Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Poesie

Di

Editore: Mondadori

3.8
(141)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804447915 | Isbn-13: 9788804447917 | Data di pubblicazione:  | Edizione 12

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Poesie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    purtroppo e sottolineo purtroppo non ho avuto la lucidità di immedesimarmi in Hesse in queste poesie. le ho sentite molto personali e ho trovato sorprendente come lui riesca a diventare tutt'uno con la natura che lo circonda.

    ha scritto il 

  • 4

    Hesse e Goethe sono i soli a farmi dispiacere per la mia mancata conoscenza del tedesco (lingua che comunque non amo). Belle poesie, specialmente quelle sulla morte e sull'esistenza. Quelle d'amore invece sono troppo stucchevoli per i miei gusti.

    ha scritto il 

  • 4

    Keiner kennt dich, o Freund; weit hat die neuere Zeit / Sich von Griechenlands stillen Zaubern entfernt, / Ohne Gebet und entgöttert / Wandelt nüchtern das Volk im Staub.

    ha scritto il 

  • 4

    Nella Nebbia

    Strano, vagare nella nebbia!
    E' solo ogni cespuglio ed ogni pietra,
    né gli alberi si scorgono tra loro,
    ognuno è solo.


    Pieno di amici mi appariva il mondo
    quando era la mia vita ancora chiara;
    adesso che la nebbia cala
    non ne vedo più alcuno.


    Saggio non è nessuno
    che non conosca il ...continua

    Strano, vagare nella nebbia! E' solo ogni cespuglio ed ogni pietra, né gli alberi si scorgono tra loro, ognuno è solo.

    Pieno di amici mi appariva il mondo quando era la mia vita ancora chiara; adesso che la nebbia cala non ne vedo più alcuno.

    Saggio non è nessuno che non conosca il buio che lieve ed implacabile lo separa da tutti.

    Strano, vagare nella nebbia! Vivere è solitudine. Nessun essere conosce l'altro, ognuno è solo.

    ha scritto il 

  • 3

    Agghiacciante colloquio di orologio e ragnatela alla parete,
    il vento sembra svellere le imposte,
    le mie candele vacillanti sono
    già bruciate e consunte.
    Non c’è più vino nel bicchiere
    Ombre in ogni angolo
    Che protendono verso me le lunghe dita.

    Come nel tempo ...continua

    Agghiacciante colloquio di orologio e ragnatela alla parete,
    il vento sembra svellere le imposte,
    le mie candele vacillanti sono
    già bruciate e consunte.
    Non c’è più vino nel bicchiere
    Ombre in ogni angolo
    Che protendono verso me le lunghe dita.

    Come nel tempo della fanciullezza
    Chiudo gli occhi e respiro con affanno,
    sulla seggiola mi trattiene la paura rannicchiato.
    Ma non giunge la madre,
    non la buona fanciulla che sgridava
    e prendendomi in braccio rischiarava per me col suo conforto
    il mondo dolcemente dissolvendo il maleficio.
    A lungo me ne resto rannicchiato nella tenebra,
    odo il vento sul tetto, scricchiolare la morte nei muri,

    odo sabbia colare dietro i tappeti
    odo la morte tessere con dita di gelo,
    spalanco gli occhi, vorrei vederla, afferrarla,
    guardo nel vuoto e la sento lontana
    sibilar piano con labbra beffarde,
    brancolo a letto. Oh se potessi dormire!
    Ma il sonno è un timido uccello
    Difficile a prendersi, a tenersi, facile ucciderlo;
    fischiando compie, colma la voce di amaro scherno,
    il volo suo ronzante nel vento furioso.

    ha scritto il 

  • 4

    Hesse romanziere spiega la dicotomia tra spirituale e materiale, raggiunge la sua massima espressione e sintesi in Siddharta. Hesse poeta è da rivalutare è imprevedibile più complesso.

    ha scritto il 

Ordina per