Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Player One

L’incredibile avventura di un ragazzo che deve salvare il mondo

Di

Editore: Isbn Edizioni

4.2
(998)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 640 | Formato: Cofanetto | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese , Polacco

Isbn-10: 8876382550 | Isbn-13: 9788876382550 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Laura Spini

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Computer & Technology , Games , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Player One?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il mondo è un brutto posto. Wade ha diciotto anni e trascorre le sue giornate in un universo virtuale chiamato OASIS, dove si fa amicizia, ci si innamora – si fa ciò che ormai è impossibile fare nel mondo reale, oppresso da guerre e carestie. Ma un giorno James Halliday, geniale creatore di OASIS, muore senza eredi. L’unico modo per salvare OASIS da una spietata multinazionale è metterlo in palio tra i suoi abitanti: a ereditarlo sarà il vincitore della più incredibile gara mai immaginata. Wade risolve quasi per caso il primo enigma, diventando di colpo, insieme ad alcuni amici, l’unica speranza dell’umanità. Sarà solo la prima di tante prove: recitare a memoria le battute di Wargames, penetrare nella Tyrell Corporation di Blade Runner, giocare la partita perfetta a Pac-Man, sfidare giganteschi robot giapponesi e così via, in una strabiliante rassegna di missioni di ogni tipo, ambientate nell’immaginario pop degli anni ’80, a cui OASIS è ispirato. Un romanzo da leggere tutto d’un fiato, un nuovo classico dell’avventura che presto diventerà un megafilm prodotto da Warner Bros.
Ordina per
  • 3

    Ready Player One es una novela que a pesar de que se basa en una idea muy atrayente y tiene una trama que por momentos engancha mucho, creo que no está hecha para mí. Eso sí, la historia es interesante, plagada de referencias a los años ochenta y con unas tramas y giros bastante buenos.


    ht ...continua

    Ready Player One es una novela que a pesar de que se basa en una idea muy atrayente y tiene una trama que por momentos engancha mucho, creo que no está hecha para mí. Eso sí, la historia es interesante, plagada de referencias a los años ochenta y con unas tramas y giros bastante buenos.

    http://lavidasecretadeloslibros.blogspot.com.es/2014/12/resena-ready-player-one-de-ernest-cline.html

    ha scritto il 

  • 5

    Voglio tornare agli anni '80

    Sono cresciuta con una sorella anni '80, che mi ha raccontato centinaia di aneddoti su quel periodo, che mia ha fatto ascoltare la musica e vedere pubblicità e i cartoni animati. Quindi, nonostante io sia nata dopo, mi sento parte integrante di quel meraviglioso decennio e con questo libro ho pot ...continua

    Sono cresciuta con una sorella anni '80, che mi ha raccontato centinaia di aneddoti su quel periodo, che mia ha fatto ascoltare la musica e vedere pubblicità e i cartoni animati. Quindi, nonostante io sia nata dopo, mi sento parte integrante di quel meraviglioso decennio e con questo libro ho potuto apprezzare ancora altre sfaccettature. La storia è davvero brillante, ingegnosa e curata nei minimi particolari, mettendo in evidenza pregi e difetti di un mondo totalmente scollegato dalla realtà di tutti i giorni. Riesce per davvero a farti sentire l'ansia della gara, fin quasi a farti credere di esserci tu sul tabellone segnapunti.
    Veramente una piccola perla per tutti coloro che hanno vissuto la loro adolescenza negli anni '80 o che, come me, si sentono particolarmente legati ad essi.

    ha scritto il 

  • 5

    Nostalgia anni '80

    Questo romanzo nasce come una sorta di distopico. Il mondo nel futuro non è un bel posto in cui vivere. Unica cosa che migliora la qualità della vita è il mondo vistuale di Oasis il cui creatore muore lanciando una quest: chi troverà le chiavi disseminate in Oasis erediterà tutto. Ci sono i fans, ...continua

