Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pizzini, veleni e cicoria

La mafia prima e dopo Provenzano

Di ,

Editore: Feltrinelli

3.4
(22)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 174 | Formato: Altri

Isbn-10: 8807171309 | Isbn-13: 9788807171307 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Crime

Ti piace Pizzini, veleni e cicoria?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Bernardo Provenzano rappresenta l'ultimo padrino del Novecento. La suacattura, dunque, si presta a una radiografia conclusiva di ciò che è stata lamafia in Italia e in Sicilia negli ultimi cinquant'anni. La caccia al padrinodi Corleone, raccontata in presa diretta da Pietro Grasso, funge daemozionante cronaca di una storica operazione di contrasto a Cosa nostra.L'intervista a Grasso affronta i temi più "curiosi" che appassionanol'opinione pubblica: lo stile di vita del boss; la capacità di "governare" unaregione intera (e forse di più) da un buco medievale del corleonese servendosidi un ancestrale sistema di comunicazione, quello dei "pizzini" scritti afatica da un uomo che "ha la seconda elementare non finita". E, comecontraltare alla mafia, uno sguardo allo schieramento opposto: Palermo e ilsuo ventre molle, l'appello inascoltato di Grasso a non candidare inquisiti osospettati, il palazzo di giustizia, il passato e il presente, gli erroridell'Antimafia, le disattenzioni dei governi e della politica. Con contributidi Emanuele Macaluso.
Ordina per
  • 4

    Recensione di Oscar Buonamano


    Pizzini veleni e cicoria, di Pietro Grasso e Francesco La Licata è un libro importante per capire il fenomeno mafioso. Per certi versi costituisce una prosecuzione del lavoro di Giovanni Falcone che in Cose di Cosa Nostra, il libro intervista con Marcelle Pado ...continua

