Peter Pan

Por

4.2
(3041)

Language: Português | Number of Páginas: 16 | Format: Softcover and Stapled | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Spanish , Chi traditional , German , Korean , Italian , French , Catalan , Romanian , Japanese , Czech

Isbn-10: 8506015146 | Isbn-13: 9788506015148 | Data de publicação: 

Category: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Peter Pan ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Sorting by
  • 5

    Edizione audio letta da Alessio Boni

    Eh già, cartoni vari, film, ma il libro vero e proprio non l'avevo ancora letto.
    Molto bello ma anche triste in fondo. E in fondo, forse, Uncino è uno dei personaggi che spiccano di più. Wendy, non sa ...continuar

    Eh già, cartoni vari, film, ma il libro vero e proprio non l'avevo ancora letto.
    Molto bello ma anche triste in fondo. E in fondo, forse, Uncino è uno dei personaggi che spiccano di più. Wendy, non saprei, è la regina dello stereotipo della donna..mi ricorda tanto quei "angels of the house" dell'800; qui siamo ad inizi 900 ma la cosa non sembra cambiare poi tanto. Peter a momenti è davvero l'antipatia fatta persona XD
    La versione che ho ascoltato è quella letta da Alessio Boni: non male, ma la voce che fa per Trilly è tremenda e già lei non è tanto simpatica di suo

    dito em 

  • 0

    C'è un ragazzo nuovo a lavoro sembra simpatico lavora sodo ha un accento spagnolo ma lui non è spagnolo è iracheno. Ride poco ma quando ride ride con tutto il viso ed è abbastanza inquietante, gli ho ...continuar

    C'è un ragazzo nuovo a lavoro sembra simpatico lavora sodo ha un accento spagnolo ma lui non è spagnolo è iracheno. Ride poco ma quando ride ride con tutto il viso ed è abbastanza inquietante, gli ho detto cazzo quando ridi sei abbastanza inquietante e lui mi ha chiesto perché, io non ho saputo cosa dirgli. Poi non abbiamo avuto più tempo per parlare solo ogni tanto quando passava vicino alla mia postazione mi diceva qualche battuta, qualche scherzo, e tra questi scherzi idioti mi chiede anche come mi chiamo e ci presentiamo, lu mi dice il suo nome e io che non avevo capito l'ho ripetuto ma male, e lui per questo semplice errore si è messo a ridere come un pazzo in mezzo alla sala. Una risata di cuore, non per offendermi, e io ho sorriso con lui. Ma poi è arrivato il manager e il manager lo ha trattato molto male per questo, a me non ha detto niente perché io e lui abbiamo già litigato per questa faccenda. Il ragazzo nuovo del rimprovero non se ne è preoccupato molto. A fine serata infatti ancora ride, certo all'improvviso, a scatti, ma ancora ride e ride ancora per la mia pronuncia sbagliata. Poi mentre puliamo e siamo ormai soli in sala mi dice che ultimamente è arrapato moltissimo, che ha voglia di scopare, che gli manca scopare, che non pensa ad altro che a scopare e io mi sono cominciato a preoccupare molto. Ricordo quando ero più giovane la prima volta che un maschio mi ha rimorchiato io non me l'aspettavo, e quando poi me ne sono reso conto sono scappato, letteralmente non mi vergogno ad ammetterlo. Ormai però posso vantare un buon numero di approcci e anche se ormai non scappo più, diciamo che mi metto sulla difensiva. Ho scoperto che oltre a scopare sono davvero poche quelle cose per cui si vuole parlare con una persona e conoscerla un po', tre cose, quattro cose, non di più. Sono esagerato? Io non credo di essere esagerato. Io quando qualcuno mi vuole scopare e a me l'idea non piace io parlo delle mie disavventure sessuali. A lui racconto che ultimamente la mia libido è così bassa che l'altro giorno la mia ragazza mi stava facendo un pompino e io dopo un po' che lei succhiava ho detto, "freddo oggi eh?". Non gli ho raccontato poi come è andata a finire io e la mia ragazza ci siamo lasciati lei mi ha dato persino un morso sul cazzo, ancora mi fa male, non so perché ma non mi sembrano dettagli da dire a chi te lo vuole mettere nel culo.

    dito em 

  • 5

    Piratas, hadas y niños perdidos!

