Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Poesie d'amore per ragazze kamikaze

Di

Editore: Purple Press

4.2
(103)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 93 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8895903137 | Isbn-13: 9788895903132 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Poesie d'amore per ragazze kamikaze?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nascosto nei sottopassaggi della metropolitana, travolto dalle automobili che sfrecciano sulla tangenziale, perso tra le vetrine dei negozi del centro o confuso nella programmazione di mille trasmissioni televisive, prima o poi l'amore arriva: per colpirvi il cuore come un raggio fotonico, per bendare e rapire la vostra anima, per trasformare il mondo in una giungla. Una rivoluzione fatta di parole e di emozioni, di corpi che si incontrano e di visioni destinate a sconvolgere il paesaggio circostante. Solo con la poesia vi sentirete al sicuro.
Ordina per
  • 4

    Poesie d'amore per ragazze kamikaze (2009)

    AL SUONO IPONOTICO DELLA LAVATRICE

    lavo le mie macchie curo le ferite trasformo il dolore in cicatrice.

    Ho preferito Il vero amore non ha le nocciole, queste poesie sono molto più elencative, di alcune colpiscono solo le chiuse. Comunque notevoli

    ha scritto il 

  • 4

    poesie metropolitane, vitali, vere. non si sente puzza di vecchio o melenso o triste. >O meglio, diciamo che c'è una tristezza consapevole, qualche vaga speranza di redenzione (?) dalle colpe e i dolori che ci sbatte addosso la vita...e la consapevolezza di esserci per contare sempre su noi st ...continua

    poesie metropolitane, vitali, vere. non si sente puzza di vecchio o melenso o triste. >O meglio, diciamo che c'è una tristezza consapevole, qualche vaga speranza di redenzione (?) dalle colpe e i dolori che ci sbatte addosso la vita...e la consapevolezza di esserci per contare sempre su noi stessi in primis. bello davvero..io lo tengo in borsa come qualcosa di necessario.

    ha scritto il 

  • 4

    Cristallo fragile eppur durissimo, a seconda delle forze che sopporta e delle loro direzioni può essere pure flessibile.


    L'affiancare giovane-poetessa-urbana, non vi muova ad anatema.


    Non c'è l'arbusto in agguato, non la giulebbe di fotocopie di passione®©™(cit.) sui pancake rivend ...continua

    Cristallo fragile eppur durissimo, a seconda delle forze che sopporta e delle loro direzioni può essere pure flessibile.

    L'affiancare giovane-poetessa-urbana, non vi muova ad anatema.

    Non c'è l'arbusto in agguato, non la giulebbe di fotocopie di passione®©™(cit.) sui pancake rivendicatorii, o versi intossicati preorgasmici per pagine e pagine come talune in voga o wannabe in foga ci abituano a temere. Leggetelo e anche in voi si apriranno parecchie finestre, talvolta ahimè sul gasometro, altre sull'angolo dei pusher bulgari. Ma questa è la città: trilocale terrazzabitabile vista mare centomila euro non fa più parte del nostro universo.

    Non copincollo. In rete ne trovate, ma perbacco, compratevelo. Costa come un aperitivo, fa venir fame e l'etilometro troverà un altro bersaglio.

    Ah. Sa maneggiare la metrica quanto basta, ritmo come eccipiente, involucro sonoro, quantità pediatriche d'assonanze e pure omeopatiche di colpi di scena. Non mutuabile.

    Colonna sonora: Anna Moxa & i Cauterizzatori. (Thrash Metal)

    ha scritto il 

  • 5

    non trovo parole migliori del commento fatto su "Linus":

    "Quelle di Francesca genti non sono poesie nel senso polveroso e melenso del termine:piuttosto sono sulfurei quadretti di combattività femminile"

    con una una forte eco della metrica classica Bravaaa

    ha scritto il 

  • 4

    mi manchi

    è un sentimento. va al di là della letteratura rosa. è un dato di fatto, ed è ingombrante: una poltiglia emozionale disgustosa. è struggimento. è piuttosto imbarazzante: una cicciona che sculetta in tuta rosa.

    ha scritto il 

  • 3

    Dedicato a Francesca

    Cara Francesca Genti della mia gioia tu cosa senti? La bella scoperta della tua poesia l'irresistibile mia frenesia sul tram in metrò e, sai, anche al lavoro di leggerti e ridere, e senza decoro.

    ha scritto il 

Ordina per