Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Piccolo mondo borghese

Il decimo clandestino - Noi del Boscaccio

Di

Editore: Rizzoli (BUR Narrativa ; Superbur)

4.3
(31)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 396 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817202347 | Isbn-13: 9788817202343 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Piccolo mondo borghese?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Giovannino, come lo chiamano dalle sue parti, ha ricreato in questi racconti la vita reale e verosimile che si svolgeva nella campagne della pianura padana emiliana, a Brescello per la precisione.
    Respirerete i profumi della mietitura, sentirete lo stesso caldo afoso che durante l’estate br ...continua

    Giovannino, come lo chiamano dalle sue parti, ha ricreato in questi racconti la vita reale e verosimile che si svolgeva nella campagne della pianura padana emiliana, a Brescello per la precisione.
    Respirerete i profumi della mietitura, sentirete lo stesso caldo afoso che durante l’estate bruciava le aie delle cascine, riproverete le stesse emozioni di quando l’agricoltura scandiva lo scorrere del tempo e la cultura contadina, fatta di dialetti, buon vino e prodotti della terra riempivano le tavole ed i cuori.
    E poi, oltre i campi, c’è la politica. E la religione.
    In quella parte d’Italia (nella “bassa”) si è vissuto lo scontro a mani nude tra partigiani e fascisti prima, tra comunisti e cattolici dopo.
    La gente era divisa tra parrocchia e sezione di partito, ma sempre uniti dall’amore e dal rispetto per questa terra insanguinata dalle ideologie e dalla guerra civile.
    Questa raccolta di 37 racconti può essere il primo passo per avvicinarsi a questo “piccolo mondo”, pieno zeppo di significati e riferimenti alla nostra memoria storica.
    Non sempre i due famosi protagonisti (Don Camillo e Peppone) sono presenti, ma lo è sempre quella gente sanguigna e spicciola che si spaccava la schiena nei campi, come solo la “Bassa” poteva crescerla.

    ha scritto il 

  • 4

    Guareschi è demodè, banale, piccoloborghese, clericale e fascio... però irresistibile nella sua umanità e nel suo profondo amore per il "mondo piccolo" della vita di paese, che poi è la più vera

    ha scritto il 

  • 5

    Per chi conosce Giovannino Guareschi solo per Don Camillo e Peppone, e non sa che ha scritto anche altro.
    Una serie di racconti tutti tracciati con l'umanità e la sensibilità di questo autore. Tra tutti spicca "Il decimo clandestino", uno dei racconti più belli, più struggenti, più umani ch ...continua

    Per chi conosce Giovannino Guareschi solo per Don Camillo e Peppone, e non sa che ha scritto anche altro.
    Una serie di racconti tutti tracciati con l'umanità e la sensibilità di questo autore. Tra tutti spicca "Il decimo clandestino", uno dei racconti più belli, più struggenti, più umani che io abbia mai letto.

    ha scritto il 

  • 5

    Al quinto Guareschi riletto ad anni di distanza comincio seriamente a pensare che Giovannino sia come il buon vino... Migliora invecchiando. O sono io che apprezzo di più con qualche anno in più nella saccoccia?

    ha scritto il