Il romanzo è ambientato nell'Italia degli anni '50 e '60, nel periodo della depressione. Lo sguardo è rivolto ai bambini, molti dei quali vengono affidati ai nonni o agli zii mentre i genitori emigrano in cerca di fortuna. Ma mentre i genitori ... Continua
Ha scritto il 01/04/17
Questo è un libro del "se fosse"...
Se fosse stato un po' più ironico in alcuni passaggi avrei riso,
Se fosse stato un po' più intenso in altri avrei pianto,
È così via.... giudizio così così
  • Rispondi
Ha scritto il 12/05/12
SPOILER ALERT
Picciridda
Sembra quasi di sentire la pelle seccata dal sale dell'acqua di mare,lo scirocco d'estate e la tramontana impetuosa d'inverno tra queste pagine che odorano di vasetti di conserve e di pesche sciroppate.La narrazione scivola sui pensieri di una ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 17/08/11
Mi ha fatto diventare un pò una bimba siciliana. Si sente odore di zagare e mare tra le pagine.
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 30/08/10
Scrivere non mi pare sia una cosa che le riesce bene..
  • 2 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 12/04/10
Ho appena finito questo romanzo e la narrazione mi sembra a livello stilistico banale, l'intreccio inesistente, il tono generale grigio (per non dire lagnoso); l'autrice descrive bene la realtà di un piccolo paese della provincia di Messina, ma i ..." Continua...
  • Rispondi

Ha scritto il Jul 30, 2009, 13:41
"Anche i sogni più irrealizzabili trovano un senso se sostenuti dalla fiammella della speranza. Altrimenti sarebbero follia..."
Pag. 127
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 09, 2008, 07:49
C'erano giornate in cui l'odore del nostro mare mi assalia minaccioso, promettendomi tristezza a oltranza, poi le folate di salsedine diventavano via via più indulgenti e si trasformavano in dolce tormento di nostalgia, permettendomi di ... Continua...
Pag. 289
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 09, 2008, 07:47
Non c'è niente di più irripetibile di un momento intenso non voluto, non cercato.
Pag. 287
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 09, 2008, 07:46
Ma ho continuato, inconsciamente, a sorridere alla vita, non lasciando mai la chiave delle mie fragilità infilata nella toppa... così sono cresciuta sempre più forte.
Pag. 287
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 09, 2008, 07:44
Con i piedi nella sabbia è più facile provare la felicità. Tanto, c'è sempre tempo per la sofferenza.
<<Luci, affonda i piedi nella sabbia e sorridi; ricorda che l'amore è ovunque, anche dove nessuno ha pianto un fiore.>>
Pag. 232
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 22, 2016, 09:18
853.92
FIO 11216
Letteratura Italiana
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi