Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Piccolo galateo erotico per fanciulle

Di

Editore: ES

3.7
(31)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8895249372 | Isbn-13: 9788895249377 | Data di pubblicazione: 

Curatore: P. Bianchi

Disponibile anche come: Paperback

Ti piace Piccolo galateo erotico per fanciulle?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 1

    Non ho capito cosa ci sia di erotico in questa sequela di volgarità (alcune assai ingegnose - va detto; alcune stucchevoli; le più, inutili). Eccone un esempio: «Se vedete una macchia sull'abito di una fanciulla, non chiedetele se si tratta di sperma».
    Compendio del volume: quattro foto po ...continua

    Non ho capito cosa ci sia di erotico in questa sequela di volgarità (alcune assai ingegnose - va detto; alcune stucchevoli; le più, inutili). Eccone un esempio: «Se vedete una macchia sull'abito di una fanciulla, non chiedetele se si tratta di sperma». Compendio del volume: quattro foto pornografiche d'epoca (scattate dallo stesso Louÿs e spacciate per artistiche) in cui delle preadolescenti espongono le parti intime.

    ha scritto il 

  • 3

    A volte eccessivo, altre davvero divertente, come quando raccomanda di non sputare sui passanti, specie se si ha dello sperma in bocca, oppure di non chiamare papà il proprio padre biologico in mezzo alla folla, quando nostra madre è sposata con qualcun altro. Belli anche i consigli "non dite...d ...continua

    A volte eccessivo, altre davvero divertente, come quando raccomanda di non sputare sui passanti, specie se si ha dello sperma in bocca, oppure di non chiamare papà il proprio padre biologico in mezzo alla folla, quando nostra madre è sposata con qualcun altro. Belli anche i consigli "non dite...dite invece..."!

    ha scritto il 

  • 4

    Spassosissimo (solo per chi riesce ad ammetterlo però). Dopo averlo assaggiato provate a leggerlo e farvelo leggere al telefono, per cominciare. E poi "Non esigete da una cameriera che vi lecchi più di due volte al giorno. Non bisogna affaticare la servitù"

    ha scritto il 

  • 3

    Dissacrante

    Primo numero della Piccola Biblioteca dell'Eros, ci fa scoprire il poeta Pierre Louys, lo scrittore, l'elegante, depravato pedofilo. Persino O.Wilde l'aveva ammirato, tanto da dedicargli la sua "Salomè". Qui il nostro si cimenta in un dizionario ad uso e consumo di giovani e scafate ninfette, cap ...continua

    Primo numero della Piccola Biblioteca dell'Eros, ci fa scoprire il poeta Pierre Louys, lo scrittore, l'elegante, depravato pedofilo. Persino O.Wilde l'aveva ammirato, tanto da dedicargli la sua "Salomè". Qui il nostro si cimenta in un dizionario ad uso e consumo di giovani e scafate ninfette, capaci di far perdere il lume della ragione ad attempati ed allupati maschietti. Il libro è pieno di frasi irriverenti, divertenti e sconci suggerimenti, nelle intenzioni solo a metà scherzose dell'autore. Louys si aggira all'interno dell'erotismo pedofilo, già reso con ben altro stile da Nabokov. Credo il libro (che poi è una breve raccolta di massime) racconti più che le perversioni delle sue viziose bambine, Louys stesso, immerso nella sua privata ossessione erotica. Parodia irridente dei manuali dell'epoca, se non si fa troppo caso a certe oscenità e lo si prende con leggerezza, strappa più di qualche sorriso. Di cattivo gusto le foto finali (fatte da Louys stesso) presenti in questa edizione.

    VOTO 6,5

    ha scritto il 

  • 5

    [...]"Non dite: «me ne fotto dei romanzi casti». 
Dite: «Vorrei qualcosa d'interessante da leggere»".


    Quando leggo Pierre Louÿs non mi chiedo se sia stato un depravato, un libertino o un grande erudito; né mi interrogo sui costumi delle bambine nel prima o dopo Lolita. 
Lo leggo perché ado ...continua

    [...]"Non dite: «me ne fotto dei romanzi casti». 
Dite: «Vorrei qualcosa d'interessante da leggere»".

    Quando leggo Pierre Louÿs non mi chiedo se sia stato un depravato, un libertino o un grande erudito; né mi interrogo sui costumi delle bambine nel prima o dopo Lolita. 
Lo leggo perché adoro la sua solare, sboccata, irriverente maniera di raccontare i piaceri del sesso.

    ha scritto il