Poirot e il mistero di Styles Court

Di

Editore: Newton & Compton

3.9
(2817)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 96 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Spagnolo , Francese , Ceco , Catalano , Olandese

Isbn-10: 8879830775 | Isbn-13: 9788879830775 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bruno Armando

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Altri , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Poirot e il mistero di Styles Court?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Primo capolavoro della Chritsite con protagonista l'investigatore belga Hercule Poirot......mi verrebbe da dire "e se questo è solo l'inizio cosa mi aspetta per il resto??"!!! Assolutamente fantastico ...continua

    Primo capolavoro della Chritsite con protagonista l'investigatore belga Hercule Poirot......mi verrebbe da dire "e se questo è solo l'inizio cosa mi aspetta per il resto??"!!! Assolutamente fantastico, intreccio pazzesco,tasselli buttati li a casaccio che al momento giusto prendono ognuno il proprio posto, indizi che ad un occhio superficiale possono sembrare inutili svelano invece agli occhi esperti di Poirot tutta la loro importanza. Che dire, ad un certo punto (come mi accade praticamente sempre) ho iniziato a sospettare di tutti senza riuscire a trovare il bandolo della matassa e aspettando con ansia che l'investigatore ci svelasse il mistero; qualcosina l'avevo capita ma in tutta onestà ero molto fuori strada!

    ha scritto il 

  • 5

    Sono di nuovo stata fregata.

    Da un po' di tempo ho iniziato a leggere le storie di Poirot e da un po' di tempo cerco invano di scoprire l'assassino prima della fine del romanzo, cercando di dedurlo dagli indizi raccolti, ma anche ...continua

    Da un po' di tempo ho iniziato a leggere le storie di Poirot e da un po' di tempo cerco invano di scoprire l'assassino prima della fine del romanzo, cercando di dedurlo dagli indizi raccolti, ma anche questa volta Agatha Christie mi ha illuso di essere arrivata alla soluzione del caso e poi alla fine, proprio come Hastings sono rimasta a bocca aperta, mentre Poirot rivelava a tutti chi era l'assassino. Speravo che almeno nel romanzo d'esordio, le capacità della Christie non fossero ancora così sviluppate e che per una volta sarei arrivata da sola alla soluzione del caso, invece niente. Agatha Christie è un genio e per l'ennesima volta è riuscita a fregarmi. La signora del giallo non delude mai.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo è il primo libro scritto dalla Christie, e posso dire che mi è piaciuto molto.
    In questa storia da la sua prima comparsa Poirot, che però è già un investigatore anziano ed esperto. Grazie alle ...continua

    Questo è il primo libro scritto dalla Christie, e posso dire che mi è piaciuto molto.
    In questa storia da la sua prima comparsa Poirot, che però è già un investigatore anziano ed esperto. Grazie alle sue intuizioni alla fine si riuscirà a svelare l'intricato mistero, che come al solito rivelerà un colpevole insospettabile. Una storia intricata ed appassionante: la Christie era partita col botto insomma.
    Mi ha fatto un po' strano leggere gli eventi dalla voce di Hastings, a mio parere troppo ingenuo e sempliciotto.
    Nonostante questo, davvero un ottimo giallo, consigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 4

    Non a caso...la signora del giallo!

    Questo è il primo libro scritto da Agatha Christie e vede anche la nascita di uno dei suoi personaggi più famosi - che a zia Agatha non stava troppo simpatico - Hercule Poirot. La trama è astuta, arzi ...continua

    Questo è il primo libro scritto da Agatha Christie e vede anche la nascita di uno dei suoi personaggi più famosi - che a zia Agatha non stava troppo simpatico - Hercule Poirot. La trama è astuta, arzigogolata, non a caso è stata chiamata la regina del giallo. Ora come ora un colpevole come questo (non rivelo nulla tranquilli) magari potremmo aspettarcelo, dopo tanta narrativa e tv; ma qui siamo nel 1920 davvero una antesignana e non si considerava neanche una scrittrice!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Nel comperare questo libro non mi ero accorto che in realtà si trattava del primo romanzo scritto da Agatha Christie; come spiega la prefazione, la Christie divenne giallista per scommessa: in realtà ...continua