    Questo romanzo nasce come una sorta di distopico. Il mondo nel futuro non è un bel posto in cui vivere. Unica cosa che migliora la qualità della vita è il mondo vistuale di Oasis il cui creatore muore lanciando una quest: chi troverà le chiavi disseminate in Oasis erediterà tutto. Ci sono i fans, che si lanciano nella sfida, ma anche una multinazionale che vuole appropriarsene per trasformarlo in un mondo per pochi, a pagamento. E sono pronti a tutto pur di vincere. Fin qui... La magia nasce quando la quest ha inizio con il ritrovamento della prima chiave da parte del protagonista. Si, perché la quest verte su tutto ciò che "il Creatore" ha amato nella sua vita e vi ritroverete proiettati in una magica riscoperta di films, serie tv, libri e quant'altro tipico degli anni '80... Libri game compresi. Io ero piccolina negli anni '80 ma ho riscoperto un mondo che mi mancava. Un piccolo capolavoro che piacerà ai nerd ma non solo... Imperdibile.

    ha scritto il 

  • 5

    Ready Player One ha sido la mayor sorpresa que me he llevado en éste 2014, un libro que ha apelado a mi lado más freak y me ha enganchado por completo a su trepidante narración.


    El planteamiento y el desarrollo del libro están muy bien, con ese personaje matado que de golpe se convierte en ...continua

    Ready Player One ha sido la mayor sorpresa que me he llevado en éste 2014, un libro que ha apelado a mi lado más freak y me ha enganchado por completo a su trepidante narración.

    El planteamiento y el desarrollo del libro están muy bien, con ese personaje matado que de golpe se convierte en alguien importante a nivel mundial, o con ese mundo artificial donde cualquier cosa es posible (desde recreaciones de los mundos de Star Wars hasta zonas con magia o rayos láser) es el sueño húmedo de cualquiera que haya jugado a MMORPG en algún momento. Porque quién no ha soñado poder moverse por un entorno hiper realista, sintiendo su entorno gracias a unos guantes y sin tener que usar más que unas gafas “normales”?

    Una aventura al más puro estilo goonies, una búsqueda del tesoro que supone un crecimiento personal del protagonista y de aquellos que le rodean, una lucha contra una megacorporación y escenas de acción sacadas de una mente totalmente enamorada de los clichés de los 80.

    La cantidad de referencias a la cultura de esos años es abrumadora (cansina para algunos), pero no tiene precio leer el libro mientras ponemos las canciones que se nombran (gracias youtube) y acompañamos al protagonista por su aventura.

    Un libro ligero, de fácil lectura, pero que no por ello deja de lado unas cuantas píldoras que uno no se espera, golpes al estómago que le dan una nueva dimensión a la narración y que hay en un par de momentos de la novela. Porque uno ya espera grandes escenas de acción o enfrentamientos contra los malos (aunque no a éstas escalas), pero los momentos más pequeños, como la amistad entre dos de los protagonistas, el nacimiento del primer amor u otros similares son elementos que hacen aún más grande a ésta novela.

    En mi opinión es un libro que nadie que lea éste blog debería perderse, una pequeña joyita que no me cansaré de recomendar en mi entorno. De esos libros que proporcionan diversión pura y dura, un festival para el que lo coja y se sumerja en su páginas.

    Un auténtico imprescindible y candidato a libro del año aquí, en el blog.

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura leggera e piacevole, seppur non troppo originale e a volte scontata nel suo svolgimento. Farà la gioia degli appassionati di videogiochi e degli anni '80.

    ha scritto il 

  • 5

    Ottimo

    Un tuffo nella mia infanzia. Ernest Cline gioca sporco e colpisce tutti i tasti giusti, giocando con icone degli anni 80 e mirando al cuore di qualsiasi geek. La scrittura è semplice e veloce, non stiamo parlando di Shakespeare ma si difende bene, e il ritmo è sempre molto alto, riuscendo ad inne ...continua

    Un tuffo nella mia infanzia. Ernest Cline gioca sporco e colpisce tutti i tasti giusti, giocando con icone degli anni 80 e mirando al cuore di qualsiasi geek. La scrittura è semplice e veloce, non stiamo parlando di Shakespeare ma si difende bene, e il ritmo è sempre molto alto, riuscendo ad innescare il desiderio di leggere il capitolo successivo alla fine di ognuno di questi.
    Il libro è consigliato a chiunque apprezzi la narrativa, e questo anche se non tutti potranno goderne appieno visto il particolare bagaglio culturale richiesto per notare tutti i dettagli e comprendere il setting. Ma assolutamente imprescindibile per chiunque abbia vissuto gli anni 80 da geek.

    ha scritto il 

  • 5

    non un libro eccelso, ma di sicuro il libro da leggere se si vuole passare delle ore divertenti e non si ha a disposizione abbastanza film per una maratona anni '80.

    ha scritto il 

  • 3

    Un bel tuffo nei ricordi targati anni '80

    Per l'esattezza il voto è di 3 stelle e mezza.


