Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Poesie antirughe

Di

Editore: Neo Edizioni

4.3
(21)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 132 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8896176085 | Isbn-13: 9788896176085 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Poesie antirughe?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
“Le rughe dovrebbero semplicemente indicare il posto dove erano i sorrisi” (Mark Twain)
Sorridere è ridere senza far rumore. Un esercizio del viso e dello spirito, minimo e, in entrambi i casi, salutare e cosmetico.
Sorridere di giorni inventati; di amori che, come cani, riportano piccioni raccolti per strada; di calzini appaiati, smarriti se lasciati da soli; di abiti che se interrogati, rispondono; di una nonna che fa la rana e di una vagina che si dà nomi.
Farlo sull’amore, che nasce e che muore; sulla parola futuro così difficile da sistemare nelle nostre vite; sulla fine del mondo che improvvisamente senti e poi tutto torna come prima.
Se è vero che le parole vestono il mondo, sta a noi scegliere quelle che vogliamo. Oppure, prenderle in prestito da questo libro, dove il mondo appare diverso: scanzonato, divertito, leggero, pop. Un mondo oltre le righe, in cui il buio è meno scuro e la luce è accogliente. Un mondo con meno rughe che, a ben vedere, è lo stesso che abitiamo.
Versi liberi e guizzanti, quelli di Alessandra Racca, che fanno compagnia come le piccole verità.
“Le rughe dovrebbero semplicemente indicare il posto dove erano i sorrisi”
(Mark Twain)
Alessandra Racca nasce sotto la Mole Antonelliana alla fine degli anni Settanta, l’ultimo anno disponibile per poter dire di non essere nata negli anni Ottanta. Studia teatro e sceneggiatura, fa a cazzotti con il mondo del lavoro, scrive, cerca. E ad un certo punto trova: la “Signora dei Calzini”, un alter ego poetico che le presta voce, corpo e poesia. Nasce l’esperienza delle poesie lette in pubblico: dal 2007 Alessandra Racca, divenuta “Signora dei Calzini”, porta nelle librerie, circoli, teatri e luoghi fumosi, performance (“Nostra signora dei calzini”, “Eroticismi” e “Non mi rompere: parole e musiche per donne di coccio” - insieme alla cantautrice Chiara Raggi) che mescolano poesia, teatralità e ironia. Le poesie di Alessandra Racca sono state pubblicate in raccolte collettive e su riviste. Autrice del blog www.signoradeicalzini.it, è organizzatrice - insieme ai poeti Guido Catalano e Arsenio Bravuomo – dei tornei di poetry slam e di story slam “Poeti in Lizza” e “Storie in Lizza”, dedicati alla poesia orale e alle storie narrate in pubblico. Nel 2008 ha pubblicato Nostra signora dei calzini (Edizioni Seed). Poesie antirughe è il suo secondo libro.
Ordina per
  • 5

    Immediatezza. Dolcezza e ironia, attimi di vita e pensieri fuggevoli, mestizia e allegria. La poesia di Alessandra Racca è tutto questo, ben miscelato. Ascoltare l'autrice leggere i suoi versi, poi, dà un valore aggiunto alla piccola raccolta.

    ha scritto il 

  • 5

    Recensione pubblicata su lankelot.eu

    “un poeta è difficile dire cos’è.
    un poeta vede le cose.
    un editore indipendente è un coraggioso.
    un editore indipendente che pubblica poesia è un visionario.
    i coraggiosi e i visionari servono a questo mondo molto più delle creme antirughe.
    gli editori che pubblicano bei libri servono a questo m ...continua

    “un poeta è difficile dire cos’è. un poeta vede le cose. un editore indipendente è un coraggioso. un editore indipendente che pubblica poesia è un visionario. i coraggiosi e i visionari servono a questo mondo molto più delle creme antirughe. gli editori che pubblicano bei libri servono a questo mondo molto più delle creme antirughe. io faccio uso di creme antirughe e scrivo poesie. a volte sono coraggiosa. i bravi poeti servono a questo mondo più delle creme antirughe. se io sono poeta e brava lo dovete decidere voi. io continuerò comunque a fare uso di creme antirughe” [Alessandra Racca].

    ** A me bastano quelle poche righe, quei pochi versi che ho appena riferito e fedelmente trascritto, per decidere che questo è un libro da leggere, e questa è una storia da raccontare. Sin qua non avevo mai sentito parlare dell'autrice, la piemontese Alessandra Racca, classe 1979; in compenso, avevo apprezzato le poche e sceltissime pubblicazioni del suo editore, la Neo di Castel di Sangro. Ed è stato proprio per via di uno degli eventi letterari, organizzati con allegria e con passione dai giovani idealisti che animano la Neo, che mi sono ritrovato per le mani questo libro. Sulle prime: oggetto non identificato, molto colorato. Troppo colorato. La copertina di Alessandra Dalessandro mi cattura per un po', associazioni di idee sparse – un vecchio video degli Air, una vecchia pubblicità delle Big Babol negli anni Ottanta, un disegno di Rita Petruccioli, cose così. Infilo il libro in tasca, lo lascio per qualche giorno sulla scrivania.

