Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Poesie

By Vittorio Sereni

(69)

| Others | 9788806174392

Like Poesie ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Per Sereni l'esistenza è una storia sempre in movimento che si rivolge alpassato e si proietta nel futuro. Ogni situazione è una somma di situazioni eogni luogo è una somma di luoghi. C'è un dialogo incessante che si snoda Continue

Per Sereni l'esistenza è una storia sempre in movimento che si rivolge alpassato e si proietta nel futuro. Ogni situazione è una somma di situazioni eogni luogo è una somma di luoghi. C'è un dialogo incessante che si snoda nellesue quattro raccolte e nei quarant'anni che separano la prima dall'ultima: daiversi di "Frontiera", espressione di una vocazione giovanile, attraverso"Diario di Algeria", frutto doloroso dell'esperienza della guerra e dellaprigionia e "Gli strumenti umani", una risposta alla crisi dellaNeoavanguardia, fino a "Stella variabile" che precedette di un anno soltantola scomparsa del poeta.

12 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La poesia di Vittorio Sereni. Un disincanto che si fa certezza

    La visuale da cui Sereni parte per comporre le sue poesie è sempre quella distaccata del "reduce", di chi cioè sconta il proprio destino costretto a vivere in maniera asincrona, non perfettamente corrispondente alla realtà che lo circonda. Eppure i s ...(continue)

    La visuale da cui Sereni parte per comporre le sue poesie è sempre quella distaccata del "reduce", di chi cioè sconta il proprio destino costretto a vivere in maniera asincrona, non perfettamente corrispondente alla realtà che lo circonda. Eppure i suoi componimenti sono profondissimi, a volte laceranti, a volte lievi, ma ogni parola (che si percepisce studiata e limata fino all'impossibile) non è mai inutile o mal posta. Le speranze "private" sembrano coincidere con quelle collettive, con l'ansia, che anima tutti, di realizzare in concreto gli ideali incarnati da chi voleva (e forse vuole ancora) una società migliore che sappia traguardare verso un domani più libero, più giusto, più onesto. Forse però quella stagione delle speranze (così ben incarnata, con tutti i distinguo necessari, dalla raccolta centrale "Gli strumenti umani"), appare ormai perduta se si leggono le liriche più disincantate e nostalgiche dell'ultimo lavoro di Sereni "Stella variabile", che pare annunciare i presagi di più decisive sconfitte, sul piano personale e sul piano collettivo, tanto che al poeta pare non restare altro che autoisolarsi e invocare amore e amicizia da chi gli rimane fedele compagno. Non troveremo però nelle ultime poesie di Sereni un giudizio tagliente sull'attualità sociale e politica, non era nel suo stile. È il suo silenzio che reca un giudizio, è quel suo scrivere "in negativo" un implicito giudizio su quel che resta dei sogni perduti. E quell'ultima poesia che ci ha lasciato, dedicata proprio al suo ultimo genetliaco, è sintomatica della sua bruciante, cólta e perfetta disillusione: "A fine luglio quando / da sotto le pergole di un bar di San Siro / tra cancellate e fornici si intravede / un qualche spicchio dello stadio assolato / quando trasecola il gran catino vuoto / a specchio del tempo sperperato e pare / che proprio lì venga a morire un anno / e non si sa che altro un altro anno prepari / passiamola questa soglia una volta di più / sol che regga a quei marosi di città il tuo cuore / e un'ardesia propaghi il colore dell'estate. ("Altro compleanno"). Voto finale: 10

    Is this helpful?

    CarmelaMatano said on Dec 5, 2013 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    "Ma dimmi una sola parola
    e serena sarà l'anima mia"

    "Sappi - disse ieri lasciandomi qualcuno -
    sappilo che non finisce quì.
    di momento in momento credici a quell'altra vita,
    di costa in costa aspettala e verrà
    come di là dal valico un ritor ...(continue)

    "Ma dimmi una sola parola
    e serena sarà l'anima mia"

    "Sappi - disse ieri lasciandomi qualcuno -
    sappilo che non finisce quì.
    di momento in momento credici a quell'altra vita,
    di costa in costa aspettala e verrà
    come di là dal valico un ritorno d'estate."

    Is this helpful?

    angelus novus said on Feb 11, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi c'è voluto tanto tempo per capirti e entrare in sintonia con te, Vittorio, ma ne è valsa la pena. Le tue poesie sono da scoprire ogni volta, Diario d'Algeria è la traccia di un destino che poteva e voleva andare diversamente, Visita in Fabbrica è ...(continue)

    Mi c'è voluto tanto tempo per capirti e entrare in sintonia con te, Vittorio, ma ne è valsa la pena. Le tue poesie sono da scoprire ogni volta, Diario d'Algeria è la traccia di un destino che poteva e voleva andare diversamente, Visita in Fabbrica è la speranza di un futuro diverso da quello che si profilava negli anni '50, Appuntamento a ora insolita rappresenta anche la mia speranza.

    Is this helpful?

    Suziefirth1 said on Feb 22, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    sentimenti e quotidianità nelle poesie di questo autore.

    Is this helpful?

    Silvia G said on Oct 19, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Imprescindibile in ogni libreria che si rispetti.
    Da leggere e rileggere.

    Is this helpful?

    Dylan said on Aug 8, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Però... che tristezza. Madonna mia.

    Is this helpful?

    Lucio said on Oct 25, 2008 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (69)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Others 220 Pages
  • ISBN-10: 8806174398
  • ISBN-13: 9788806174392
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2005-01-01
  • Also available as: Boxset
Improve_data of this book