), sarà perchè mi piace il titolo.....insomma questo primo giallo di Simoni che ho letto mi è sembrato proprio ben fatto e mi è piaciuto. Adesso me ne vado a cercare un altro per vedere se conferma le aspettative.

    ha scritto il 

  • 3

    Questa volta nell'ambito della costante diminuzione della qualità del libro, che è ormai una serie ed ha tutti gli aspetti negativi della serializzazione, riesce a mettere insieme una storia pregevole che va migliorando via via. Anche la sua banale scontatezza per il lettore contrapposta alla dif ...continua

    Questa volta nell'ambito della costante diminuzione della qualità del libro, che è ormai una serie ed ha tutti gli aspetti negativi della serializzazione, riesce a mettere insieme una storia pregevole che va migliorando via via. Anche la sua banale scontatezza per il lettore contrapposta alla difficoltà nel decifrarla per i protagonisti è notevole la costruzione dell'intrigo. ** Insomma, alla fine si riscatta pienamente e raggiunge gli altri. Valeva insomma la pena di leggerlo.

    ha scritto il 

  • 4

    pubblicata per www.gialloecucina.wordpress.com

    Eccomi qua a recensire la nuova opera di Simoni (come per tradizione la penultima) in quanto da poco ho acquistato l’ultimo libro. C’è una logica in quello che scrivo? Si, c’è e ve la spiego.


    Quando trovi un autore che sa darti determinate emozioni (e tra l’altro fin ora non ha mai tradito ...continua

    Eccomi qua a recensire la nuova opera di Simoni (come per tradizione la penultima) in quanto da poco ho acquistato l’ultimo libro. C’è una logica in quello che scrivo? Si, c’è e ve la spiego.

    Quando trovi un autore che sa darti determinate emozioni (e tra l’altro fin ora non ha mai tradito le aspettative!) quando ti leghi a dei personaggi e li senti tuoi, quando leggi di indagini e ti ritrovi assieme ai protagonisti in prima fila a prendere le parti dell’uno o dell’altro, quando ti vien voglia di accenderti una sigaretta solo perché lo sta facendo Carlo Petri e vorresti condividere idealmente quel momento con lui… Insomma le ragioni sono molteplici e sto più tranquillo sapendo che il libro tra le mani, non è l’ultimo della serie. Anche perché, i personaggi di Simoni sono uno (Petri) in pensione e l’altro (Miceli) non fa altro che ricordare che è prossimo, il che non mi fa dormire sonni tranquilli.

    Dopo questa lunga premessa, Vi dico che la quinta indagine della squadra capitanata dal commissario Miceli e supportata attivamente da un impareggiabile ex giudice Petri è accattivante, intrigante, con il giusto carico di tensione e un ritmo che si serra sempre più per venire a capo del mistero, nonostante l’autore non faccia nulla per incalzarlo, anzi sembra quasi voler rallentare per dare modo al lettore di soffermarsi qualche attimo in più sulle tematiche trattate. Indagini sempre pulite e precise da un punto di vista della struttura e della veridicità che ne consegue, rendono i personaggi e le vicende trattate ancora più suggestive e realistiche. Insomma, un’altro tassello ben inserito nella serie che acquista sempre più corpo.

    Per ultimo, mi limito a spendere due parole su Ed McBain (cui questo libro è dedicato) un autore unico nel suo genere, di cui ogni appassionato di gialli e, nello specifico di polizieschi, dovrebbe dedicare tempo per la lettura di almeno una delle sue opere. Non ho ancora recensito nessuno dei suoi lavori pur avendone letti una ventina diversi anni fa, ma conto di riprenderli in mano quanto prima. Un doveroso omaggio a uno dei più grandi maestri del genere, a mio modo di vedere.

    A questo proposito, un mio consiglio spassionato è quello di leggervi il primo libro della serie di Steve Carella prima di questo romanzo : credo che anche Gianni Simoni stesso sarebbe concorde.

    ha scritto il 

  • 4

    Pesca con la mosca

    Peccato che la serie ambientata a Brescia e dintorni sia già finita!!! Molto interessante lo sviluppo dell'intera vicenda che non è affatto scontata,ma ricca ed avvincente.

    ha scritto il