    Nel comperare questo libro non mi ero accorto che in realtà si trattava del primo romanzo scritto da Agatha Christie; come spiega la prefazione, la Christie divenne giallista per scommessa: in realtà purtroppo fece una fatica enorme all'inizio a trovare un editore che le stampasse la sua opera d'esordio, il che induce a credere o che nell'Inghilterra degli anni Venti di giallisti ce ne fosse una pletora, un po' come nell'Italia d'oggigiorno, o che gli editori britannici di gialli non fossero allora particolarmente acuti; nonostante qualche tratto acerbo, infatti, il romanzo è una macchina perfettamente oliata, e dimostra che per il giallo l'ancor giovane autrice aveva un enorme talento istintivo. Oltre ad essere il primo suo libro, è anche quello in cui fa la comparsa Hercule Poirot: siamo negli anni della Grande Guerra, e l'omino belga, già celebre come investigatore, e già anziano, si trova sfollato con altri suoi compatrioti nel paesetto inglese dove avviene l'assassinio d'una ricca e volitiva possidente locale; il modello costituito da Sherlock Holmes è presente con molta evidenza, perché Poirot, sebbene già caratterizzato in modo autonomo (pur con tratti un po' caricaturali che poi saranno smussati con l'andar del tempo), nel modo in cui porta avanti il suo metodo deduttivo appare ancora rimodellato sull'illustre precedente di Conan Doyle, tanto da avere anche un Watson nei panni del narratore, l'onesto e non troppo sveglio Hastings, che dopo qualche romanzo la scrittrice toglierà di mezzo. Non è possibile raccontare di più al riguardo del romanzo, perché dovunque si andasse a parare si finirebbe per rivelarne la trama: non si rivela niente di eccezionale invece col dire che, come in altri casi in Agathe Christie, si tratta d'un’affascinante storia di veleni: reali e metaforici.

    ha scritto il 

  • 4

    Molto incerta tra 5 e 4 stelline. Alla fine ne metto 4 solo perché personalmente il classico giallo inglese di cui la Christie è regina per me è un po' troppo cervellotico. Però niente da dire, nel su ...continua

    Molto incerta tra 5 e 4 stelline. Alla fine ne metto 4 solo perché personalmente il classico giallo inglese di cui la Christie è regina per me è un po' troppo cervellotico. Però niente da dire, nel suo genere questo è un capolavoro! Chapeau.

    ha scritto il 

  • 4

    Geniale!!!

    Era da tanto che volevo leggere un romanzo della Christie e ho deciso di iniziare dal primo che ha scritto e in cui compare per la prima volta il famoso ispettore Poirot, nonostante molti dicano non s ...continua

    Era da tanto che volevo leggere un romanzo della Christie e ho deciso di iniziare dal primo che ha scritto e in cui compare per la prima volta il famoso ispettore Poirot, nonostante molti dicano non sia uno dei migliori.
    All'inizio ero un po' perplessa, non riuscivo a capire se mi piacesse o no (forse perchè mi ci vuole un po' ad abituarmi ad un tipo di scrittura e generi diversi) ma poi scorre come l'olio, e l'ho trovato veramente geniale...un sacco di indizi che ti fanno sospettare di tutti in un primo momento per poi ricrederti subito dopo, e che ti tengono incollata fino all'ultima pagina. E che dire dell'ispettore Poirot...personaggio molto particolare che mi ha ispirato simpatia già dal primo romanzo....e credo proprio che mi farà compagnia anche in prossime letture...se già questo mi è piaciuto tanto, non vedo l'ora di leggere i romanzi considerati "capolavori"...

    ha scritto il 

Ordina per