Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Poesie

By Jules Laforgue

(88)

| Others | 9788881836147

Like Poesie ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nel panorama della poesia francese quella di Jules Laforgue è una delle vocipiù originali e rilevanti. Decisiva la sua influenza sugli autori delNovecento: Montale accolse gli innovati esperimenti linguistici e stilisticidi Laforgue, T. Continue

Nel panorama della poesia francese quella di Jules Laforgue è una delle vocipiù originali e rilevanti. Decisiva la sua influenza sugli autori delNovecento: Montale accolse gli innovati esperimenti linguistici e stilisticidi Laforgue, T. S. Eliot le suggestioni di uno stile poetico attento allasofferenza minuta della quotidianità. Lontano dal simbolismo dogmatico,Laforgue ne visse uno personalissimo, pervaso di acuto scetticismo e diun'ironia capace di sfumare delicatamente la sua vena sentimentale.

5 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    l'ISBN (pron. /'izbn/, ovviamente) è questo, ma l'edizione invero è un'altra. misteri del motore di ricerca, comunque chissenefrega. voto 5 e spero si capisca che un 5 dato a Laforgue ha un peso diverso del 5 dato ai coniglietti suicidi. quest'autore ...(continue)

    l'ISBN (pron. /'izbn/, ovviamente) è questo, ma l'edizione invero è un'altra. misteri del motore di ricerca, comunque chissenefrega. voto 5 e spero si capisca che un 5 dato a Laforgue ha un peso diverso del 5 dato ai coniglietti suicidi. quest'autore è mio fratello.

    Is this helpful?

    JSRitchie said on Mar 17, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pas d'absolu; des compromis


    Au clair de la lune,
    Mon ami Pierrot,
    Filons, en costume,
    Présider là-haut !
    Ma cervelle est morte.
    Que le Christ l'emporte !
    Béons à la lune,
    La bouche en zéro.

    La - for - gue. In questo sillabar ...(continue)


    Au clair de la lune,
    Mon ami Pierrot,
    Filons, en costume,
    Présider là-haut !
    Ma cervelle est morte.
    Que le Christ l'emporte !
    Béons à la lune,
    La bouche en zéro.

    La - for - gue. In questo sillabare lento e melanconico sgocciola come un fiore sgualcito il decadentismo misogeno di questa figura triste, timorosa dell'amore, refrattaria alle passioni.

    Sua ispirazione la luna, suo simulacro il pierrot. Tristi e baganti i paesaggi, melanconiche le città.

    C'est la toux dans les dortoirs du lycée qui rentre,
    C'est la tisane sans le foyer,
    La phtisie pulmonaire attristant le quartier,
    Et toute la misère des grands centres.

    Oltre la Berlino mal sopportata, oltre la malattia, oltre il quotidiano sopravvivere, immanente in tutto il tema dell'amore, la paura della donna, l'incapacità di accettare il medesimo denominatore delle pulsioni umane.

    Nous nous aimions comme deux fous,
    On s'est quitté sans en parler,
    Un spleen me tenait exilé,
    Et ce spleen me venait de tout. Bon.

    A guidare la mano del poeta, a condurne il pensiero, il suo credo nell'Incosciente.

    Que votre inconsciente Volonté
    Soit faite dans l'Éternité !

    [...]

    Non, rien ; délivrez-nous de la pensée,
    Lèpre originelle, ivresse insensée,

    Radeau du mal et de l'exil;
    Ainsi soit-il.

    Is this helpful?

    laGinestra said on Apr 10, 2009 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    E’ l’ora in cui si prega nei collegi e i viali
    Popola la città con le ombre fatali
    Di gelide fanciulle che al lume dei fanali
    Fiutano con lo sguardo gli sposi occasionali.

    Is this helpful?

    Luca Leone said on Nov 1, 2008 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Jules Laforgue è in perenne fuga da se stesso, dal mondo, dalle donne, dal lettore che egli vuole stupire sconcertare con gli arditi giochi di parole (sangsuel, viollupté, sexciproque), col silenzio che soggiace, nelle sue liriche, allo scherzo, a ...(continue)

    Jules Laforgue è in perenne fuga da se stesso, dal mondo, dalle donne, dal lettore che egli vuole stupire sconcertare con gli arditi giochi di parole (sangsuel, viollupté, sexciproque), col silenzio che soggiace, nelle sue liriche, allo scherzo, al sorriso alla malinconia e alla stanchezza esistenziale. La poetica decadente di Laforgue muove dall'impossibilità - intensamente vissuta - di raggiungere l'ideale romanticismo della purezza e si colora di ironia, talvolta fino al sarcasmo, quando il poeta Pierrot accetta per un istante di partecipare alla realtà... da L'Indice, 1987

    Is this helpful?

    Annarita said on Oct 25, 2008 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    'L'anima del vento gorgoglia nei camini...
    L'anima del vento secondo il suo stile
    si lamenta; si faccia avanti Aprile
    dell'anno nuovo, avrà altre canzoni!...
    E' forse una lezione
    la tua, o vento che gorgogli nei camini?'

    < ...(continue)

    'L'anima del vento gorgoglia nei camini...
    L'anima del vento secondo il suo stile
    si lamenta; si faccia avanti Aprile
    dell'anno nuovo, avrà altre canzoni!...
    E' forse una lezione
    la tua, o vento che gorgogli nei camini?'

    da 'Domeniche'

    julies laforgue

    Is this helpful?

    giuse alemanno said on Sep 23, 2007 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (88)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 240 Pages
  • ISBN-10: 8881836149
  • ISBN-13: 9788881836147
  • Publisher: Newton & Compton
  • Publish date: 1997-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover
Improve_data of this book