    Recensione di Oscar Buonamano

    Pizzini veleni e cicoria, di Pietro Grasso e Francesco La Licata è un libro importante per capire il fenomeno mafioso. Per certi versi costituisce una prosecuzione del lavoro di Giovanni Falcone che in Cose di Cosa Nostra, il libro intervista con Marcelle Padovani, traccia per la prima volta un quadro esauriente, e soprattutto supportato da fatti oggettivi e riscontrabili, per capire fino in fondo cos’è la mafia, al di fuori dell’iconografia classica che dipingeva la mafia con la coppola e la lupara. Cominciamo con il dire che non è un libro intervista ma un vero e proprio dialogo tra due grandi esperti di cose di mafia. Il primo, Pietro Grasso, Procuratore nazionale antimafia è l’uomo che ha scritto la motivazione della sentenza di primo grado del Maxiprocesso istruito da Giovanni Falcone, il secondo, Francesco La Licata, giornalista serio ed apprezzato si è sempre occupato di temi connessi alla comprensione del fenomeno mafioso. Un dialogo che diventa un vero e proprio confronto di idee e dal quale scaturisce un racconto che è un affresco degli ultimi quarant’anni di Cosa nostra. Il sottotitolo recita, la mafia prima e dopo Provenzano, e perciò fin dall’inizio si capisce che la narrazione è centrata sulla cattura dell’ultimo dei capi dei capi di Cosa Nostra, Zi Binnu. Il libro è perciò costruito come un viaggio nell’universo siciliano della mafia. E proprio come un viaggio ha una tappa da cui si parte ed una meta da raggiungere. La tappa da cui si parte è il Maxiprocesso della fine degli anni ottanta. Si può dire infatti che esiste una conoscenza della mafia prima del Maxi e una conoscenza totalmente diversa dopo il Maxi, così come esiste una mafia di prima del processo e una mafia che dopo il processo che cambia radicalmente il suo atteggiamento nei confronti dello Stato e muta, quasi geneticamente, anche il suo modo di rapportarsi alla politica. Grasso e La Licata accompagnano il lettore, anche quello meno preparato sui fatti di mafia, a comprendere il fenomeno entrando, capitolo dopo capitolo, sempre più al cuore delle questioni. E così si passa dalla cattura di Zi Binnu e alle tante notti di appostamento che sono state necessarie per catturarlo, a capire chi è stato realmente Bernardo Provengano attraverso i codici di mafia e le misure che, da capo dei capi, ha adottato nel corso di questi ultimi anni, dalla cattura di Totò Riina ad oggi. Ripercorrendo la catena del comando degli ultimi quarant’anni, dalla triade Stefano Bontade, Gaetano Badalementi e Luciano Liggio si passa gestione di Gaetano Badalementi come uomo solo al comando per poi arrivare al “papa” Michele Greco, in realtà “uomo di paglia” che agisce per nome e per conto dello stesso Provenzano e di Riina, si arriva fino alla gestione sanguinaria di Totò Riina e a quella della cosiddetta “mafia invisibile” di Bernando Provenzano. In questo suo mutare la mafia muta anche strategia nei confronti della società e nei confronti della politica. In questo suo mutare restano fermi alcuni punti, l’omertà come valore da difendere e la ricerca continua del consenso sociale. E qui ci sono dei passi straordinari che ci spiegano l’origine del consenso sociale di cui gode la mafia e come si alimenta. Ve ne propongo uno di questi. Racconta Grasso: “Nel corso di un interrogatorio a un a un collaboratore, reggente del mandamento di Palermo centro, in una pausa gli chiedo quasi per scherzo: “Ma quando finirà la mafia?” Come tutti i mafiosi, risponde con un aneddoto: “ Dottore, un mese prima di essere arrestato fui contattato nella latitanza da un giovane onesto e incensurato. Poteva avere vent’otto anni. Venne da me e mi raccontò che era scappato con la fidanzata e aveva una bambina di otto mesi che piangeva per la fame. Gli risposi di andare in un certo cantiere e rivolgersi a nome mio al costruttore, che certamente lo avrebbe assunto. Cosa che avvenne: ottenne il alvoro, anche se sottopagato e in nero. Dopo un certo tempo ritorna per dirmi: le sono grato, la mia bambina sta bene, mangia. Cosa posso fare per lei? E io gli dissi: dammi i tuoi documenti”. La parabola del pentito si chiude con questa osservazione: “Vede dottore, finchè quel ragazzo viene da me e non da voi, la mafia non finirà mai”. Il viaggio prosegue e ci conduce nei misteri e nei veleni del Palazzo, laddove per palazzo s’intende il palazzo di Giustizia di Palermo. E qui il libro si arricchisce della presenza del Giudice Giovanni Falcone che di quella stagione dei veleni fu la vittima più importante. Il viaggio si conclude quindi con un dialogo complessivo sulle mafie e sulla crisi della mafia di oggi. Come ha raccontato lo stesso Grasso la cattura di Provenzano è stata la liberazione da un incubo. La fine di un simbolo e dell’invincibilità della mafia. E soprattutto la fine di trent’anni di depistaggio. E rappresenta contestualmente la speranza, la speranza che cambiare si può e che lo Stato, quando è messo in condizioni di lavorare, è in grado di dare risposte veloci ed efficienti. Un libro nel libro è costituito dalla prefazione di Emanuele Macaluso. Un’autentica chicca per capacità di sintesi e per l’acutezza delle osservazioni che sono esposte. Non manca una polemica, non solo formale ma di sostanza con il Procuratore Pietro Grasso su alcune riforme del codice di procedura penale che a lascio al lettore il piacere di scoprire nel libro. Vi lascio invece con l’interrogativo che Macaluso pone in chiusura della sua prefazione. “Dal momento che non c’è soluzione di continuità nell’opera criminale di Cosa nostra, la quale mostra di essere in grado di mutare strategia, effettuare un ricambio nella cupola, reclutare nuove energie criminali, ottenere ancora complicità negli apparati statali e pubblici, annodare legami con la politica, condizionare ancora l’economia e la società, la domanda è: ci sono politiche capaci di riflettere su queste amare verità?”

    Se vuoi visitare la libreria di Oscar clicca qua:

    http://www.anobii.com/oscarb/books

    ha scritto il 

  • 3

    Grasso-Caselli 0-1

    Interessante soprattutto verso la fine, laddove Grasso cerca di spiegare il suo punto di vista sulla Procura da lui guidata, spesso posta in opposizione, e vista come "moderata" nel colpire i politici collusi, rispetto a quella di Giancarlo Caselli (un esempio su tutti, il processo istruito contr ...continua

