Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Poesie d'amore del Novecento

Di

Editore: Mondadori

4.0
(37)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 704 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804543205 | Isbn-13: 9788804543206 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Curatore: Paola Dècina Lombardi

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Poesie d'amore del Novecento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L'amore, che nel mondo classico era considerato la divinità più antica e misteriosa, è da sempre un tema privilegiato della poesia: forse per il suo carattere di omaggio alla persona amata, e forse perché attraverso la magia e la musicalità delle parole i versi riescono a evocare quell'essenza oscura che si esprime nella gioia o nel pianto, nel desiderio o nell'appagamento.
Nel corso del '900 la poesia come universale veicolo di sentimenti ha registrato notevoli cambiamenti: rottura delle forme tradizionali, sperimentalismi, nuove concezioni del ruolo del poeta. L'amore tuttavia resta un tema forte e continua a essere riproposto nelle sue infinite sfumature, che vanno dal sacro al profano, dalla tenerezza al conflitto.
Ordina per
  • 5

    Amore. E amore, ancora amore. Un secolo, con alle spalle millenni d'amore. E ancora decenni e secoli a venire, densi d'amore. Un libro dedicato alla poesia d'amore di un intero secolo non può che ...continua

    Amore. E amore, ancora amore. Un secolo, con alle spalle millenni d'amore. E ancora decenni e secoli a venire, densi d'amore. Un libro dedicato alla poesia d'amore di un intero secolo non può che fare bene all'anima, e non può che destare aspettative, grandi aspettative. E tutte queste si rivelano appagate. Certamente non tutti i testi sono allo stesso livello (io, ad esempio, tendo ad apprezzare poco molti dei poeti italiani qui proposti), ma le scoperte sono degne di interesse: numerosi sono gli autori a me sconosciuti che ho avuto modo di apprezzare (un esempio, la svedese Boye) o i testi a me ignoti di poeti già letti che ho scoperto ("Tu mi sposerai" di Prévert, ed è un brivido, sebbene abbia apprezzato poco o nulla una sua raccolta di liriche d'amore). La poesia d'amore rompe la quotidianità con la potenza di un verso ("May be"), e si affollano in queste pagine i poeti che hanno tentato di scrivere per l'amata, per l'amato, o semplicemente per l'amore, questo verso, riuscendoci o meno a seconda del parere di noi lettori, o delle muse degli autori. E noi ce ne stiamo qui a bearci di questi versi, intuendo, nella potenza di certe note, quanto sia fondamentale l'amore per ogni lirica. La storia della poesia è la storia dell'amore, in fondo, e nessun poeta (anche quelli più noti per l'energia che hanno profuso nell'analisi di altri problemi) può dire di non averne risentito. Sembra quasi che ogni uomo o donna che sia passato nella vita di questi autori sia stato trasfigurato nel verso di una lirica che questi grandi poeti hanno subito provveduto a scrivere. Ecco i suoni in cui ci si ritrova. Stanno tutti nell'amore di cui dubita il Ricardo Reis di Pessoa, nella terra che è alla base della poesia di Neruda, in alcune parole scritte volutamente in inglese da poeti italiani, nel desiderio violento di Alda Merini, nei ripari della Boye, nell'erotismo di Cummings, nel ritmo di Prévert, nello stile secco di Hemingway, e via, via così, verso un dedalo che conta anche Ungaretti, Zanzotto, Thomas, Eliot, Thomas, Sanguineti, e tanti altri nomi... Non colloco tutti allo stesso livello, e in fondo non sono poi tante le liriche che hanno incontrato il mio gusto... ma come fare a resistere al richiamo di questi versi? Alla potenza che in ognuno di essi traspare? Non è possibile. Il senso di questo testo verosimilmente è nella scoperta di nomi e possibilità non ancora sospettate, dediche e pensieri non ancora ponderati, e nell'individuare, dietro ognuna di queste cose, la primordiale voglia di leggere e scrivere d'amore: voglia, questa, che dovrebbe risiedere in ognuno di noi. Buona lettura!

    ha scritto il 

  • 4

    Ehm... si è capito che amo la poesia vero? ^^ Le poesie d'amore sono le mie preferite, e... aww, queste sono meravigliose. IN particolare adoro Penna, le poesie sono musicali e belle. Tutti, tutti, ...continua

    Ehm... si è capito che amo la poesia vero? ^^ Le poesie d'amore sono le mie preferite, e... aww, queste sono meravigliose. IN particolare adoro Penna, le poesie sono musicali e belle. Tutti, tutti, tutti ottimi autori.

    ha scritto il 

Ordina per