Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Piccole Storie

Di

Editore: Star Comics

3.8
(41)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000040304 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace Piccole Storie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sono le storie più piccole a colpirci nel profondo. E Mohiro Kito, l’apprezzatissimo autore di NARUTARU, sa bene come fare per toccare quelle corde che ci fanno vibrare l’anima. Tutto si trova a metà strada fra il detto e il non-detto, i suoi personaggi tacciono ma portano grandi fardelli con loro. E noi assistiamo alle loro piccole storie, partecipi. Ma l’occhio di Kito è distaccato, non dà giudizi: siamo in grado noi lettori di fare altrettanto?
Ordina per
  • 4

    Piccole storie

    Così è il titolo e così effettivamente è il fumetto. Una raccolta di brevi storie che con eleganza descrivono caratteristiche tipiche della società giapponese, piccoli e grandi drammi o la vita di tutti i giorni, svelando emozioni profonde e sottili. Forse l'unica pecca è proprio questa leggerezz ...continua

    Così è il titolo e così effettivamente è il fumetto. Una raccolta di brevi storie che con eleganza descrivono caratteristiche tipiche della società giapponese, piccoli e grandi drammi o la vita di tutti i giorni, svelando emozioni profonde e sottili. Forse l'unica pecca è proprio questa leggerezza, le storie come appaiono svaniscono, lasciando solo un leggero e fragile ricordo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Particolare

    Questo manga è una raccolta di storie. Il suo autore è nato l'8 agosto 1966 ed è diventato famoso recentemente con i titoli di Bokurano e Nanataru; qui invece parliamo di una racconta di storie; questo è l'elenco delle sue opere:
    * Zansho, 1987
    * Sanchōme Kōsaten Denshinbashira no Ue no ...continua

    Questo manga è una raccolta di storie. Il suo autore è nato l'8 agosto 1966 ed è diventato famoso recentemente con i titoli di Bokurano e Nanataru; qui invece parliamo di una racconta di storie; questo è l'elenco delle sue opere:
    * Zansho, 1987
    * Sanchōme Kōsaten Denshinbashira no Ue no Kanojo, 1994
    * Wings of Vendemiaire, Vandemiēru no Tsubasa), 1996–1998
    * Naru Taru, 1998–2003
    * SiNNa 1905, 1999
    * Kaseiso ni hana o motte, 2000
    * A&R, 2002
    * Yogoreta Kirena, 2002
    * Papa no Uta, 2003
    * Bokurano, 2004–2009
    * Pochi no Basho, 2004
    * Kakutoshi no Yume, 2005
    * Owari to Hajimari no Mailus, Owari to Hajimari no Mairusu), 2007
    * Kare no Satsujin Keikaku, 2008

    Le 7 storie brevi di questo volume, sono state realizzate durante un lungo arco di tempo e pubblicate in un unico volume nel 2004. Sono storie dal carattere adulto e talvolta ci sono elementi fantasiosi; ad esempio nel primo racconto "Gli Ultimi Caldi", un ragazzino si vede far visita dalla sorella deceduta che lo mette alla prova.
    Il secondo racconto, "Una Ragazza sul Palo della Luce", viene presentato sempre l'evento della morte, ma in questo caso in una luce più positiva e con un intreccio più complesso.
    Il terzo racconto, "Con i Fiori in Mano", è uno fra quelli che mi è piaciuto di più, specie nel suo epilogo; narra di un raduno di ex compagni di classe e del reincontro fra un ragazzino e la sua amica che erano molto legati da bambini, tanto da essersi scambiati una promessa.
    Il quarto racconto, "Sporca ma Pulita", tratta del tema della discriminazione scolastica, di come non sia tanto divertente subirla o farla, e di come la precarietà economica incida sul futuro delle persone. L'ho trovato un bel racconto breve, quando ci si ritrova a dover subire le angherie, si inizia ad avere una prospettiva diverse delle situazioni.
    Il quinto racconto, "A&R", non mi ha convinto molto, tratta di un ragazzo e del rapporto che ha con la sua motocicletta, e di come coinvolge in questa passione una sua amica.
    Invece il sesto racconto, "La Canzone di Papà", è molto introspettivo ed in gran parte basato su un dialogo di una coppia durante un tragitto in una auto sportiva, mentre ascoltano una canzone. L'ho trovato il più adulto e ironico fra tutti.
    L'ultimo racconto, "Un Posto per Pochi", è invece
    più filosofico, infatti è uno dei più recenti. Narra delle vicende di ragazzini che, dopo la scuola, si recano in una piccola pasticceria a buon mercato dove c'è un signore anziano che utilizza il metodo self-service anche per i pagamenti basandosi sull'onestà delle persone.
    Interessante lo spunto che attribuisce valore al percorrere la strada più lunga o al fermarsi lungo il tragitto per tornare a casa, dando importanza ai piccoli momenti di svago.

    Tutti i racconti sono disegnati in modo minimalista, senza grandi pretese, e i personaggi si assomigliano tutti, se fate un minimo di attenzione durante la lettura nelle varie storie. L'autore dimostra una buona sensibilità per un'opera minore, fatta probabilmente nei ritagli di tempo

    ha scritto il 

  • 4

    Raccolta di storie brevi dall'autore di Narutaru.
    7 racconti diversi fra loro, disegnati con cura e tratto leggero.
    Consigliato a chi vuole avvicinarsi a questo autore prima di imbarcarsi nell'acquisto di una serie più lunga.

    ha scritto il 

  • 4

    la prima opera che ho letto del maestro facci del male kitoh, e devo ammettere che mi ha lasciato una piacevole sensazione addosso.
    sono storie semplici e profonde, malinconiche ma mai deprimenti, quotidiane ma mai scontate.
    l'autore ce le presenta su un piatto d'argento, senza v ...continua

    la prima opera che ho letto del maestro facci del male kitoh, e devo ammettere che mi ha lasciato una piacevole sensazione addosso.
    sono storie semplici e profonde, malinconiche ma mai deprimenti, quotidiane ma mai scontate.
    l'autore ce le presenta su un piatto d'argento, senza veli ne lenti che storpiano la realtà dei fatti. lascia che le storie si raccontino da sole e si pone come tramite per trasferire le vite dei personaggi sulla carta.
    il risultato è un piccolo gioiellino.
    il tratto, molto particolare, si adatta perfettamente alle storie. i disegni non sono troppo "pesanti", non distolgono l'attenzione dalla lettura, ma riescono a essere comunque terribilmente vivi e espressivi.
    come una sonata in sordina o una luce fioca, è un opera che colpisce con delicatezza il lettore.

    ha scritto il