Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Poesie erotiche

Di

Editore: ES Editrice

3.6
(11)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8895249097 | Isbn-13: 9788895249094 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Ti piace Poesie erotiche?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Per tre volte Goethe si dedica alla letteratura erotica (verso il 1775, 1790, 1810). Ogni volta la scelta dei temi è forse dovuta anche a crisi produttive di una certa lunghezza. Ogni, volta la scrittura erotica rappresenta uno stimolo per il poeta stesso e al contempo per la totalità delle sue composizioni. Sembra quasi che per lui la scrittura erotica come segno del desiderio tocchi anzitutto l'essenza della lingua. Ma se il carattere determinante dei segni consiste nel loro definire una carenza di realtà, allora i segni del piacere come segni del desiderio sono segni assoluti. Per il poeta classico il corpo dell'amata diventa, "sottomano", il corpus dei suoi scritti. Quando la mano vuoi essere tenera, eccola registrare sul corpo della donna il metro dell'arte poetica: " Spesso ho composto poesie proprio tra le sue braccia, scandendo con dita leggere l'esametro sul dorso di lei". (Dallo scritto di Andreas Ammer)
Ordina per
  • 0

    sempre tedesco è...
    però (ed infatti):

    un tempo apparve anche a me, una bruna fanciulla
    scuri e folti i capelli le cadevano sopra la fronte.
    Riccioli brevi si attorcevano al collo grazioso
    e ...continua

    sempre tedesco è...
    però (ed infatti):

    un tempo apparve anche a me, una bruna fanciulla
    scuri e folti i capelli le cadevano sopra la fronte.
    Riccioli brevi si attorcevano al collo grazioso
    e scarruffata la chioma si increspava sul capo

    scritte, almeno le migliori, nel lungo soggiorno italiano, lontano dal "giorno grigiastro lassù al nord"...
    goethe si lamentava spesso dell'inadeguatezza della materia linguistica, il tedesco, da cui doveva trarre le sue liriche...
    in queste poesie pseudo-erotiche ha anche modo di lamentarsi del termine stupidissimo con cui in tedesco si chiama il ca..: Schwanz... "coda"...
    e che dire delle "uova"... :)

    ha scritto il