    Questo libro mi ha interessato subito, perchè è vero che io all'inizio degli anni '80 ero solo una bambina, ma la seconda metà l'ho vissuta proprio ben bene e ne ho ricordi vivissimi.


    Il romanzo è ambientato in un futuro a dir poco cata ...continua

    Per l'esattezza il voto è di 3 stelle e mezza.

    Questo libro mi ha interessato subito, perchè è vero che io all'inizio degli anni '80 ero solo una bambina, ma la seconda metà l'ho vissuta proprio ben bene e ne ho ricordi vivissimi.

    Il romanzo è ambientato in un futuro a dir poco catastrofico: nel 2045 sulla Terra si vive malissimo, tra povertà e inquinamento, e l'unico modo per evadere da questa realtà orribile è avere una vita parallela su OASIS, un mondo virtuale creato dal geniale programmatore informatico James Halliday.

    Ognuno può, grazie ad una consolle, un visore speciale e dei guanti aptici, accedere ad OASIS e crearsi l'identità che vuole. Ci sono scuole, case, negozi....di tutto, insomma.

    Quando Halliday muore, si apre una corsa all'oro. Cioè, Halliday lascia un testamento in cui stabilisce che l'eredità del suo mondo virtuale, che ha un valore stimato in milioni di dollari, andrà a chi riuscirà per primo a risolvere una serie difficilissima di enigmi i cui indizi sono disseminati in luoghi imprecisati dell'immenso universo di OASIS.

    Tutti gli enigmi sono basati sulla conoscenza di film, telefilm, letteratura e soprattutto giochi e videogiochi degli anni '80, di cui Halliday era un cultore.

    Per anni ci provano in tantissimi, sempre invano, fino a quando un ragazzo di 18 anni (Wade) seguito poi a ruota da altri 4, tra cui una ragazza, non riesce a risolvere il primo enigma e di lì a proseguire nella corsa al tesoro finale in una lotta senza tregua con i cattivi di turno, rappresentati dai dipendenti di una potentissima multinazionale che vuole ad ogni costo metetre le mani sull'eredità di Halliday.

    Senz'altro è un romanzo più adatto a giovani lettori per il tipo di storia, ma credo che un ragazzo degli anni 2000 poco si potrebbe entusiasmare per i continui riferimenti a tutto ciò che concerne gli anni '80, essendo un'epoca che non gli appartiene.

    A me il libro è piaciuto abbastanza, queste storie hanno una certa attrattiva per me, solo confesso di aver avuto un pò di difficoltà a seguire le pagine in cui ci si dilunga finanche troppo su particolari di videogames di cui non conoscevo l'esistenza, pur avendo vissuto gli anni '80 in prima persona.

    L'intreccio delle storie, in bilico tra il mondo reale e il mondo virtuale, è ben strutturato e comunque va dato atto all'autore di aver avuto davvero una bella fantasia!

    C'è anche una sfumatura rosa tra le pagine di Player One e non guasta, per lasciare un pò di spazio anche ai sentimenti oltre che all'avventura senza sosta.

    Non male, insomma, ma bisogna essere predisposti verso questo genere di storie, secondo me.

    ha scritto il 

  • 5

    "La condizione umana è uno schifo, per la maggior parte del tempo.
    I videogiochi sono l'unica cosa che rende la vita sopportabile."
    Almanacco di Anorak,
    Capitolo 91, Versi 1-2

    "Uscire di casa è altamente sopravvalutato."
    Almanacco di Anorak,
    Capitolo
    ...continua

    "La condizione umana è uno schifo, per la maggior parte del tempo.
    I videogiochi sono l'unica cosa che rende la vita sopportabile."
    Almanacco di Anorak,
    Capitolo 91, Versi 1-2

    "Uscire di casa è altamente sopravvalutato."
    Almanacco di Anorak,
    Capitolo 17, Verso 36

    Anche senza considerare tutte le bellissime citazioni sparse più o meno ovunque, con delle premesse del genere, qualcuno si stupisce che io abbia adorato questo libro?

    ha scritto il 

Ordina per