Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Più male che altro

Di

Editore: Rizzoli

3.4
(29)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 881702046X | Isbn-13: 9788817020466 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Ti piace Più male che altro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un padre quasi settantenne e donnaiolo può creare guai, anche molto seri. Ad esempio è possibile, se si fa cacciare dalla compagna di vent'anni più giovane, che chieda ospitalità al figlio e che il figlio scopra di avere finora sottovalutato i suoi problemi con la moglie. Può capitare anche che la moglie faccia le valigie e torni dalla madre con i bambini. A questo punto il marito abbandonato deve ammettere che essere single non è poi così eccitante come ricordava. Giovanni Sarracino è il protagonista del disastro annunciato della famiglia della porta accanto: ceto medio, insieme da una vita, felici fino a prova contraria. La crepa cresce a dismisura e una conoscenza casuale si trasforma in una giovane amante. L'arrivo del grandioso ed epico padre playboy non fa che accelerare i tempi di una corsa al ribasso iniziata molti anni prima. Mentre gli adulti soffrono, si lasciano, si tradiscono, i bambini stanno a guardare, ma non solo. Bart Sarracino, nove anni appena compiuti, segue con la sua telecamera gli avvenimenti che i genitori non si preoccupano di nascondere. Risultato: quattro minuti e un secondo di psichedelia pura intitolati "The Sorracinos", un video specchio della realtà che gli adulti non vedono, un assolo ingenuo e straziante di chi vorrebbe sentirsi dire che tutto va bene, che tutto tornerà a posto.
Ordina per
  • 4

    Si parla anche di sesso, ve lo dico subito. E io ho sempre odiato i libri in cui si parla gratuitamente di sesso. Ma questo non è uno di quelli. Niente è gratuito in questo libro.
    Il logorarsi dell'amore scivola nella famiglia Sarracino, Giovanni Simona e i figli Bart e Diego, come un'infil ...continua

    Si parla anche di sesso, ve lo dico subito. E io ho sempre odiato i libri in cui si parla gratuitamente di sesso. Ma questo non è uno di quelli. Niente è gratuito in questo libro.
    Il logorarsi dell'amore scivola nella famiglia Sarracino, Giovanni Simona e i figli Bart e Diego, come un'infiltrazione in una parete. C'è sempre stata ma un mattino la luce ci picchia sopra e tu la vedi, enorme.
    Intorno a loro si muove una Napoli bellissima, che te la vedi davanti agli occhi, te la senti dentro il naso e infilata nelle orecchie, anche se non ci sei mai stato.
    Con le parole di tutti i giorni, che però sembra di vederle per la prima volta, questo libro raccoglie tutte le mie paure: la paura della mediocrità, della fragilità dell'amore, della vittoria della noia, dell'adagiarsi nella vita, dell'incapacità a prendere in mano le redini, della solitudine. Ma soprattutto, la paura di lasciarsi vivere, guardando piovere gli eventi senza la forza di aprire l'ombrello.
    O vi dà la scossa, o vi abbatte al suolo. Ma dà sempre la forza di vedere.

    ha scritto il 

  • 4

    Una prosa incalzante e brillante, ricca d'immagini e considerazioni per nulla scontate, una schiera di personaggi vivissimi e intensi, capaci di non sembrare irreali neanche per un attimo,
    uno sfondo napoletano che non invade e non annacqua la storia ma l'ammanta di un fascino discreto, educ ...continua

    Una prosa incalzante e brillante, ricca d'immagini e considerazioni per nulla scontate, una schiera di personaggi vivissimi e intensi, capaci di non sembrare irreali neanche per un attimo,
    uno sfondo napoletano che non invade e non annacqua la storia ma l'ammanta di un fascino discreto, educato.

    Massimiliano Virgilio debutta con un romanzo sorprendente. Capace d'immergersi nell'animo e nei pensieri di una donna frustrata, come di un vecchio incapace di accettare la propria inevitabile decadenza, come di due bambini inquieti che vedono cambiare i connotati della propria famiglia, lo scrittore domina una storia solo apparentemente semplice attraverso un'ironia splendida, una lingua decisamente matura e una sensibilità disarmante.

    ha scritto il 

  • 4

    Scrittura al servizio della storia, nessun preziosismo fine a stesso, sensazione di grande lucidità in ognuna delle (tante) scelte affrontate. "Più male che altro" è un romanzo difficile (da scrivere, non da leggere), che ogni tanto strizza l'occhio a "Le Correzioni" di Franzen (rubando anche fra ...continua

    Scrittura al servizio della storia, nessun preziosismo fine a stesso, sensazione di grande lucidità in ognuna delle (tante) scelte affrontate. "Più male che altro" è un romanzo difficile (da scrivere, non da leggere), che ogni tanto strizza l'occhio a "Le Correzioni" di Franzen (rubando anche frasi qua e là), con una storia forte, priva di moralismo, dove nessuno è buono e nessuno è cattivo. Dove c'è speranza, ma solo a tratti. Per lo più, mi è sembrato di ricevere una serie di pugni allo stomaco: è stata una bella sensazione.

    ha scritto il 

  • 0

    È il econdo bel libro su Napoli che leggo quest'anno. L'altro era Dieci di Andrej Longo. Qui Napoli fa più da sfondo ma l'indolenza appiccicosa della città sembra entrare sotto la pelle di un protagonista in piena crisi esistenziale. Un debutto davvero interessante.

    ha scritto il 

  • 4

    Rizzoli 24/7

    Bello il primo romanzo pubblicato di Massimiliano Virgilio. Bello perchè i personaggi e le loro vicende raccontate appartengono ad una Napoli che non vive nella leggenda della sua eccellenza e particolarità. Bello perchè parla di un coppia in declino e di qualcosa che ammala che sta arrivando. Co ...continua

    Bello il primo romanzo pubblicato di Massimiliano Virgilio. Bello perchè i personaggi e le loro vicende raccontate appartengono ad una Napoli che non vive nella leggenda della sua eccellenza e particolarità. Bello perchè parla di un coppia in declino e di qualcosa che ammala che sta arrivando. Come arriva nella vita di chiunque. Ci sono alcune parti che nonho amati, delle digressioni e ragionamenti troppo dorti per i miei gusti e una malattia che non raggiunge il dolore profondo. Ma un libro scritto bene, con dei personaggi credibili, con storie piacevoli e con una Napoli non scontata. Comunque, un buon esordio e una bella base per il futuro. Anche se è folle che la Rizzoli si aspetti di incentivare gli esordi letterari mettendo dei prezzi simili ad una collana che vorrebbero fare figa ma se non è cheap non è nemmeno chic, perchè semplicemente non è.

    ha scritto il