    Oggi identifico l'oggetto misterioso. Chi è Alessandra Racca? Una che, dice la bandella, ha fatto a cazzotti col mondo del lavoro, ha scritto, ha studiato teatro, ha cercato. E poi ha trovato un'identità: “la Signora dei Calzini, un alter ego poetico che le presta voce, corpo e poesia”. E così, dal 2007, ha portato con sé, per piccole librerie e circoli più o meno oscuri, la sua arte: andava leggendo i suoi versi, pubblicati per blog, riviste indipendenti, le solite evitabili antologie, e via dicendo. Poi ha esordito, pubblicando “Nostra signora dei calzini”, per le misconosciute edizioni Seed. Era il 2008. E adesso eccoci qua.

    Eccoci qua. Il libro è dedicato alle amiche dell'autrice. “Ai loro visi / ai segni sapienti / dei nostri sorrisi”. Che i sorrisi abbiano segni sapienti è un segreto rivelato soltanto da chi ha conosciuto a fondo la sofferenza e la tristezza; ma una volta interiorizzato quel segreto mai più t'abbandona.

    Apriamo l'indice, ora. “Poesie antirughe” è suddiviso in quattro sezioni: “Le ragazze sorridono nel sonno”, “L'amore ai tempi dei licantropi”, “Certe volte anche i pesci sprofondano” e “Settenane”. I titoli delle sezioni sono veramente divertenti: sanno incuriosire. Sanno richiamare. Ben fatto.

    Entriamo nel libro. La Racca ha una scrittura molto sensuale, musicale e naturale. Scorre come acqua. E nella poesia “Natante” scrive e canta: “Non c'è nulla di più potente dell'acqua, sai? / Né fuoco, né vento, né terremoto. / E un tempo, si sa / la vita prese ad agitarsi nell'acqua. / Piove e questa stanza è piena d'acqua [...]” [p. 15]. Notevole. Il primo omaggio esplicito a un'artista contemporanea arriva all'altezza di “Senz'altro molto chic”, pagina 21, laddove campeggiano versi di Patrizia Cavalli, amari e satirici. La commistione di tristezza e di voglia di vivere è decisamente la cifra stilistica essenziale di questo testo. È una malinconia bella che fa pensare all'artista, in “Mappa”, che le viene voglia d'invecchiare prima e di farsi “d'improvviso antica e rugosa”, per vedere che succede, cosa c'è dopo, cosa può capitare: “dove sbucano certe salite / dove finisce questa strada senza nome / dove porterà”. Ma dopo aver ammesso questa sua debolezza, torna indietro con uno sbuffo – le basterà una buona crema antirughe per prendere in giro il tempo, per farlo interrompere, tutto a un tratto.

    In “Consigli a me stessa quando piove” la Racca si fa ancora più esplicita: “Ricorda che per sopravvivere bisogna disobbedire / Porta con te un ombrello a colori / Se non puoi vincerla, sfoggia la malinconia”. Molto bello, questo passo. Tanto vero.

    Divertenti i calembour sperimentati in “La suocera di M.”, “Tuttifrutti” e in “Punti fermi”, giocattolone lirico sulle virgole, i punti esclamativi e i puntini di sospensione.

    Lirismo domestico e ispirato in “Riordinando l'armadio”: a riprova della bellezza delle piccole cose, della possibilità d'una poesia della quotidianità: “Ho chiesto ai calzini / l'arte di essere due / e di perdersi e / di ritornare. / Ho chiesto alle lenzuola / l'arte del silenzio / e di accarezzare [...]”, l'incipit suona così. E il resto è un gioco di “ho chiesto” e di oggetti minimi e fondamentali, o di cammei inattesi (le tarme), fino all'epilogo dolcissimo e romantico.

    **

    “Poesie antirughe” è un libro da performance, naturalmente. E uno scrigno di speranza e di forza e di personalità e di umanità da cui attingere allegria, e voglia di vivere, e un pizzico di semplicità. L'ultima parte è formata da italianizzatissimi haiku. L'epilogo abbaia. Saggia scelta.

    Forte.

    Gianfranco Franchi

    ha scritto il 

  • 4

    Piangi, lasciati piovere, lasciati stare
    Riposa, lasciati vegliare
    Brinda, ci sono notti da ubriacare


    Se le tue mani ti sembrano opache
    dipingi le unghie di rosso


    Ricorda che per sopravvivere bisogna disobbedire


    Porta con te un ombrello a colori


    se non puoi vincerla, s ...continua

    Piangi, lasciati piovere, lasciati stare Riposa, lasciati vegliare Brinda, ci sono notti da ubriacare

    Se le tue mani ti sembrano opache dipingi le unghie di rosso

    Ricorda che per sopravvivere bisogna disobbedire

    Porta con te un ombrello a colori

    se non puoi vincerla, sfoggia la malinconia.

    http://www.elle.it/Entertainment/Libri/Intervista-Poesie-Antirughe-Alessandra-Racca

    ha scritto il