Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Poesie di Chlebnikov

Di

Editore: Einaudi

4.5
(10)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 258 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000125205 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Poesie di Chlebnikov?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    da Solo noi, arrotolati i vostri tre anni di guerra - 21 aprile 1917

    [...]
    Ascoltate, stati degli spazi,
    ecco ormai da tre anni
    voi fate finta
    che l'umanità sia soltanto una pasta,
    un dolce biscotto che vi si scioglie in bocca;
    e se il biscotto scatterà come un rasoio, dicendo: mammina?
    Se lo spargeremo di noi,
    come ...continua

    [...]
    Ascoltate, stati degli spazi,
    ecco ormai da tre anni
    voi fate finta
    che l'umanità sia soltanto una pasta,
    un dolce biscotto che vi si scioglie in bocca;
    e se il biscotto scatterà come un rasoio, dicendo: mammina?
    Se lo spargeremo di noi,
    come d'un tossico?
    D'ora in poi noi ordiniamo di sostituire le parole "Per grazia divina"
    con "Per grazia delle Isole Figi"
    [...]
    Quanto a noi, condottieri d'una umanità
    da noi edificata secondo le leggi dei raggi
    con l'ausilio delle equazioni del fato,
    noi rinneghiamo i padroni,
    che si spacciano per governanti,
    per stati e altre case editrici
    e ditte commerciali Guerra & C.,
    che hanno appoggiato i mulini del dolce benessere
    all'ormai triennale cascata
    di vostra birra e di nostro sangue
    dall'inerme onda rossa.
    [...]

    ha scritto il 

  • 5

    Poeta "dissipato" come tanti altri della sua generazione, Chlebnikov è un rivoluzionario della parola, uno degli ultimi visionari della poesia, vissuto e morto da poeta. Il mondo sta giustamente riscoprendo l'artista che voleva sfamare villaggi interi bollendo laghi e usava le parole come in un g ...continua

    Poeta "dissipato" come tanti altri della sua generazione, Chlebnikov è un rivoluzionario della parola, uno degli ultimi visionari della poesia, vissuto e morto da poeta. Il mondo sta giustamente riscoprendo l'artista che voleva sfamare villaggi interi bollendo laghi e usava le parole come in un gioco infinito. Conoscere un po' la lingua russa aiuta, ma per fortuna la traduzione è affidata ad uno dei migliori russisti un tempo in circolazione.

    ha scritto il 

  • 4

    Velimir Chlebnikov si presenta come una delle personalità più eclettiche e innovative del futurismo con il suo studio attento sulla tradizione allo scopo di svilupparla e, da essa, creare qualcosa di fondamentalmente “nuovo”. Il richiamo al primitivo, all’origine unitaria dell’essere, da lui esem ...continua

    Velimir Chlebnikov si presenta come una delle personalità più eclettiche e innovative del futurismo con il suo studio attento sulla tradizione allo scopo di svilupparla e, da essa, creare qualcosa di fondamentalmente “nuovo”. Il richiamo al primitivo, all’origine unitaria dell’essere, da lui esemplificata nel numero si connubia con questa ricerca della parola “universale” e rivoluzionaria. Una doppia ricerca che sarà sempre accompagnata dalla figura del palindromo, espressione del tema dell’inverso, e dell’antinomia, la compresenza degli opposti. Tutto in Chlebnikov ha una valenza ricollegabile al problema del tempo, che lui tende a superare nello slancio utopistico di misurarlo, permettendo così la sconfitta di esso, e quindi della morte, e proponendo un tempo ciclico che dal futuro permetta un pieno controllo del passato.
    In Chlebnikov la parola è sviscerata ma senza mai perdere il contatto con il significato bensì acquisendo accezioni sicuramente possibili ma non ancora esplorate.
    Nonostante la difficile interpretazione delle opere, che richiede al lettore numerosi collegamenti, rimandi e richiami a mitologia slava e non solo, l’opera di Chlebnikov, vista alla luce di quelle che sono le sue teorie, è illuminante.
    Certamente presuppone una previa conoscenza dei suoi studi per poter essere pienamente compresa ed accettata ma il gioco vale la candela.
    Difficile rimanerne delusi.
    Il detentore del Segreto del Tempo, il Mago, il pellegrino della Steppa, il Presidente vi irretirà nella sua rete e sarà impossibile liberarsene.

    ha scritto il 

  • 5

    Gli anni, gli uomini e i popoli
    fuggono via per sempre,
    come l'acqua fluente.
    Nel duttile specchio della natura
    le stelle fan da rete, noi da pesci,
    i numi sono spettri in grembo al buio.
    -------------------------
    Dal sacco
    si sparsero al suolo le cose.
    ...continua

    Gli anni, gli uomini e i popoli
    fuggono via per sempre,
    come l'acqua fluente.
    Nel duttile specchio della natura
    le stelle fan da rete, noi da pesci,
    i numi sono spettri in grembo al buio.
    -------------------------
    Dal sacco
    si sparsero al suolo le cose.
    Ed io penso
    che il mondo
    è soltanto un sogghigno,
    che luccica fioco
    sulle labbra di un impiccato
    (1908.)
    -----------------------------
    .....
    Stanotte amare poteva persino una tomba...
    E il vino serale
    e le donne serali
    si intrecciano in un'unica ghirlanda,
    di cui sono il fratello minore.

    ------------------------------
    Quando stanno morendo, i cavalli respirano,
    quando stanno morendo, le erbe intristiscono,
    quando stanno morendo, i soli si spengono,
    quando stanno morendo, gli uomini cantano.
    (1913.)

    ha scritto il