Pod kupolí

By

Publisher: Beta

3.9
(3230)

Language: Čech | Number of Pages: 942 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , English , Dutch , Spanish , German , Polish , Swedish , Hungarian , Portuguese , Chi traditional

Isbn-10: 8073064502 | Isbn-13: 9788073064501 | Publish date: 

Translator: Linda Bartošková ; Cover Design: Michal Kuba

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Pod kupolí ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Malé městečko odřízne od okolního světa neproniknutelná bariéra neznámého původu a obyvatelé jsou náhle ponecháni sami sobě. Ovzduší je postupně znečišťováno, zásoby se tenčí, energetické zdroje docházejí, pokusy o proražení bariéry jsou marné. Vláda státu, do něhož městečko náleží, je bez ohledu na veškeré své zdroje bezmocná a může pouze zvenčí přihlížet.
Místní radní s diktátorskými sklony si uvědomí příležitost konečně vyniknout a prokázat svému městečku dobro, samozřejmě podle svého nejlepšího vědomí a svědomí. Začne je řídit pevnou rukou - v této mimořádné situaci přece nemůže nic lepšího udělat, lidé silné vedení jistě ocení!
Další reálie příběhu - syn radního s nádorem na mozku, ilegální výrobna drog a jediná slyšitelná radiostanice, která vtlouká lidem do hlavy jen boží lásku - to jsou přísady, které působí jako katalyzátor už beztak výbušné situace, a my můžeme sledovat postupný rozklad lidského společenství, kde přestávají platit pravidla civilizace.
King nutí své postavy vydat ze sebe to nejlepší i nejhorší a výsledkem je mistrná studie lidské bezmoci, arogance a násilí.
Sorting by
  • 4

    Un King da non perdere

    Un bellissimo romanzo corale, massiccio (oltre 1000 pagine) ma che non deve spaventare dato che ha un buon ritmo incalzante. Assolutamente nulla a che vedere con la serie tv da cui si discosta in mani ...continue

    Un bellissimo romanzo corale, massiccio (oltre 1000 pagine) ma che non deve spaventare dato che ha un buon ritmo incalzante. Assolutamente nulla a che vedere con la serie tv da cui si discosta in maniera impressionante già dalle prime pagine. Per essere di King ci sono ben pochi elementi soprannaturali, a parte la cupola stessa, e molto di umano - decisamente più spaventoso. Consigliatissimo!

    said on 

  • 4

    http://www.scaffalivirtuali.altervista.org/php5/index.php?bookid=413

    É una tranquilla giornata nella cittadina di Chester's Mill, Maine, quando improvvisamente una cupola separa il centro abitato da d ...continue

    http://www.scaffalivirtuali.altervista.org/php5/index.php?bookid=413

    É una tranquilla giornata nella cittadina di Chester's Mill, Maine, quando improvvisamente una cupola separa il centro abitato da duemila anime da tutto il resto del mondo. L'amministrazione locale, composta da tre consiglieri, di cui due inetti e uno assetato di potere, porta allo sbando la cittadina. In pochi giorni scoppiano rivolte, persone vengono arrestate, altre vengono uccise, altre si suicidano. Un consigliere, soprannominato Big Jim, prende in mano la situazione imponendo con la forza scelte assurde, e arruolando nella polizia giovani inadatti che obbediscono solo a lui. Si genere una società distopica, in cui alcuni, un piccolo gruppo, cerca la soluzione per far sparire la cupola. Forse l'idea della cupola, come ciò che l'ha originata, non è originalissima, ma ciò che avviene dentro è capace di incollare il lettore a un libro lungo, ma che non è mai pesante. Non il miglior lavoro di questo autore, ma di sicuro un gran bel libro.

    said on 

  • 3

    L'ho letto tutto, ma che fatica! Parte bene per poi spegnersi piano, ma moooolto piano, con un finale in picchiata. Lo consiglio agli amanti di Steve come me, ma lasciatevelo tra i suoi ultimi per non ...continue