    Interessante soprattutto verso la fine, laddove Grasso cerca di spiegare il suo punto di vista sulla Procura da lui guidata, spesso posta in opposizione, e vista come "moderata" nel colpire i politici collusi, rispetto a quella di Giancarlo Caselli (un esempio su tutti, il processo istruito contro Andreotti). Resta il fatto che per non far arrivare Caselli alla Procura Nazionale, Berlusconi ha fatto approvare ben 3 leggi contra-personam. Piero Grasso ce l'ha messo lo stesso B. Quindi mi fido poco, ma senza prove. Ma l'episodio contro Antonio Ingroia è una macchia indelebile.

    ha scritto il 

  • 0

    Pizzini veleni e cicoria, di Pietro Grasso e Francesco La Licata è un libro importante per capire il fenomeno mafioso. Per certi versi costituisce una prosecuzione del lavoro di Giovanni Falcone che in Cose di Cosa Nostra, il libro intervista con Marcelle Padovani, traccia per la prima volta un q ...continua

    Pizzini veleni e cicoria, di Pietro Grasso e Francesco La Licata è un libro importante per capire il fenomeno mafioso. Per certi versi costituisce una prosecuzione del lavoro di Giovanni Falcone che in Cose di Cosa Nostra, il libro intervista con Marcelle Padovani, traccia per la prima volta un quadro esauriente, e soprattutto supportato da fatti oggettivi e riscontrabili, per capire fino in fondo cos’è la mafia, al di fuori dell’iconografia classica che dipingeva la mafia con la coppola e la lupara.

    Continua su http://culturemetropolitane.ilcannocchiale.it/2007/10/29/pizzini_veleni_e_cicoria_pietr.html

    ha scritto il 

  • 4

    Francesco La Licata è un giornalista assai esperto di cose di mafia. Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, combatte la criminalità organizzata dall'inizio della sua carriera. Questo libro-intervista risulta interessante per una serie di aspetti: innanzitutto ci racconta in modo particol ...continua

    Francesco La Licata è un giornalista assai esperto di cose di mafia. Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, combatte la criminalità organizzata dall'inizio della sua carriera. Questo libro-intervista risulta interessante per una serie di aspetti: innanzitutto ci racconta in modo particolareggiato la psicologia di Bernardo Provenzano, con la modalità tipica di chi, pur trovandosi dalla parte della legge dello stato, ha dovuto quasi immedesimarsi nella mente del capo della mafia per anni e anni pur di giungere alla sua cattura. Grasso ridimensiona nettamente l'aura quasi positiva, di uomo moderato, che, secondo certe letture, ha circondato la figura di Binnu "'u tratturi". Ricostruisce la rete economica e sociale che nei decenni la mafia ha saputo costruire in Sicilia. Ad un certo punto, però, l'ottica del racconto si allarga, la narrazione tocca storie e personaggi molto lontani tra loro, che vanno da Salvatore Giuliano ai Lo Piccolo. Questo perché l'obiettivo di Grasso, aiutato dalle domande del giornalista, è quello di ripercorrere la storia degli ultimi cinquant'anni a Palermo da un punto di osservazione particolare: le finestre del Palazzo di Giustizia. In questo modo si rileggono tanti avvenimenti, in modo quasi inedito, si chiariscono incongruenze apparenti, si osservano giochi politici, colpi bassi, si annusano da vicino i famigerati "veleni" che tanto hanno intossicato la vita di Falcone.

    ha scritto il 

  • 4

    [...]"A mio parere, le persone investite di un ruolo pubblico non solo devono essere innocenti, ma lo devono apparire.
    Il giudizio morale e il giudizio storico spesso contano, nella politica, più di quello di un tribunale. Qual è il messaggio pervenuto alla società? Un implicito invito a
    ...continua

    [...]"A mio parere, le persone investite di un ruolo pubblico non solo devono essere innocenti, ma lo devono apparire.
    Il giudizio morale e il giudizio storico spesso contano, nella politica, più di quello di un tribunale. Qual è il messaggio pervenuto alla società? Un implicito invito a "continuare come sempre", colto dagli elettori che hanno riservato consensi notevoli anche a quei partiti che avevano presentato personaggi discutibili. Vedo un intreccio perverso: da una parte i partiti li candidano, dall'altra i cittadini li rivotano. Così si disconosce l'azione degli investigatori e della magistratura e si crea la logica aberrante secondo cui, se ho bisogno di favori nella mia attività imprenditoriale, non mi rimane che votare il più "esperto" dei candidati, cioè il più compromesso.

    (Pietro Grasso, Procuratore Nazionale Antimafia)

    ha scritto il