Pinocchio: un libro parallelo

Voto medio di 155
| 28 contributi totali di cui 21 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Quest'opera è un libro nel libro in cui Manganelli scrittore da un lato illumina "Pinocchio" di una luce nuova e dall'altro dà forma all'ennesimo paesaggio della propria poetica. Il classico di Collodi diventa così più terrificante ma anche più ... Continua
Ha scritto il 07/02/17
Credo che questo sia uno dei libri più anomali della letteratura italiana. Manganelli prende un libro, non uno qualunque, Pinocchio, quella che dovrebbe essere una fiaba per bimbi, e lo riscrive. Non lo commenta, non lo analizza; sarebbe critica ..." Continua...
  • 12 mi piace
  • 6 commenti
Ha scritto il 13/09/16
Tutto quello che riguarda Pinocchio mi interessa. Tutto quello che Manganelli per filo e per segno, con lingua intelligente, ironica, iperbolica e acuta rivela e spiega in questo libro parallelo, tocca qualche mio sentimento provato da bambina ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 09/08/16
Il libro si dilata, è tendenzialmente infinito. (p. 19)
"Un libro non si legge; vi si precipita; esso sta, in ogni momento, attorno a noi. Quando siamo non già nel centro, ma in uno degli infiniti centri del libro, ci accorgiamo che il libro non solo è illimitato, ma è unico. Non esistono altri libri; ..." Continua...
  • 3 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 25/05/16
Dopo le prime pagine di questo libro si ha l’impressione che l’autore stia cazzeggiando e che la sua esegesi non sia altro che un ozioso trascinarsi di masturbazione in masturbazione, infatti ben presto Manganelli cerca di rassicurarci: “Non ..." Continua...
  • 5 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 25/05/16
SPOILER ALERT
A chi sarebbe mai venuto in mente di scrivere un libro ‘parallelo’, come lo definisce l’autore, se non ad un amante del ‘burattino’ più importante d’Italia che, ora con la sua ingenuità ora con la sua acutezza, ha saputo insegnare ad ..." Continua...
  • 2 mi piace

Ha scritto il Oct 01, 2016, 07:55
Pinocchio non mente, non giustifica, ricorda la propria vita come una serie catastrofica di eventi, apparizioni, allucinazione, menzogne, continue insidie di morte, burle e orrori, furti e agguati, frodi e miracoli, incontri meravigliosi: insomma ... Continua...
Pag. 189
Ha scritto il Sep 30, 2016, 14:36
Il vivo scopre che senza l'amore del morto egli non è più vivo.
Pag. 126
Ha scritto il Sep 30, 2016, 14:33
La storia di Pinocchio e' una storia di sevizie e di amore; come già era accaduto a Geppetto [...], così ora Pinocchio è lasciato in preda alla 'disperazione' per via di quel naso spropositato, che non gli consente neppure di nascondere nella fuga ... Continua...
Pag. 102
Ha scritto il Sep 30, 2016, 14:28
Vi è una streghita', una magicita', una dolcezza provvidenziale nella luna.
Pag. 88
Ha scritto il Sep 30, 2016, 14:02
Generare significa ignorare, contagiare, abbandonare, uccidere. Chi genera compie un sacrificio umano, quello stesso che venne compiuto su di lui.
Pag. 30

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi