Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Piccole storie nere

Di

Editore: Einaudi (L'Arcipelago Einaudi; 4)

3.5
(134)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 176 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806152009 | Isbn-13: 9788806152000 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Piccole storie nere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questa raccolta di racconti eccentrici la suspense si unisce a una inaspettata vena comica e irriverente, che raggiunge i toni del grottesco, sfiorando il gotico e il fantastico. Fois presenta in questo volume otto "piccole storie nere", dove il commissario Curreli, protagonista caparbio di "Meglio morti" e "Ferro recente", rimbalza su e giù per l'Italia alla ricerca della giusta destinazione, alle prese con i casi più sbilenchi, più impensati e insolubili della sua carriera.
Ordina per
  • 3

    piccole nere e cattive

    Queste storielline, non risparmiano niente a nessuno: professore ed allievo, amanti, un fantomatico vecchio, gente di chiesa; ovviamente marito e moglie; e poi ancora fratello e sorella, giornalista e fotografo, sconosciuti che si incontrano in una sauna, compagne di scuola sedicenni e dissennate ...continua

    Queste storielline, non risparmiano niente a nessuno: professore ed allievo, amanti, un fantomatico vecchio, gente di chiesa; ovviamente marito e moglie; e poi ancora fratello e sorella, giornalista e fotografo, sconosciuti che si incontrano in una sauna, compagne di scuola sedicenni e dissennate, perfino un monaco greco. Umanità varia e storie tanto incredibili ed assurde da sembrare vere, con un tocco qui di umorismo feroce, là di grottesco, anche con un che di mistero gotico. Sono i casi del commissario Curreli, che di sé dice di non essere simpatico; veramente tanto simpatico ai suoi superiori non è, visto che viene trasferito di continuo; in compenso là dove nessuno vorrebbe essere mandato (il proverbiale: "ti sbatto in Sardegna"), lui non ce lo mandano, quasi per fargli dispetto: lui, in Sardegna, ci vorrebbe andare, perché è casa sua, è dove stanno la moglie e le due figlie. Invece deve far spesso le valigie, commissario errante da Roma a Fidenza, Parma, Torino.
    Un bravo poliziotto, con fiuto, ma non è simpatico ai capi. Solo Marchini lo segue di buon grado, perché da lui vuole imparare. Curreli guarda le scene dei delitti, soppesa le persone coinvolte, intuisce quel particolare che sarà la chiave per risolvere il caso. Poi fa le valigie e si sposta altrove.
    Sparse qua e là, come resti dimenticati di una vita normale impastata di affetti familiari, spuntano lettere e telefonate: è la vita privata di Curreli e di Marchini.

    http://www.leparoletranoileggere.it/2014/12/01/storie-nere/#more-1051

    ha scritto il 

  • 4

    tre stelle e mezza

    Le quattro stelle forse sono un po' eccessive: i primi racconti non mi hanno entusiasmato, ma io non sono un amante del genere "sovrannaturale".
    Gli ultimi sono piccoli racconti poliziesci, ben scritti ed avvincenti, ma il voto giusto sarebbe 3 stelle e mezza.

    ha scritto il 

  • 2

    La ragazza del Marchini, sono io!

    Se v’interessa sapere chi sia tale ragazza di nome Giovanna e in che cosa mi sia simile leggetevi ‘sto "Piccole storie nere".
    Se non v’interessa una beata mazza, com’è probabile, fatene a meno tranquillamente.
    Tanto, tutti siamo in grado di capire che la strage delle tante donne(e dei ...continua

    Se v’interessa sapere chi sia tale ragazza di nome Giovanna e in che cosa mi sia simile leggetevi ‘sto "Piccole storie nere".
    Se non v’interessa una beata mazza, com’è probabile, fatene a meno tranquillamente.
    Tanto, tutti siamo in grado di capire che la strage delle tante donne(e dei pochi di uomini gay, nella fattispecie) in questo paese è opera dello spirito santo senza che ce lo venga a dire il commissario Giacomo Curreli!

    ha scritto il 

  • 2

    Quasi mi dispiace assegnare solo due stelline a queste piccole storie nere ... perchè tutto sommato la lettura è stata agile, leggera e Fois è bravo.
    Ma, nonostante lo stile accattivante, le storie mi sono scivolate addosso, senza lasciare sensazioni di alcun tipo . E non ho trovato partico ...continua

    Quasi mi dispiace assegnare solo due stelline a queste piccole storie nere ... perchè tutto sommato la lettura è stata agile, leggera e Fois è bravo.
    Ma, nonostante lo stile accattivante, le storie mi sono scivolate addosso, senza lasciare sensazioni di alcun tipo . E non ho trovato particolarmente efficace la commistione di fantastico, gotico e grottesco che credo sia, nelle intenzioni, la peculiarità dell'opera.

    ha scritto il 

  • 4

    Davvero belli questi brevi racconti con il commissario nuorese Curreli e l’aiutante Marchisio in giro per l’Italia a seguito di continui trasferimenti.
    Viene presentato come una serie di racconti dove l’elemento fantastico, soprannaturale si inserisce prepotentemente nelle trame ma non è as ...continua

    Davvero belli questi brevi racconti con il commissario nuorese Curreli e l’aiutante Marchisio in giro per l’Italia a seguito di continui trasferimenti.
    Viene presentato come una serie di racconti dove l’elemento fantastico, soprannaturale si inserisce prepotentemente nelle trame ma non è assolutamente così. Si legge benissimo e d’un fiato.
    Non sono nemmeno storie “nere” nel senso più stretto del termine. Ai miei occhi sono sembrati racconti gialli, bei gialli seppur brevi, dove i due protagonisti hanno molta più rilevanza del resto, descritti bene, umani e simpatici. Un paio di racconti hanno certo queste trovate “fantastiche” ma direi che sono quasi l’eccezione.

    ha scritto il 

  • 4

    I racconti contentenuti in questo libro non sono certo belli come la trilogia scritta da Fois che ha come protagonista Bastianu Satta però è una lettura comunque interessante che coinvolge perchè si sofferma su alcuni aspetti torbidi dell'animo umano.

    ha scritto il