    Me he acercado al libro tras tener una niña de 3 años que me hace ver la película de Peter Pan cada Viernes.
    Menuda alegria la mia! Ya conocía la historia del libro y lo tenía en la cabeza de leer, pe ...continuar

    Me he acercado al libro tras tener una niña de 3 años que me hace ver la película de Peter Pan cada Viernes.
    Menuda alegria la mia! Ya conocía la historia del libro y lo tenía en la cabeza de leer, pero al ser un relato juvenil me daba pereza. Que equivocado estaba... es magnífico si sabes guardar a tu yo adulto en el cajón bajo llave y te dejas llevar por la lectura. Pasajes frescos y de una comicidad delirante, con personajes que se quedan en la memoria como Smee, Hook y Pan. Por contra John, Michael pierden identidad respecto a Disney y el resto de piratas y niños la ganan.
    Al adulto que llevas dentro se le ofrecen varias lecturas entre lineas, el carácter egoísta y egocentrico de Peter es de un adolescente llevado al extremo, los niños violentos y no muy espabilados y Wendy con complejo maternal
    En el lado de los Piratas la sombra de Garfio se hace grande, que temible y portentoso enemigo es este.

    Me ha resultado muy impactante lo bien que se traslado la obra de teatro (el libro) a película animada, realmente Disney era muy grande en sus orígenes.

    dito em 

  • 3

    Non è che mi stia particolarmente simpatico Peter Pan. Non lo so... sarà la spavalderia, la sfacciataggine... ma io ho sempre parteggiato per Capitan Uncino, un cattivo maldestro e sfortunato.
    Sulla s ...continuar

    Non è che mi stia particolarmente simpatico Peter Pan. Non lo so... sarà la spavalderia, la sfacciataggine... ma io ho sempre parteggiato per Capitan Uncino, un cattivo maldestro e sfortunato.
    Sulla storia nulla da eccepire, molto originale e anche divertente, ma tra i libri per ragazzi sicuramente non è il mio preferito.
    Certo leggerlo in lingua originale acquista dei punti in più. :)

    dito em 

  • 3

    Le mitiche avventure di Peter Pan!

    Finalmente riesco a leggere la storia originale di Peter Pan, il bambino che non voleva diventare adulto. E chi di noi non è un po' Peter Pan? Penso tutto gli adulti lo nascondono ma chi non desiderer ...continuar

    Finalmente riesco a leggere la storia originale di Peter Pan, il bambino che non voleva diventare adulto. E chi di noi non è un po' Peter Pan? Penso tutto gli adulti lo nascondono ma chi non desidererebbe tornare bambino e fantasticare mille avventure? Chi non vorrebbe volare? Chi non vorrebbe lottare con i pirati? Un libro che esplora i nostri desideri più nascosti e dove l'autore in fondo ci dice chiaramente che tutti noi vogliamo tornare bambini, anzi, in realtà lo siamo sempre (anche da adulti) solo che ci vergogniamo ad ammetterlo.

    dito em 

  • 3

    Peter Pan non crescerà mai, però è invecchiato male!

    Di questo libro ho apprezzato molto la prima parte, "Peter Pan nei giardini di Kensington", ed un po' meno il più famoso "Peter e Wendy"; il tratto che più li accomuna però è l'infinita tristezza che ...continuar

    Di questo libro ho apprezzato molto la prima parte, "Peter Pan nei giardini di Kensington", ed un po' meno il più famoso "Peter e Wendy"; il tratto che più li accomuna però è l'infinita tristezza che permea tutta l'opera e che assale il povero lettore. Sarà che l'ho letto da adulto, da piccolo mi piaceva molto la versione Disney, tuttavia non so se consiglierei ancora questo libro ad un bambino.

    dito em 

Sorting by
Sorting by