    L'ho letto tutto, ma che fatica! Parte bene per poi spegnersi piano, ma moooolto piano, con un finale in picchiata. Lo consiglio agli amanti di Steve come me, ma lasciatevelo tra i suoi ultimi per non perdere fiducia in lui.

    said on 

  • 4

    Bello.
    Prima mi ha semplicemente appassionato per la vicenda, ma più proseguivo, più la lettura sollecitava la riflessione sulle dinamiche di potere, su come le persone, quando sono in una folla, perd ...continue

    Bello.
    Prima mi ha semplicemente appassionato per la vicenda, ma più proseguivo, più la lettura sollecitava la riflessione sulle dinamiche di potere, su come le persone, quando sono in una folla, perdono il controllo e si comportano in modo diverso rispetto a quello che hanno sempre fatto, e su come lo stesso accada quando si viene posti di fronte al fatto che non si ha il controllo che si credeva di avere sulla propria vita. Ancor più interessante il tema che si solleva verso la fine, quello dell'empatia.
    Leggevo qualche mese fa (credo sull'Huffington Post) che leggere fa crescere nei lettori l'empatia, perché si impara a vivere attraverso gli occhi di qualcun altro. Be', questo romanzo di King ci ricorda che l'empatia è ciò che ci rende umani, ma non è una qualità completamente innata, è qualcosa a cui siamo predisposti, sì, ma anche qualcosa a cui dobbiamo essere educati, dal rapporto con altri, dalla società, dalla riflessione.
    Cercavo un romanzo (romanzone!: 900 pagine e rotti!) di svago, e l'ho trovato, ma ho anche trovato qualche cosa di più di un modo rilassante per passare alcune ore, e ne sono rimasta soddisfatta. Forse altri invece troveranno questo aspetto didascalico, e magari stucchevole, ma per me non è stato così.
    Già consideravo King un grande narratore, ora ho confermato la mia opinione, anche se The dome non è il migliore dei suoi romanzi, anche perchè, nonostante la Cupola, c'è pochissimo soprannaturale in questa storia. Ma va molto bene anche così.
    Inoltre ho apprezzato le citazioni di T.S.Eliot, almeno quelle da Waste land e The love song of J. Alfred Prufrock, che ho saputo riconoscere, ma ancora di più ho apprezzato che venga "citato" Jack Reacher! Fantastico!

    said on 

  • 3

    il bene ed il male, lo scontro. come nell'ombra dello scorpione. la differenza e' che qui siamo gomito a gomito, in un ambiente chiuso, un ring isolato dal resto del mondo. ci sono quelli che sono sta ...continue

    il bene ed il male, lo scontro. come nell'ombra dello scorpione. la differenza e' che qui siamo gomito a gomito, in un ambiente chiuso, un ring isolato dal resto del mondo. ci sono quelli che sono stati sopraffatti dal male, e non fanno altro che proseguire nel loro cammino malvagio. ci sono quelli che sono comunque stati lambiti dal male, il male li ha toccati, li ha tentati, ma ne hanno colto insegnamento, l'hanno combattuto ed hanno cambiato strada. 1000+ pagine dalla penna del Re per entrare in un incubo. quando ne sei dentro, vuoi arrivare in fondo e non ti stacchi piu'.

    said on 

  • 3

    Dico subito che la fine nn mi è piaciuta molto però il libro è bellissimo, fa subito capire la situazione critica che si vive sotto la cupola.Chi si lamenta del fatto che la serie TV sia diversa, e co ...continue

    Dico subito che la fine nn mi è piaciuta molto però il libro è bellissimo, fa subito capire la situazione critica che si vive sotto la cupola.Chi si lamenta del fatto che la serie TV sia diversa, e cose simili ... Merita di vivere per sempre sotto una cupola in modo che nn posso rompere le scatole al prossimo

    said on 

Sorting by