Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Picnic su Paradiso

Urania 1026

Di

Editore: A. Mondadori (Urania)

3.1
(19)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000023337 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Vittorio Curtoni ; Illustrazione di copertina: Karel Thole

Genere: Science Fiction & Fantasy

Ti piace Picnic su Paradiso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Le vacanze su Paradiso, pianeta selvaggio preservato nel suo stato originario, sono rinomate in tutta la galassia e attirano turisti in vena di robuste sensazioni. Ma quando alle emozioni della vita "selvaggia" si aggiungono quelle di una spietata guerra commerciale, le comuni guide turistiche possono rivelarsi insufficienti. Niente di meglio, allora, che rivolgersi alla Corporazione Transtemporale e farle recuperare dai tempi dell'antica Grecia l'unica persona i grado di salvare un gruppo di sprovveduti turisti: Alyx. Ma anche per questa giovane amazzone femminista il compito non sarà facile.

In appendice il romanzo breve "Il mio caro nemico" di Barry Longyear da cui è stato tratto il film "Il mio nemico" di Wolgang Petersen (1985).
Ordina per
  • 3

    Trama inesistente che si limita a un viaggio dal punto A al punto B. L'attenzione si sposta sui personaggi, ma solo alcuni sono ben caratterizzati, ed è un peccato, dato che tutti hanno qualche partic ...continua

    Trama inesistente che si limita a un viaggio dal punto A al punto B. L'attenzione si sposta sui personaggi, ma solo alcuni sono ben caratterizzati, ed è un peccato, dato che tutti hanno qualche particolarità che si vorrebbe approfondire per conoscere meglio l'ambientazione futuristica che è appena accennata. La parte più stimolante consiste nel confronto tra l'umanità futura, eternamente adolescenziale, presa da diverse forme di fuga dalla realtà, e una donna del lontano passato. Come negli altri libri della Russ, ho apprezzato la scrittura ma l'azione mi è sembrata carente; capisco che i luoghi comuni della fantascienza per lei siano un pretesto per presentare temi sociali e psicologici, ma questo non giustifica la sciatteria. Comunque, non mi dispiacerebbe leggere altro di suo.
    L'edizione Urania comprende anche un bel racconto lungo di un altro autore, Mio caro nemico, di stile meno originale ma anche più compiuto.

    ha scritto il 

  • 1

    Non arrenderti alla noia!

    Il racconto che da il titolo al romanzo è qualcosa di mortale: meglio due ore sintonizzati su "TeleCamere" a sentire le vaccate dei politici da Noi stipendiati, però, al fondo del libro, quasi nascost ...continua

    Il racconto che da il titolo al romanzo è qualcosa di mortale: meglio due ore sintonizzati su "TeleCamere" a sentire le vaccate dei politici da Noi stipendiati, però, al fondo del libro, quasi nascosto, c'è un racconto che merita di essere letto. "Il mio caro nemico", di B. Longyear, da cui è anche stato tratto il film di Petersen, "Il mio nemico". Beh, diciamo che il raccontino in sé è davvero bello, merita mille volte più del film e va letto, se si ama la fantascienza.

    ha scritto il 

  • 3

    Esempio in bozza di fantascienza femminista. Niente di chè. Ma del resto, (sempre che si riesca a scovare), ci si mette talmente poco a leggerlo che, per devozione al genere (chi è devoto) si può fare ...continua

    Esempio in bozza di fantascienza femminista. Niente di chè. Ma del resto, (sempre che si riesca a scovare), ci si mette talmente poco a leggerlo che, per devozione al genere (chi è devoto) si può fare.

    ha scritto il