Pietro Pizza

Di

Editore: Salani

4.3
(21)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 36 | Formato: Altri

Isbn-10: 8884510244 | Isbn-13: 9788884510242 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Colombo

Genere: Bambini

Ti piace Pietro Pizza?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il piccolo Pietro è di pessimo umore: stava per andare a giocare a pallone con gli amici ed ecco, si è messo a piovere. Il suo papà non sopporta di vederlo così triste, e decide di trasformarlo in un bambino-pizza da impastare, tirare di qua e di là, lanciare in aria... Poi una bella spruzzata di olio d'oliva, farina e qualche fetta di pomodoro... Ed ecco che alla pizza viene da ridere. Insomma, le pizze non ridono! E i pizzaioli non fanno il solletico alle pizze! Ma quando è il momento di tagliarla la pizza scappa via! Intanto è tornato il sole e la pizza può andare a giocare tranquillamente con i suoi amici.
Ordina per
  • 5

    Che ridere con Pietro Pizza!

    La mamma credeva che io fossi ancora piccolino per questo libro (ho solo 2 anni), ma alla fine l'ha preso lo stesso dalla biblioteca. Per fortuna! Altrimenti non ci saremmo fatti tutte quelle risate l ...continua

    La mamma credeva che io fossi ancora piccolino per questo libro (ho solo 2 anni), ma alla fine l'ha preso lo stesso dalla biblioteca. Per fortuna! Altrimenti non ci saremmo fatti tutte quelle risate leggendolo!!! Ancora adesso, anche se il libro l'abbiamo riportato in biblioteca, a volte facciamo finta di leggerlo lo stesso e di fare la pizza. Ah ah ah ah!

    ha scritto il 

  • 5

    Quando un bambino è triste o di cattivo umore lo si può trasformare in una pizza.
    Lo si stende sul tavolo, lo si impasta ben bene, si tira di qua e di là, lo si lancia in aria e poi... un filo d'olio ...continua

    Quando un bambino è triste o di cattivo umore lo si può trasformare in una pizza.
    Lo si stende sul tavolo, lo si impasta ben bene, si tira di qua e di là, lo si lancia in aria e poi... un filo d'olio (ma è acqua), un po' di farina (ma è borotalco), fettine di pomodoro (ma sono pedine di dama), mozzarella (ma sono pezzetti di carta)... poi si inforna (sul divano) e infine si porta in tavola e si taglia.

    Il papà di Pietro insieme alla mamma fanno così passare il broncio al loro figliolo.

    Per ricordarsi che i bambini per stare bene hanno bisogno di coccole e giochi da fare insieme ai genitori. Basterebbe solo questo.

    ha scritto il