Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Poesie (1924-1964)

La grande poesia, 2

By Pablo Neruda

(390)

| Hardcover

Like Poesie (1924-1964) ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Con testo originale a fronte.

Il poeta cileno Pablo Neruda (1904-1973), Premio Nobel per la letteratura nel 1971, attraversa con la sua opera la vicenda culturale e politica del XX secolo. Cresciuto nel selvaggio Cile meridionale, dopo gli studi u Continue

Con testo originale a fronte.

Il poeta cileno Pablo Neruda (1904-1973), Premio Nobel per la letteratura nel 1971, attraversa con la sua opera la vicenda culturale e politica del XX secolo. Cresciuto nel selvaggio Cile meridionale, dopo gli studi universitari a Santiago percorre il mondo con incarichi diplomatici. È per alcuni anni in Estremo Oriente, quindi in Spagna, dove conosce García Lorca e, con il manifesto Per una poesia senza purezza (1935), apre nuove prospettive alla creazione artistica. La guerra civile spagnola e la seconda guerra mondiale vedono il suo instancabile impegno nell’opposizione al fascismo in Europa e in America e nella lotta per la liberazione degli oppressi. Senza mai risparmiarsi né come politico (nel 1945 è senatore, e alcuni anni più tardi patisce l’esilio) né come poeta, compone con entusiasmo creativo sempre rinnovato un’opera immensa, in cui la tensione ideologica non sacrifica il lirismo e la potenza immaginifica, né l’aspirazione a valori collettivi annulla l’irripetibile unicità dell’individuo. Anche il Cile di Salvador Allende vede Neruda in prima linea; la sua morte, alla fine di settembre del 1973, pochi giorni dopo il golpe militare di Pinochet, assumerà un valore altamente simbolico.

Dopo il fascino esercitato sui lettori negli anni Cinquanta e Sessanta, la poesia di Pablo Neruda conosce un enorme successo anche sull’onda dell’emozione suscitata dal dramma politico cileno, fino a configurarsi come un vero e proprio fenomeno di massa, che al poeta non sarebbe certo spiaciuto. Dai giovanili Venti poemi d’amore e una canzone disperata del 1924 al Memoriale di Isla Negra di quarant’anni dopo, bilancio della propria esperienza umana e intellettuale; dalle tragiche Residenze sulla terra degli anni Trenta all’epicità del Canto generale del 1950, grandiosa ricostruzione personale della storia americana; dagli oggetti poetici e dai sentimenti quotidiani delle Odi elementari allo humour dello Stravagario, la versatile voce poetica di Pablo Neruda è antologizzata in questo volume. Dominata dallo slancio amoroso e dall’impegno civile, sempre generosa di sé, la poesia del grande poeta latinoamericano continua a parlare agli uomini capaci di commuoversi di fronte alla natura, alle battaglie della storia e all’infinito del sentimento.

54 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La poesia

    Accadde in quell'età...La poesia
    venne a cercarmi. Non so da dove
    sia uscita, da inverno o fiume.
    Non so come né quando,
    no, non erano voci, non erano
    parole, né silenzio,
    ma da una strada mi chiamava,
    dai rami della notte ...(continue)

    La poesia

    Accadde in quell'età...La poesia
    venne a cercarmi. Non so da dove
    sia uscita, da inverno o fiume.
    Non so come né quando,
    no, non erano voci, non erano
    parole, né silenzio,
    ma da una strada mi chiamava,
    dai rami della notte,
    bruscamente fra gli altri,
    fra violente fiamme
    o ritornando solo,
    era lì senza volto
    e mi toccava.

    Non sapevo che dire, la mia bocca
    non sapeva
    nominare,
    i miei occhi erano ciechi,
    e qualcosa batteva nel mio cuore,
    febbre o ali perdute,
    e mi feci solo,
    decifrando
    quella bruciatura,
    e scrissi la prima riga incerta,
    vaga, senza corpo, pura
    sciocchezza,
    pura saggezza
    di chi non sa nulla,
    e vidi all'improvviso
    il cielo
    sgranato
    e aperto,
    pianeti,
    piantagioni palpitanti,
    ombra ferita,
    crivellata
    da frecce, fuoco e fiori,
    la notte travolgente, l'universo.

    Ed io, minimo essere,
    ebbro del grande vuoto
    costellato,
    a somiglianza, a immagine
    del mistero,
    mi sentii pura
    dell'abisso,
    ruotai con le stelle,
    il mio cuore si sparpagliò nel vento.

    Pablo Neruda

    Is this helpful?

    ♥ƸӜƷ♥ Vany/Angelica ♥ƸӜƷ♥ said on Jan 13, 2014 | Add your feedback

  • 10 people find this helpful

    Quasimodo per Neruda

    Un Neruda in forma smagliante e “saporita”, quando è reso dalla competente penna di Salvatore Quasimodo. Un poeta che restituisce un poeta, con franchezza, senza travisarne l’essenza o riscriverlo secondo il proprio estro bizzarro - i.e. Kavafis rimo ...(continue)

    Un Neruda in forma smagliante e “saporita”, quando è reso dalla competente penna di Salvatore Quasimodo. Un poeta che restituisce un poeta, con franchezza, senza travisarne l’essenza o riscriverlo secondo il proprio estro bizzarro - i.e. Kavafis rimodulato da Ceronetti, magia non pervenuta. Peccato per la scelta dei componimenti di questa piccola antologia; amo il Neruda grondante amore e sentimenti, dalla folgorante passionalità (20 Poemas de Amor, che già avevo dis-gustato in un’altra sgangherata traduzione), mentre le poesie tratte dal Canto General de Chile o España en el corazón non mi hanno particolarmente conquistato, nonostante la nitida forza espressiva dei versi nerudiani.

    Is this helpful?

    Krodì80 said on Aug 15, 2013 | 5 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Non me la sento di mettere un voto ne scrivere un commento, ho letto queste poesie con un po' di disattenzione.
    Mi sono piaciute molto "Il grande Oceano" e "Ode al carciofo".

    "La gente percorre il mondo, di questi tempi,
    senza neanche ricordare di p ...(continue)

    Non me la sento di mettere un voto ne scrivere un commento, ho letto queste poesie con un po' di disattenzione.
    Mi sono piaciute molto "Il grande Oceano" e "Ode al carciofo".

    "La gente percorre il mondo, di questi tempi,
    senza neanche ricordare di possedere un corpo che ha
    vita,
    e c'è paura nel mondo, c'è paura della parole che
    designano il corpo..."

    Is this helpful?

    Giannina said on Dec 21, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non riesco a dargli cinque stelline solo perchè secondo me non sono queste le poesie migliori di Neruda, ma probabilmente sono io troppo di parte dato che sono una fan sfegatata delle sue poesie d'amore, che sono pochine in questo libro.
    Le ho trova ...(continue)

    Non riesco a dargli cinque stelline solo perchè secondo me non sono queste le poesie migliori di Neruda, ma probabilmente sono io troppo di parte dato che sono una fan sfegatata delle sue poesie d'amore, che sono pochine in questo libro.
    Le ho trovate lo stesso molto belle e mi è sembrata interessante anche l'introduzione.

    Is this helpful?

    Hesperia said on Oct 23, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Superfluo

    Ogni parola per recensire un libro di poesie di Neruda è superflua oltre chi difficile da trovare. Stupendo.

    Is this helpful?

    MisterEdo said on Jun 26, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book