Poesie (1923-1976)

Testo spagnolo a fronte

Voto medio di 192
| 24 contributi totali di cui 19 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Crashin' steel
Ha scritto il 26/12/17
C'è da dire, preferisco molto il Borges in prosa. Eppure le poesie conservano quell'accenno di infinito che mi aveva fatto innamorare dei suoi racconti. Ciò che fa di Borges Borges è però qui sparso, magmatico, informe. Suggerisce mille cose, accenna...Continua
Elisa Lai
Ha scritto il 14/04/12
Datemi un rastrellino
Stanotte, appena chiuso il libro, son rimasta ore e ore a rigirarmi nel letto assalita da orde di pensieri appallottolati. Perché Borges ha colpito nel segno, in quel modo delicato ma preciso con cui nei cartoni animati una freccia colpisce il centro...Continua
  • 8 mi piace
  • 4 commenti
Encantaria
Ha scritto il 19/12/11
L'orologio a sabbia E' giusto che si misuri con la dura ombra che una colonna getta d'estate oppure con le acque di quel fiume nel quale Eraclito vide la nostra follia,...Continua
  • 5 mi piace
Keiko
Ha scritto il 19/11/11
Amare Borges...
... significa prima di tutto amare la letteratura e la storia. Amare la sua poesia, significa fare i conti con una biografia forte, con il ritratto di un uomo per il quale gli studi sono tutto. Un autore che in Italia è sconosciuto, che ho avuto il p...Continua
Raflesia
Ha scritto il 04/11/11
I giusti Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire. Chi è contento che sulla terra esista la musica. Chi scopre con piacere una etimologia. Due impiegati che in un caffè del sud giocano in silenzio agli scacchi. Il ceramista che preme...Continua
  • 1 mi piace

Kobayashi
Ha scritto il Feb 05, 2012, 18:08
SPINOZA Le traslucide mani dell'ebreo sfaccettano nella penombra i cristalli e la sera che muore è paura e freddo. (Le sere alle sere sono uguali). Le mani e lo spazio di giacinto che impallidisce sul confine del Ghetto quasi non esistono per l'uom...Continua
Pag. 201
Kobayashi
Ha scritto il Feb 05, 2012, 18:04
ARTE POETICA Guardare il fiume fatto di tempo e di acqua e ricordare che il tempo è un altro fiume, sapere che ci perdiamo come il fiume e che i visi passano come l'acqua. Sentire che la veglia è un altro sonno che sogna di non sognare e che la mort...Continua
Pag. 149
Kobayashi
Ha scritto il Feb 05, 2012, 18:04
da ARIOSTO E GLI ARABI Nessuno può scrivere un libro. Perché un libro esista veramente ci vogliono l'aurora e il tramonto, secoli, armi e il mare che unisce e separa. Così pensò Ariosto, che al piacere lento si diede, nell'ozio di sentieri con chiar...Continua
Pag. 133
Kobayashi
Ha scritto il Feb 05, 2012, 18:03
RIGHE CHE POSSO AVER SCRITTO E PERDUTO VERSO IL 1922 Silenziose battaglie del tramonto in periferie ultime, sempre antiche sconfitte di una guerra nel cielo, albe rovinose che ci arrivano dal fondo deserto dello spazio come dal fondo del tempo, neri...Continua
Pag. 69
Kobayashi
Ha scritto il Feb 05, 2012, 18:03
IL SUR Da uno dei tuoi cortili aver guardato le antiche stelle, dalla panchina dell'ombra aver guardato quelle luci disperse che la mia ignoranza non ha imparato a nominare né a ordinare in costellazioni, aver sentito il cerchio dell'acqua nella seg...Continua
Pag. 59

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi