Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Politica pop.

Da «Porta a porta» a «L'isola dei famosi»

Di ,

Editore: Il Mulino

3.6
(27)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 180 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8815132732 | Isbn-13: 9788815132734 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Political , Social Science

Ti piace Politica pop.?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quando la televisione ha scoperto che la politica può fare audience, e i politici che possono raggiungere il vasto pubblico adattandosi alle logiche dello spettacolo, è nata la politica pop: un "ambiente mediale" scaturito dal collasso di generi televisivi e costumi sociali invecchiati, in cui politica e cultura popolare, informazione e intrattenimento, comico e serio, reale e surreale si fondono in una nuova miscela espressiva. Per molti è una pericolosa deviazione dal compito "alto" della formazione di un'opinione pubblica avveduta. Intanto, però, quell'enorme frullatore di realtà e finzione che è la Tv ha scodellato una sorta di turbo-politica. Né mancano autorevoli studiosi secondo cui l'infotainment offre un'informazione minima, ma sufficiente a una "cittadinanza sottile". Dovremo allora rivalutare il "Grande Fratello", paradossale scialuppa di civismo, attraverso il televoto, per cittadini altrimenti destinati all'emarginazione? Bisognerà in ogni caso considerare con occhi nuovi,come in questo libro, "Annozero" e "Ballarò", "Che tempo che fa" e "Domenica in", "Le iene" e "Porta a porta", "Striscia la notizia" e "Matrix".
Ordina per
  • 4

    Libro interessante che però come tutti i libri di attualità risente del periodo in cui è stato scritto (2010), infatti non contiene nemmeno una riga su Twitter (mentre nomina Facebook). Per il resto è scorrevole, a parte le (per fortuna poche) note presenti in alcuni capitoli che rimandano alla f ...continua

    Libro interessante che però come tutti i libri di attualità risente del periodo in cui è stato scritto (2010), infatti non contiene nemmeno una riga su Twitter (mentre nomina Facebook). Per il resto è scorrevole, a parte le (per fortuna poche) note presenti in alcuni capitoli che rimandano alla fine dello stesso invece che a fondo pagina. Inoltre le due o tre citazioni di personaggi importanti stranieri sono riportate per esteso in lingua originale e non tradotte.

    ha scritto il 

  • 3

    mi aspettavo molto di +

    la mia solita manìa di comprare libri a scatola chiusa, specie se ho letto qualche recensione entusiastica, mi porta ad aspettarmi tanto....
    e un libro come questo, un po' teoria dell'evoluzione dei format tv, un po' involuzione dell'Uomo quale "animale" politico, mi si sofferma un po' troppo (pe ...continua

    la mia solita manìa di comprare libri a scatola chiusa, specie se ho letto qualche recensione entusiastica, mi porta ad aspettarmi tanto.... e un libro come questo, un po' teoria dell'evoluzione dei format tv, un po' involuzione dell'Uomo quale "animale" politico, mi si sofferma un po' troppo (per i miei gusti) sul primo aspetto.

    ma è colpa mia.

    ha scritto il 

  • 4

    Quando la televisione ha scoperto che la politica può fare audience, e i politici hanno capito di poter raggiungere il vasto pubblico adattandosi alle logiche dello spettacolo, è nata la politica pop: un “ambiente mediale” scaturito dal collasso di generi televisivi e costumi sociali invecchiati, ...continua

    Quando la televisione ha scoperto che la politica può fare audience, e i politici hanno capito di poter raggiungere il vasto pubblico adattandosi alle logiche dello spettacolo, è nata la politica pop: un “ambiente mediale” scaturito dal collasso di generi televisivi e costumi sociali invecchiati, in cui politica e cultura popolare, informazione e intrattenimento, comico e serio, reale e surreale si fondono in una nuova miscela espressiva.

    ha scritto il 

  • 5

    Politica Pop di Mazzoleni e Sfardini

    Notevole libro...spiega in maniera ben corretta, e per la prima volta, cosa sia l'Infotainment nei mass media ( che non è una brutta parola ma una categoria sociologica, per chi vuol saperne di più http://it.wikipedia.org/wiki/Infotainment la classica Wiki savolta è utile come riferiment ...continua

    Notevole libro...spiega in maniera ben corretta, e per la prima volta, cosa sia l'Infotainment nei mass media ( che non è una brutta parola ma una categoria sociologica, per chi vuol saperne di più http://it.wikipedia.org/wiki/Infotainment la classica Wiki savolta è utile come riferimento ma leggetevi il volume, perchè esiste, nasce dall'attrazione fra la TV e la politica, attrazione fatale e necessaria le conseguenze e gli esiti ? Berlusconi è il male, non è così semplice sapete...ma mica la ha inventata lui tutto questo.

    Costa poco. Vale molto. Apre la testa..e non mi hanno pagatoper scriverlo.

    ha scritto il 

  • 0

    Banalizzazione o risorsa?

    La politica pop è quella che «ispira la narrazione e l’interpretazione di storie in grado di offrire identificazione alle domande popolari» (p.8)
    Uno studioso di comunicazione politica e una ricercatrice del mondo dei media scrivono questo saggio che analizza lo spostamento della comunicazione po ...continua

    La politica pop è quella che «ispira la narrazione e l’interpretazione di storie in grado di offrire identificazione alle domande popolari» (p.8) Uno studioso di comunicazione politica e una ricercatrice del mondo dei media scrivono questo saggio che analizza lo spostamento della comunicazione politica verso un versante politainment in cui la politica si fonde con l’intrattenimento: dai politici che vincono reality show, alla spettacolarizzazione della vita privata di esponenti di partito, parlamentari,ministri e presidenti . Ovunque negli ultimi decenni, con la diffusione di mass e new media le logiche della comunicazione politica si sono adattate a quelle mediali, sopratutto televisive: in Italia ne sono una dimostrazione programmi come Le iene e Ballarò che alternano momenti comici, satirici e di gossip sulla classe dirigente ad altri di scottante denuncia. Questo cambiamento di strategie politiche fa bene o male alla consapevolezza cittadini? Anna Sfardini e Giampiero Mazzoleni analizzano con equilibrio, precisione e chiarezza queste nuove modalità di confezionamento della materia politica che talvolta si rivela un’inaspettata risorsa civica, tracciando un interessante mappatura di come la politica viene declinata sui nostri schermi.

    ha scritto il